Divinità e Potenze (Deities and Powers)

Divinità e Potenze (Deities and Powers)


[Work in Progress]

Il dio greco Poseidone - by Brian Despain

Le divinità dei piani

Poteri. Divinità. Dèi. Molti nomi diversi per i più grandi prima classe del multiverso, i rossi infiniti e incommensurabilmente potenti che governano sugli esseri mortali e traggono forza dalle credenze collettive dei loro adoratori. La maggior parte della gente pensa che i poteri siano inconoscibili e inavvicinabili — ed ha ragione. Ma ogni babbo che voglia capire il funzionamento dei piani farebbe meglio a raccogliere più cantata che può sulle divinità, i loro servitori e le loro case. [3]

Natura delle divinità

Vedi anche: Fonti di Potere: un saggio sul Divino

Elenco delle divinità

Reami divini

Magia divina

Creature correlate alle divinità

I servitori degli dei

I delegati o tramiti (The proxies)

I sacerdoti (The priests)

I supplicanti (The petitioners)

Gli oppositori degli dei

È ben noto con quale zelo la fazione degli Athar [1] e la setta dei Soppressori di Divinità [4] si dedichino ad evidenziare le vulnerabilità e i lati oscuri delle potenze e delle loro chiese. Nel multiverso, tuttavia, vi sono intere razze animate da un forte scetticismo o da una significativa ostilità nei confronti degli dèi. A volte si tratta di una semplice ma marcata eredità culturale, come nel caso dei githyanki [4]. In altre occasioni, è la stessa natura delle specie in questione a condurle ad un odio feroce nei confronti del divino: ciò accade, per esempio, fra gli immondi asura [10] e i terribili abomini [5] ma anche fra i mortali vasharan [12]; in tutti e tre i casi, si tratta del frutto di spaventosi errori divini. Si batte che invece la natura dei sadici kyton non dipenda dalla diretta azione dei poteri ma dai pensieri più depravati ed egoisti dei mortali, da cui questi esseri presero forma; anche in questo caso, tuttavia, gli dèi non furono in grado di mantenere i kyton imprigionati a Baator. [10].

Casi a parte sembrano essere quelli dell'Antico Male Atropus e dei non-morti hunefer.
Il primo è animato dal desiderio di annientare il multiverso, creato — dice la cantata — grazie al suo stesso sacrificio. [9]
Gli hunefer sono invece mummie di semidei i cui poteri non sono completamente scomparsi nei reami astrali; questi non-morti cercano costantemente di recuperare la propria antica essenza divina ma sono condannati a venire frustrati: se una divinità morta riesce a tornare dalla sua tomba nel Piano Astrale, infatti, la carne esiliata di un hunefer verrà probabilmente dimenticata, cosa che scatenerà la furia inarrestabile del non-morto per essere stato messo da parte. [5]

Gli aboleth, infine, sono spesso animati da una decisa derisione nei confronti delle divinità poiché ricordano un tempo antichissimo, che precede la loro venuta. [7]

Gli aboleth

Gli abomini

Gli asura (immondi)

Atropus

I githyanki

Gli hunefer

I kyton

I vasharan

Altri

Y'chak, la Fiamma Viola

Certamente non un servitore degli dèi, l'Orrore Ancestrale noto come Y'chak potrebbe essere scambiato da alcune zolle per un alleato dei poteri malvagi, dato che ne promuove incessantemente l'adorazione. Si tratta, tuttavia, di un'entità aliena rispetto al multiverso: sebbene le azioni di questo Orrore Ancestrale siano volte alla distruzione della vita, i suoi fini ultimi rimangono insondabili quanto quelli dei suoi pari. [7]

Y'chak è più antico dei poteri e — secondo quanto credono gli aboleth — gli dèi della crudeltà, della guerra e della morte sono stati creati come risultato dei suoi sussurri alle menti dei mortali. [7]

Oltre le divinità

Le divinità sono davvero il vertice dell'esistenza? Molti chierici lo giurerebbero sulle loro vite, ma vi è chi coltiva un penetrante dubbio a riguardo. Gli atei e gli agnostici possono essere trovati su molti piani ma pare che nei Piani Esterni la fede incondizionata sia mediamente più difficile da trovare che sul Primario. [3]

A Sigil, in particolare, sono diffuse molte evidenze e credenze che — in modi diversi e non sempre immediatamente palesi — tendono a relativizzare la posizione delle divinità nel cosmo.

