Belashyrra

Belashyrra

Belashyrra, il Signore degli Occhi - by Lucio Parrillo

Belashyrra, il Signore degli Occhi è uno dei daelkyr, una razza aliena proveniente dal piano di Xoriat (il Reame Remoto). Egli e i suoi fratelli invasero il continente di Khorvaire - nel mondo di Eberron - durante l'Era dei Mostri. Anche se la maggior parte dei daelkyr venne rimandata a Xoriat dai Druidi Custodi dei Portali, Belasyhyrra è uno dei sei daelkyr che rimasero nel Khorvaire. Dalla sua Cittadella degli Occhi Senza Palpebre nelle profondità del Khyber, Belashyrra aspetta che i signori di Xoriat ascendano di nuovo al potere.

Storia

Approssimativamente 10.000 anni fa, il piano di Xoriat divenne adiacente al mondo materiale di Eberron. Durante quel tempo, i signori di Xoriat, membri di una razza aberrante conosciuta come daelkyr, perforarono le pareti planari e lanciarono un'invasione di Eberron, sul continente di Khorvaire. Essi assalirono l'Impero Dhakaani dei goblinoidi, distruggendo l'un tempo potente impero e decimando la maggior parte del Khorvaire occidentale. Ciononostante, i daelkyr vennero fermati da un'antica setta di druidi conosciuta come i Custodi dei Portali. I Custodi dei Portali riuscirono a fermare la Guerra dei Daelkyr, bloccando il piano di Xoriat da Eberron attraverso l'uso di grandi portali. La maggior parte dei daelkyr venne respinta a Xoriat attraverso di essi, e tuttavia qualcuno rimase su Eberron. Quei pochi daelkyr che restarono furono costretti a fuggire nel Sottosuolo, all'interno di Khyber.

Uno dei sei daelkyr che i saggi dicono essere stati lasciati indietro, alcuni dicono che Belashyrra sia il più terribile di tutti loro. Dal momento della sua fuga all'interno di Khyber, Belashyrra aspetta pazientemente, apparendo solo a coloro che venerano il Culto del Drago Sotterraneo. Egli ha trovato una nuova casa: la Cittadella degli Occhi Senza Palpebre, dove egli comanda i suoi seguaci, fra i quali sono compresi foulspawn, mind flayer, aboleth, e beholder. Fin da quando è stato intrappolato all'interno del Khyber, egli si è accontentato semplicemente di essere un artista; tuttavia, il suo obiettivo è quello di usare tutto Eberron come la sua tela.

Sembianze

A differenza della maggior parte dei suoi disgustosi fratelli, Belashyrra indossa un aspetto umano. Cononostante, il suo travestimaento non è perfetto: chiunque guardi la sua faccia può notare come essa sia interamente sprovvista di ogni emozione. In aggiunta, si batte che chiunque guardi negli occhi di Belashyrra veda il riflesso dei propri stessi occhi.

Come tutti i daelkyr, Belashyrra è un signore di simbionti. Belashyrra detiene un simbionte pettorale che assorbe i danni, una frusta tentacolo innestata sul suo braccio sinistro, e un amuleto occhio artificiale che incrementa i poteri del suo ospite.

Abilità

Come tutti i daelkyr, Belashyrra possiede l'abilità di distorcere la realtà. Egli può modellare la carne in qualunque forma voglia. Mentre i suoi fratelli hanno distorto i goblin fino a formare i dolgrim, alcuni dicono che l'ossessione per gli occhi di Belashyrra gli abbia fatto plasmare i primi beholder di Eberron. Si batte che, dalla sua Cittadella degli Occhi Senza Palpebre, Belashyrra possa vedere attraverso gli occhi di ogni essere vivente, toccando le pareti viventi della sua cittadella.

Belashyrra, come gli altri daelkyr, è circondato da un'aura di pazzia. Parla il linguaggio nativo dei daelkyr, ma egli può anche parlare e capire qualunque linguaggio intelligiente. Come gli altri daelkyr, Belashyrra è vulnerabile al tocco del Byeshk.


Bibliografia
1. Belashyrra su "eberron.wikia.com" - vedi la pagina

(IMPORTANTE! POLICY: Gran parte del testo è liberamente tratto e in parte adattato dalle fonti citate e comunque dalle pubblicazioni Dungeons & Dragons della TSR e della Wizards of the Coast, nonchè dalle traduzioni ufficiali della 25 Edition, oltre ad altre fonti come le pubblicazioni della PAIZO Publishing per Pathfinder, che mantengono i diritti, intellettuali e non, sull'ambientazione e i suoi elementi. Allo stesso modo tutte le immagini sono coperte da copyright e vengono presentate senza alcuno scopo di lucro, corredate di autore e proprietario, e pertanto non sono riproducibili o utilizzabili in nessun ambito commerciale.)

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License