Divinità e Potenze (Deities and Powers)

Divinità e Potenze (Deities and Powers)


[Work in Progress]

Natura delle divinità

Il dio greco Poseidone - by Brian Despain

Introduzione

I Piani sono la dimora delle potenze, (o poteri), le imperscrutabili divinità di inimmaginabile potere che contano seguaci e credenti sia nei mondi del Primario che negli altri Piani del Multiverso.

I fedeli dicono che i poteri siano i più importanti spaccaossa che il multiverso abbia mai prodotto. Gli Athar dichiarano che le potenze siano soltanto una grande bugia perpetuata da babbi che sono abbastanza forti da costringere altri a credere in loro. E alcuni pensano che i poteri siano nient'altro che la prossima, ovvia tappa nello sviluppo mortale. Tutti questi spaccaossa hanno ragione — e tutti loro hanno torto. Quando si arriva alle potenze, è quasi impossibile classificarle. Tuttavia, rossi sparsi nel cosmo si sono dedicati a questo compito. Dopo tutto, la vita sui piani è incentrata sull'esplorazione delle credenze, la scoperta di verità ed il mettere a rischio tutto ciò che si ha a cuore. Più di qualcuno ha compiuto un passo falso ed è stato cancellato dall'esistenza per aver scavato troppo vicino al cuore della questione. I tagliacci più callidi tentano di coprire le loro tracce per evitare di fare una fine tanto tragica. Vedi, mentre un rosso che riesca a lasciare ai poteri il ghigno in aria e a fuggire con i loro segreti può aspettarsi molta grana e una fama assicurata, non è un buio che ogni rosso che voglia provare è uno sballato.

Di seguito viene presentata la cantata raccolta dalla gente nel corso dei millenni. E quello che un saggio giura essere vero, è stigmatizzato da un altro come privo di senso. Ma tutto sommato, parlando dei poteri, ogni storia è buona come un'altra — ecco perché è tutto qui. L'unica cosa che tutti devono accettare è questa: gli esseri noti come poteri sono sicuramente più potenti di quanto si possa immaginare. Di certo non si può giocare con loro ed ogni zolla che ci provi non vuole vivere per vantarsene in seguito.

Non mi interessa se hai fatto tutta la strada da Toril. Non puoi ancora andare a parlare a Zeus.1

Ma gli dei sono più che grandi mortali con un sacco di trucchi impressionanti e potenti abilità — Essi sono anche concetti e simboli. Essi incarnano ogni aspetto dei loro domini, sono le rappresentazioni viventi delle loro sfere di influenza — e delle speranze e paure dei mortali. L'essenza delle potenze si estende ad un tipo di esistenza totalmente altro.

È cruciale ricordare che i poteri sono incomprensibili, le loro motivazioni ed abilità inimmaginabili. Se essi hanno scelto di lasciare che il materiale che segue fosse rivelato ai mortali, chi può dire quanto ancora stiano nascondendo? E forse gli dei permettono o anche incoraggiano la diffusione di una cantata erronea. Dopo tutto, si può scommettere che essi custodiscano gelosamente i loro segreti, ed è estremamente probabile che siano desiderosi di condurre la gente lontano dal vero buio delle cose.

Origini segrete

Come vennero in essere i poteri? Nacquero pienamente formati nel multiverso? Crearono i Piani Esterni? Furono i Piani a creare loro?

Be' la risposta è davvero una questione di credenze. Una storia dice che, molto tempo fa, i poteri fossero spiriti — creati dalle leggende di un luogo né benigno né maligno, placati dagli sciamani di questo altro mondo, e venerati dalla gente di quella terra. Gli spiriti assorbirono la venerazione dei mortali, nutrendosene e diventando ancora più abili ad influenzare le vite dei loro devoti. Alla fine, gli spiriti divennero abbastanza forti da rivendicare la sovranità su sette di persone, ed iniziarono a far passare le loro proprie leggi. Si offrirono di guidare i mortali verso una più grande comprensione dei misteri del multiverso — ma solo se le zolle avessero seguito le regole e vissuto le proprie vite nel modo "giusto".

Man mano che crescevano nei cuori e nelle menti della gente, gli spiriti iniziarono a concedere dimostrabili segni del loro potere a certi adoratori. Questi rossi allora mostrarono le loro nuove abilità tanto agli amici quanto ai nemici. La cantata si diffuse attraverso le masse e molte più persone vennero attratte dai modi di pensare degli spiriti; ciò, a sua volta, rese gli spiriti ancora più potenti. Alla fine, i credenti organizzarono religioni attorno ai loro spiriti prescelti, costruirono templi e monumenti alla loro gloria e d incoraggiarono altri a pensare come loro. Risolutamente commemorati nei cuori della gente, gli spiriti poterono reclamare per sé la divinità — e corroborare le affermazioni con dimostrazioni di forza o amore.