L'esempio più noto a questo riguardo è certamente quello della Signora del Dolore, in grado di tenere le divinità fuori dalla Gabbia. [2]

Anche le idee degli Athar e dei Credenti della Fonte, però, vanno in questa direzione: molti Perduti credono, infatti, in una misteriosa entità che sorveglierebbe il multiverso (e gli dèi) dall'esterno, mentre i Divini riconducono l'essenza degli dèi e di tutti gli esseri ad un'unica Fonte comune. Altre fazioni accettano più facilmente la rilevanza dei poteri nel multiverso, ma le loro credenze si volgono comunque a condizioni d'esistenza che possono mettere sottilmente in questione l'assoluta preminenza divina sul cosmo. [1]

Il Grande Ignoto

La Cadenza

La Fonte

La Signora del Dolore

Storie e miti sulle divinità

Il Flusso del Serpente

Questo mito spiega perché le divinità non si avventurino né abbiano stabilito reami nel Flogisto che circonda le Sfere di Cristallo del Piano Materiale. [11]

Il Patto Primevo

Questo racconto riveste un'importanza centrale per gli studiosi dei Piani. Esso narra infatti l'origine stessa di Baator nella sua configurazione attuale, spiegando come Asmodeus trasse in inganno le divinità della Legge e creò la razza dei diavoli. [8]

La Guerra dei Gemelli

Questo mito narra dell'eterna guerra del dio gnomesco Garl Glittergold con il suo gemello Gelf Darkhearth e costituisce un'allegoria della visione del mondo propria degli gnomi. Narra anche l'origine del giorno e della notte. [6]


Bibliografia
1. Dori J. Hein, Tim Beach e J.M. Salsbury, Advanced Dungeons & Dragons 2nd ed. Planescape – The Factol’s Manifesto, TSR, 1995-06 (cod. 2611)
2. Monte Cook, Advanced Dungeons & Dragons 2nd ed. Planescape – The Planewalker’s Handbook, TSR, 1996-08 (cod. 2620)
3. Colin McComb, On Hallowed Ground, TSR, 1996-09 (cod. 2623)
4. Monte Cook, Advanced Dungeons & Dragons 2nd ed. Planescape - A Guide to the Astral Plane, TSR, 1996-10 (cod. 2625)
5. Andy Collins, Bruce R. Cordell, Thomas M. Reid., Manuale dei Livelli Epici, Wizards of The Coast e Hasbro, 2002
6. J. Decker, M. Lyons, D. Noonan Dungeons & Dragons 3.5 – Razze di Pietra, Wizards of the Coast & Hasbro, 2004-08
7. R. Baker, J. Jacobs, S. Winter, Signori della Follia: Il Libro delle Aberrazioni, Wizards of the Coast & Hasbro, 2005-04
8. Robin D. Laws, Robert J. Schwalb, Fiendish Codex II: Tyrants of the Nine Hells (pagg. 8-9), Wizards of The Coast e Hasbro, 2006-12
9. Robert J. Schwalb, Elder Evils, Wizards of The Coast, 2007-12
10. Jason Bulmahn, Pathfinder Roleplaying Game - Bestiary 3, Paizo Publishing, 2009
11. Tratto dalla pagina The Maelstrom su Spelljammer - Beyond the Moons (spelljammer.org) - vedi la pagina
12. Monte Cook, Libro delle Fosche Tenebre, Wizards of The Coast & Hasbro, Ottobre 2002

(IMPORTANTE! POLICY: Gran parte del testo è liberamente tratto e in parte adattato dalle fonti citate e comunque dalle pubblicazioni Dungeons & Dragons della TSR e della Wizards of the Coast, nonchè dalle traduzioni ufficiali della 25 Edition, oltre ad altre fonti come le pubblicazioni della PAIZO Publishing per Pathfinder, che mantengono i diritti, intellettuali e non, sull'ambientazione e i suoi elementi. Allo stesso modo tutte le immagini sono coperte da copyright e vengono presentate senza alcuno scopo di lucro, corredate di autore e proprietario, e pertanto non sono riproducibili o utilizzabili in nessun ambito commerciale.)

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License