Buomman

Buomman

Buomman - by S. Prescott

Forse c'è stato un momento in cui i buomman erano semplici visitatori umani recatisi nel Piano Astrale. Ora, però, a distanza di centinaia o forse migliaia di anni, non sono né semplici visitatori né semplicemente umani. I buomman, che alcuni viaggiatori astrali conoscono come monaci gementi, vivono in templi più o meno grandi creati dal pulviscolo astrale, e ritengono che tali templi siano la forma mortale di divinità dormienti, dimenticate da tempo. Solo i buomman sanno se abitano queste strutture per risvegliare tali divinità oppure nello sforzo di assicurarsi che rimangano dormienti.

Personalità

I buomman sono creature tranquille, riservate e deferenti. Pur sembrando capaci di comprendere i linguaggi, non "parlano" alcuna lingua oltre ai loro canti profondi e risonanti, cantati in un dialetto chiamato Buommi, che sembra più simile alla musica che a una vera lingua.

Descrizione fisica

I buomman hanno più o meno l'aspetto umano, ma i loro volti sono allungati e incurvati così come mani e piedi (questa caratteristica si nota soprattutto nelle dita). In media, i buomman sono un po' più bassi e grassi degli umani. Un maschio buomman porta capelli lunghi e ha sopracciglia cespugliose; una femmina buomman sembra apparentemente glabra. I buomman raggiungono la maturità all'incirca alla stessa età degli umani, e i membri più anziani della razza possono vivere fino a 120 anni.

Relazioni

I buomman di solito passano le loro intere vite in contemplazione ascetica entro i confini del tempio in cui sono nati. Di volta in volta, tuttavia, un buomman (in particolare un buomman monaco) si allontana dalla sua casa per esplorare il Piano Astrale oppure altri piani per curiosità rispetto ai mondi esterni. Talvolta questi individui tendono a diventare servitori di githzerai vaganti, e in qualche occasione si avventurano con loro fino al Limbo. I buomman evitano i confronti con esterni malvagi, più per cautela che per paura o avversione. Se proprio si vuole cercare un nemico dei buomman, lo si troverà sui piani del Pandemonium o dell'Abisso. I buomman vanno piuttosto d'accordo con creature provenienti dal Piano Elementale della Terra o dal Piano Elementale dell'Acqua.

Allineamento

Di norma, un buomman è legale, e mostra una tendenza verso il legale neutrale o il legale buono. Sono pochi i buomman legali malvagi o semplicemente neutrali.

Religione

I buomman non praticano le religioni tradizionali, ma piuttosto venerano i oro templi sul Piano Astrale. Quei pochi che viaggiano in lungo e in largo sviluppano una certa affinità nei confronti di Fharlanghn, il dio delle strade. Pochi buomman però diventano chierici di qualsiasi divinità, poiché il loro voto contro il linguaggio (descritto più avanti) rende difficile il lancio di incantesimi. Coloro che desiderano imparare a lanciare incantesimi con componenti verbali devono acquistare il talento Incantesimi Non Verbali.

Dipende dai singoli buomman stabilire se il loro personaggio ritiene che i corpi astrali sui quali la sua gente vive siano divinità morte, divinità dormienti che devono essere risvegliate, oppure divinità dormienti che non dvono mai e poi mai essere destate. I buomman neutrali di solito credono alla teoria delle divinità morte, mentre i buomman legali buoni ritengono che le divinità stiano dormendo e che un giorno si risveglieranno per diffondere di nuovo la loro potenza. I buomman legali malvagi temono il ritorno di queste divinità, e intonano i loro canti per prevenirne il risveglio.

Linguaggio

I buomman comunicano l'un l'altro per mezzo dei loro canti profondi e gutturali, ma i concetto che vengono espressi semrano più astratti che informativi. Diversamente da come si pensa di solito, un buomman non canta in continuazione; piuttosto il canto è parte dei rituali che scandiscono a sua vita quotidiana. I buomman hano un canto per l'arrivo, un canto per la partenza, un canto per la sveglia, un canto per il sonno, un canto per mangiare e infiniti altri canti per concetti molto meno concreti. Se si escludono questi canti, i buomman scelgono di non parlare alcun linguaggio riconoscibile, pur essendo capaci di apprendere qualsiasi linguaggio desiderino. Un buomman tradizionale, per esempio, comprende il Comune; semplicemente non lo parla mai.

Nomi

Essendo una razza che ha scelto collettivamente di non parlare mai, i buomman posseggono un ampio numero di nomi, tutti basati sulle note musicali. Ad esempio, una buomman femmina potrebbe esprimere il suo nome con una breve melodia in chiave di Re diesis, mentre un'altra buomman femmina potrebbe utilizzare la stessa melodia, ma in chiave di Do. Il nome di questa razza riflette tale tradizione, poiché è basato su quella nota profonda e sostenuta che ogni buomman impara a vocalizzare ancor prima di camminare: "buomm".

Per venire incontro alle altre razze, i buomman accettano di buon grado i nomignoli, ma preferiscono quelli privi di consonanti dure. "Jak", ad esempio, sarebbe un appellatvo sgradevole mentre "Lunio" sarebbe perfetto per un buomman.

Avventurieri

La maggior parte dei buomman che sente l'esigenza di esplorare ha un'età piuttosto giovane. Chi parte di solito ha l'obiettivo di raccogliere informazioni per il tempio (il che, in genere, significa vedere il multiverso), con lo scopo di ritornare alla vita ascetica non appena si stanca o sente il bisogno di casa. Alcuni, in effetti ritornano al termine delle loro vite, per introdurre nuovi concetti nelle loro società isolate.


Bibliografia
1. Bruce R. Cordell e Gwendolyn F. M. Kestrel, Dungeons & Dragons 3.5 - Atlante Planare, Guida del Giocatore ai Piani, Wizards of the Coast e 25 edition, 2007

(IMPORTANTE! POLICY: Gran parte del testo è liberamente tratto e in parte adattato dalle fonti citate e comunque dalle pubblicazioni Dungeons & Dragons della TSR e della Wizards of the Coast, nonchè dalle traduzioni ufficiali della 25 Edition, oltre ad altre fonti come le pubblicazioni della PAIZO Publishing per Pathfinder, che mantengono i diritti, intellettuali e non, sull'ambientazione e i suoi elementi. Allo stesso modo tutte le immagini sono coperte da copyright e vengono presentate senza alcuno scopo di lucro, corredate di autore e proprietario, e pertanto non sono riproducibili o utilizzabili in nessun ambito commerciale.)

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License