Naturalmente, così come i poteri agirono sulla gente, la gente agisce sui poteri. Le aspettative dei devoti plasmarono le azioni e le reazioni dei poteri. Così, le potenze vennero davvero create e sostenute dalle leggende, e le loro stesse forme furono modellate secondo le credenze della gente.

Certo, questa è solo una teoria su come tutto ciò accadde. Un'altra sostiene che i poteri fossero coloro che avevano creato i mortali, cosicché le zolle sarebbero state osservate dai loro dei. Questa scuola di pensiero ritiene che i poteri ci siano da sempre, che essi spinsero i mortali fuori dal brodo primordiale, che essi agiscano sulla gente senza venire influenzati a loro volta — in altre parole, che il controllo sia una strada a senso unico. Che ciò sia vero o no, la maggior parte della gente rigetta l'idea come propaganda delle stesse potenze.

Divisioni di forza

Semipoteri (Demipowers)

Piccoli dei (Small Gods)

Poteri minori (Lesser Powers)

Poteri intermedi (Intermediate Powers)

Poteri maggiori (Greater Powers)

Il passo successivo

Per approfondire: La Natura del Divino

Famiglie e solitari

Appartenere ad un pantheon

Appartenere a molti pantheon

Poteri di sfere singole

Il ruolo dei poteri

Influenza sui piani

L'importanza del Primario

Interagire con i mortali

Dare forma agli avatar

Politiche fra i poteri

Il patto divino

La Guerra del Sangue

I sostenitori della guerra
Gli oppositori della guerra
I neutrali

Sigil

Il crepuscolo degli dei

Elenco delle divinità

Le Potenze Piano per Piano

È impossibile anche solo pensare di stilare un elenco completo di fedi e dèi di ogni realtà e Piano, ma con l'aiuto di qualche rosso bendisposto e di voi tagliacci, ci proveremo.

Creature temibili e potenti come i Signori dei Demoni, gli Arcidiavoli, i Titani Maggiori o le Personalità di spicco dei Piani, nonostante potrebbero a volte rivaleggiare con le divinità, si trovano nell'elenco delle Creature Leggendarie, in quanto tecnicamente non sono "dèi" e non esistono grazie alla fede di adoratori e sacerdoti. Inoltre, benché talvolta infondano incantesimi clericali, queste creature non sono la fonte del potere che trasmettono, a differenza degli dèi veri e propri: la magia divina che i Signori dei Demoni garantiscono ai loro veneratori, per esempio, deriva dall'Abisso stesso prima di essere "incanalata" da un determinato Principe. [3]

Creature correlate alle divinità

Gli abomini

Vedi anche: asura immondi

Atropus

Gli hunefer

I delegati (Proxies)

I supplicanti (Petitioners)

Storie e miti sulle divinità

Il Flusso del Serpente

Questo mito spiega perché le divinità non si avventurino né abbiano stabilito reami nel Flogisto che circonda le Sfere di Cristallo del Piano Materiale.

Il Patto Primevo

Questo racconto riveste un'importanza centrale per gli studiosi dei Piani. Esso narra infatti l'origine stessa di Baator nella sua configurazione attuale, spiegando come Asmodeus trasse in inganno le divinità della Legge e creò la razza dei diavoli.

La Guerra dei Gemelli

Questo mito narra dell'eterna guerra del dio gnomesco Garl Glittergold con il suo gemello Gelf Darkhearth e costituisce un'allegoria della visione del mondo propria degli gnomi. Narra anche l'origine del giorno e della notte.


