Creature Infinite e Morali Immiscibili - Soma Purusha

Creature Infinite e Morali Immiscibili - Soma Purusha


Soma Purusha non è solo un mio grande amico ma anche un abile viaggiatore planare. non ci siamo mai incontrati faccia a faccia ma ho ricevuto molte lettere da lui dato che viaggia da un borgo planare all'altro. Ad ogni modo, voi non siete interessati a me ma volete imparare la filosofia, giusto? Bene, Purusha ha un'opinione, questo è sicuro.

Soma Purusha ha più di un coinvolgimento con attività moralmente dubbie - sono sicuro che non baderà a me se ve ne parlerò per esteso. Senza dubbio, anche voi le avete. Ma ti sei mai soffermato a considerare le emozioni che vengono generate quando fate qualunque cosa voi stiate facendo? L'adrenalina vi eccita quando tagliate qualcosa e fuggite via con esso. Il brusio del buio quando zimbellate un pollo, la soddisfazione di sè quando date a un poveraccio il vostro ultimo verde. Ma non avete mai dato un altro parere, giusto?

Bene, pensate a ciò come a quello che fa Soma: se voi ricevete questa scarica emozionale quando state vivendo la vostra - siate onesti! - vita insignificante, immaginate cosa devono provare i Piani. Sì, mi avete sentito. Pensate solo a questo: una distesa infinita che incarna un'emozione, un'azione o un dovere morale. Fermatevi per un secondo e provate a immaginare lo sconfinato fermento di emozioni che potrebbero correre attraverso i piani come ratti attraverso l'Alveare. Da non crederci, vero.

Ho detto "potrebbe essere", certo, perché alcuni dei piani non sembrano essere vivi. Le apparenze possono ingannare, crede Soma - i piani sono più senzienti di quanto diano a vedere. Come grandi animali, essi si raggrupano insieme nel Vuoto, alimentandosi delle credenze e scambiando storie di idee con i loro vicini. Certo, queste creature infinite si limitano a risiedere gli uni vicini a coloro, fra gli altri, con cui vanno più d'accordo. Per questo vi è l'ordine del Grande Anello.

Notate, rossi, che anche il Limbo rimane nello stesso posto. Ora pensateci: se davvero fosse il Piano del Caos, potrebbe rimanere nello stesso luogo? Improbabile. Dato che le cose stanno così, le uniche due creature infinite che lo ammettano vicino a sè sono Ysgard e Pandemonium, perciò esso rimane dov'è.

"Come si inseriscono gli strati in tutto ciò, Voilà!?" ti sento chiedere. Bene, spaccaossa, Soma è un po' evasivo a questo riguardo. Forse essi sono aspetti delle personalità delle Creature Infinite o forse sono gruppi di animali piuttosto che esseri singoli. Perlomeno, questo spiegherebbe come essi possano spostarsi. I luoghi di immagini (Picture sites) e i paesi sui Piani sono le proprietà delle Creature e possono essere trasferiti (quando si verifica una cosiddetta Congiunzione Planare) o andare persi del tutto. Quando le creature comunicano fra loro, vengono aperti e chiusi i portali - i raminghi dei piani possono fare uso di questi fili di pensiero per passare da uno al successivo!

E la Signora del Dolore? Be', lei potrebbe essere il Domatore di Leoni, tenendo questi animali in linea, o forse essi l'hanno cacciata in cima alla Spira. Quando si sta speculando quanto Soma, ciò non è davvero importante. E' il pensiero che conta.

Ma sto divagando (e da un bel po' anche!) Anche se non vado tanto lontano quanto Soma sul fronte "i Piani sono vivi", io sono entusiasta della sua idea delle emozioni pulsanti attraverso i piani. Esse sono probabilmente create dalle azioni e dai pensieri degli abitanti dei piani, oltre che dalle credenze provenienti dai Primi Materiali… Così tutti i pensieri maligni di crudeltà e dolore vengono incanalati nell'Abisso (da un qualche meccanismo che è meglio lasciare immaginare!) e si accumulano là.

Se hai mai visto una miscela di liquidi, diciamo l'olio da lampada e l'acqua, capirai quanto segue. Per quanto strano possa sembrare, essi semplicemente non si mescolano. Essi sono nello stesso stato (liquido) ma si trovano in "fasi" diverse. Agitali e sembreranno mescolarsi, salvo poi separarsi di nuovo. La stessa cosa accade con una scatola di pietre, di fatto… agitala e le pietre grandi saliranno in cima mentre quelle piccole andranno verso il fondo (dimostrando così che anche la gravità non sempre ha senso!).

