Babau

Babau


Questa figura emaciata ricorda uno scheletro umano dotato di corna e racchiuso in un guscio aderente di pelle viscida.

Descrizione

Babau.jpg

I babau sono privi della necessità di nutrirsi (sebbene la maggior parte di loro adori sentire il sapore di carne mortale sulla sottile e ruvida lingua), sono alti 1,8 metri ma pesano soltanto 70 kg.

Genesi e consuetudini

I babau vengono creati dalle anime mortali di assassini solitari, quelli che in vita traevano piacere da omicidi di natura più intima e personale. Per questo motivo, queste creature sono sadiche assassine: sicuramente tratti non inusuali nei demoni, eppure la propensione dei babau per la sorpresa e il sotterfugio li distinguono dai loro cugini solitamente meno subdoli. Un babau può rimanere in agguato per anni o decenni: la loro pazienza inumana nel pregustare un omicidio ben congegnato li differenzia ulteriormente dagli altri abitanti dell’Abisso. I babau sono ossessionati dall’atto di uccidere e sono estremamente orgogliosi della loro abilità in questa orrenda arte, lasciandosi spesso dietro un qualche tipo di macabro segno o oscuro marchio, che si tratti di uno specifico modus operandi, uno spaventoso ricordo o di altre profane tracce. Liberati nel Piano Materiale, i babau si ritrovano spesso a rivestire lo stesso ruolo che avevano in vita e che nella loro forma diabolica hanno perfezionato: essi cacciano negli angoli bui del mondo come assassini senza scrupoli.

Combattimento

Un babau è di solito dotato di una lancia lunga o di un’altra arma con la quale può colpire gli avversari oltre la sua normale portata, ma se gliene viene offerta l’opportunità, il babau preferisce battersi con le sue armi naturali. La fetida e caustica bava che trasuda continuamente dalle carni impedisce loro di indossare armature, a meno che non siano state trattate in maniera particolare o siano resistenti all’acido.


Bibliografia
1. Jason Bulmahn Dungeons & Dragons Pathfinder - Bestiario, Paizo Publishing, LLC, Wyrd Edizioni, 2009

(IMPORTANTE! POLICY: Gran parte del testo è liberamente tratto e in parte adattato dalle fonti citate e comunque dalle pubblicazioni Dungeons & Dragons della TSR e della Wizards of the Coast, nonchè dalle traduzioni ufficiali della 25 Edition, oltre ad altre fonti come le pubblicazioni della PAIZO Publishing per Pathfinder, che mantengono i diritti, intellettuali e non, sull'ambientazione e i suoi elementi. Allo stesso modo tutte le immagini sono coperte da copyright e vengono presentate senza alcuno scopo di lucro, corredate di autore e proprietario, e pertanto non sono riproducibili o utilizzabili in nessun ambito commerciale.)

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License