Bibliografia
1. Colin McComb, On Hallowed Ground, TSR, 1996-09 (cod. 2623).
2. Eric L. Boyd, Eric Mona, Fedi e Pantheon, Wizards of the Coast & Hasbro 25 Edition, 2005, ISBN 88-8288-086-9.
3. James Jacobs, Eric Mona, Codex Immondo I: Hordes of Abyss, Wizards of the Coast, 25 edition e Hasbro, 2006-06
4. Robin D. Laws, Robert J. Schwalb, Fiendish Codex II: Tyrants of the Nine Hells (pagg. 8-9), Wizards of The Coast e Hasbro, 2006-12
5. Rich Redman, Skip Williams, James Wyatt Dei e Semidei, Wizards of the Coast, 25 Edition & Hasbro, Febbraio 2002 (cod. 978-0-7869-2654-1)
6. Bruce R. Cordell, Advanced Dungeons & Dragons 2nd ed. Planescape - A Guide to the Ethereal Plane, TSR, 1998-08 (cod. 2633)
7. Monte Cook, Advanced Dungeons & Dragons 2nd ed. Planescape - A Guide to the Astral Plane, TSR, 1996-10 (cod. 2625)
8. Andy Collins, Skip Williams, James Wyatt Draconomicon — il Libro dei Draghi, Wizards of the Coast, 3 Edition & Hasbro, 2003
9. Andy Collins, Bruce R. Cordell, Liber Mortis - Il libro dei Non-Morti, Wizards of The Coast & Hasbro, Ottobre 2004
10. J. Decker, M. Lyons, D. Noonan Dungeons & Dragons 3.5 – Razze di Pietra, Wizards of the Coast & Hasbro, 2004-08
11. Baker, Rich, J. Jacobs, S. Winter, Signori della Follia: Il Libro delle Aberrazioni, Wizards of the Coast & Hasbro, 2005-04
12. E. Greenwood, E. L. Boyd, D. Drader, Regni del Serpente, Wizards of the Coast & Hasbro, 2006
13. E. Cagle, D. Noonan, A. Rosemberg, Razze del Destino, Wizards of the Coast e Hasbro, 2004-12
14. Skip Williams, Razze delle Terre Selvagge, Wizards of the Coast, 25 Edition & Hasbro, 2005-02
15. Geoffrey McVey, Small Gods in Dragon Magazine #293, Paizo Publishing, Marzo 2002, pp. 28-32.
16. Nicholas J. Thalasinos, Lord of Darkness - Erebus, the Void Between the Stars in Dragon Magazine #322, Paizo Publishing, Agosto 2004, pp. 62-69.
17. David Schwartz, Aztec Mythos I in Dragon Magazine #352, Paizo Publishing, Febbraio 2007 pp. 96-97.
18. David Schwartz, Aztec Mythos II in Dragon Magazine #354, Paizo Publishing, Aprile 2007 pp. 90-91.
19. David Schwartz, Aztec Mythos III in Dragon Magazine #356, Paizo Publishing, Giugno 2007 pp. 90-91.
20. David Schwartz, Aztec Mythos IV in Dragon Magazine #358, Paizo Publishing, Agosto 2007 pp. 88-89.
21. Tratto dalla pagina "Powers: An Introduction" su "geocities.com" - vedi la pagina
22. Tratto dalla pagina "The More Gods Project" su "geocities.com" - vedi la pagina
23. Tratto dalla pagina "Concerning Pantheons" su "geocities.com" - vedi la pagina
24. Tratto dalla pagina "More Greek Powers" su "geocities.com" - vedi la pagina
25. Tratto dalla pagina "Aztec Powers" su "geocities.com" - vedi la pagina
26. Tratto dalla pagina "The Truth about the Orcish Gods" su "geocities.com" - vedi la pagina
27. Tratto dalla pagina "The Grippli Pantheon" su "geocities.com" - vedi la pagina
28. Tratto dalla pagina "Ugaritic Powers" su "geocities.com" - vedi la pagina
29. Tratto dalla pagina "The Ogdoad" su "geocities.com" - vedi la pagina
30. Tratto dalla pagina "Dead Powers" su "geocities.com" - vedi la pagina
31. Tratto dalla pagina "Slavic Powers" su "geocities.com" - vedi la pagina
32. Tratto dalla pagina "Maya Powers" su "geocities.com" - vedi la pagina
33. Tratto dalla pagina "Persian Powers" su "geocities.com" - vedi la pagina
34. Tratto dalla pagina "Inuit Powers" su "geocities.com" - vedi la pagina
35. Tratto dalla pagina "More Norse Powers" su "geocities.com" - vedi la pagina
36. Tratto dalla pagina "More Celtic Powers" su "geocities.com" - vedi la pagina
37. Tratto dalla pagina "Personalities of Hell: The Dark Powers" su "geocities.com" - vedi la pagina
38. Tratto dalla pagina "Uzo Powers" su "geocities.com" - vedi la pagina

(IMPORTANTE! POLICY: Gran parte del testo è liberamente tratto e in parte adattato dalle fonti citate e comunque dalle pubblicazioni Dungeons & Dragons della TSR e della Wizards of the Coast, nonchè dalle traduzioni ufficiali della 25 Edition, oltre ad altre fonti come le pubblicazioni della PAIZO Publishing per Pathfinder, che mantengono i diritti, intellettuali e non, sull'ambientazione e i suoi elementi. Allo stesso modo tutte le immagini sono coperte da copyright e vengono presentate senza alcuno scopo di lucro, corredate di autore e proprietario, e pertanto non sono riproducibili o utilizzabili in nessun ambito commerciale.)

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License