Ora, io credo che i Piani Esterni funzionino in modo simile. Ognuno è fatto da morali ed etiche che sono molto simili, ma sottilmente diverse. E' l'ampiezza che separa un piano dall'altro, ma è la sottigliezza che differenzia fra loro i vari strati. Su Baator, per esempio, non è casuale che i livelli più atrocemente malvagi siano sprofondati sul fondo, a formare Nessus. Il male è un pesante fardello da portare, come si dice. Analogamente, il bene più grande su Monte Celestia è asceso verso la cima a formare Chronias. Su tutti i piani puoi vedere questo principio - le più pure fra tutte le credenze salgono o sprofondano verso il luogo a loro più consono.

Secondo questo principio, uno spostamento nella distribuzione delle morali su un piano potrebbe far sì che gli strati oscillino come tappi di sughero. Forse se il Signore o la Signora di Baator (un rosso impara a tenere aperte le proprie alternative) costruisse un nuovo palazzo su Cania, lo strato ghiacciato e Nessus potrebbero scambiarsi di posto. Chi lo sa?

"Che mi dici dei piani che possiedono un solo strato?" Mi chiedi… Mechanus semplicemente mescola meglio rispetto al resto. Il Limbo non potrebbe essere miscelato molto più di quanto già non sia - di fatto, sembra quasi che qualcuno lo stia agitando proprio adesso. Si dice che esso fosse formato di cinque strati; forse ritorneranno se il mescolamento si ferma? Anche le Terre Esterne sono organizzate in anelli. La parte maggiormente neutrale fluttua verso la Spira. Guarda dove sono finiti i rilmani, dopo tutto.

Certo, niente di tutto questo spiega perfettamente la Signora del Dolore, vero? Che strano…

Nota

Secondo i seguaci del Pantheon Vedico, ogni conoscenza del mondo esterno riflette la struttura dell'individualità che la percepisce. Le forze e gli aspetti del mondo cosmico sono concepiti dalle varie creature dei piani esclusivamente in base alle forme del proprio essere interiore. Le energie che reggono il multiverso appaiono dunque come le facoltà di un Essere Cosmico avente i suoi equivalenti nella struttura dell'essere individuale. Tale concezione del multiverso è chiamata dai seguaci del pantheon approccio individuale (adhiatmika).

Questa tesi richiama certamente le posizioni di Soma Purusha. Il nome di questo rosso, oltretutto, è espresso nella stessa lingua in cui è scritta la maggior parte dei testi sacri relativi alle divinità vediche: in sanscrito, infatti, il termine Soma indica una parte dell'offerta sacrificale, mentre la parola Purusha designa l'uomo cosmico; per mezzo del sacrificio di quest'ultimo, racconta il mito, il mondo è stato creato.
Ciò fa pensare che forse la famiglia di Soma fosse seguace di questo pantheon o ne sia comunque stata influenzata.

L'approccio individuale, inoltre, non può non richiamare il Centro delle Cose, una delle Regole dei Piani, da cui le tesi di Purusha potrebbero quindi essere indirettamente corroborate.


Copyright 1998 by Jon Winter
Copyright 2016 by Cromatico per i riferimenti al Pantheon Vedico
Traduzione 2015 by Cromatico


Bibliografia
1. Tradotto dalla pagina "Mapping the Infinite: Infinite Creatures" su "Mimir.net" - vedi la pagina

(IMPORTANTE! POLICY: Gran parte del testo è liberamente tratto e in parte adattato dalle fonti citate e comunque dalle pubblicazioni Dungeons & Dragons della TSR e della Wizards of the Coast, nonchè dalle traduzioni ufficiali della 25 Edition, oltre ad altre fonti come le pubblicazioni della PAIZO Publishing per Pathfinder, che mantengono i diritti, intellettuali e non, sull'ambientazione e i suoi elementi. Allo stesso modo tutte le immagini sono coperte da copyright e vengono presentate senza alcuno scopo di lucro, corredate di autore e proprietario, e pertanto non sono riproducibili o utilizzabili in nessun ambito commerciale.)

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License