Credi delle Fazioni

Credi delle Fazioni


I membri di alcune fazioni preferiscono venerare specifici Poteri tralasciandone altri e ciò non deve sorprendere: alcuni dei si inseriscono negli ideali filosofici abbastanza facilmente, mentre altri semplicemente no. Ma i poteri elencati di seguito sono semplici suggerimenti per i fazionati, non regole vere e proprie. Naturalmente un sacerdote non entrerebbe in una fazione che è antietica agli ideali del suo potere: ad esempio un chierico di un dio caotico come Loki o Erevan Ilesere si terrà ben alla larga dalla Confraternita dell'Ordine. Fatto sta che i sacerdoti non sono adatti come spie per altre fazioni, dato che non possono fingere un falso credo nei loro dei abbastanza per imitare le altre filosofie. Pochi riescono, e sono davvero dotati, ma solo il potere più permissivo permetterebbe ai propri sacerdoti di amministrare rituali di un altro dio, perfino se è solo una recita. Un sacerdote che voglia agire da spia è meglio che abbia fortuna nel pretendere di essere qualcos'altro, tipo un guerriero.

Athar

I membri di questa fazione non venerano nessun potere in particolare e disdegnano coloro che lo fanno. Diversamente dagli individui di mente debole che si prostrano davanti agli "dei", gli Sfidanti non vedono alcuna mano divina in niente. Essi venerano il Grande Ignoto, e ottengono i loro incantesimi dal Piano Astrale. Qualsiasi individuo che consacra la sua vita ad una specifica divinità è semplicemente un folle. Gli Athar non chiedono nemmeno aiuto ai preti di divinità specifiche, non vogliono permettere agli squallidi sgherri di qualche pezzo grosso disilluso poggi un dito su di loro.
I Perduti che credono nel Grande Ignoto hanno accesso al dominio della Conoscenza, ai domini di allineamento e a quelli di Vizi e Virtù. Per avere accesso ad un dominio di allineamento devono essere di tale allineamento.

Credenti della Fonte

I Credenti della Fonte sono di mentalità più aperta degli Athar, e permettono ai propri preti sia di specializzarsi in un particolare dio che di adorare la nebulosa forza eterea conosciuta come la Fonte. La fazione ritiene che tutto può ascendere ad una gloria superiore, e che ogni individuo ha tali potenzialità nel suo spirito. Quest'idea di test cosmico che porta devozione, fa si che gli dei della fazione siano quelli della competizione: Brihaspati, Jazirian, Shekinester il Tre Facce e Chung Kuel della Burocrazia Celeste. Se un Credente della Fonte desidera provare anche attraverso la propria fede che le persone possono diventare più di ciò che sono, si rivolge spesso a semidei, o a divinità dell'eccellenza come Sif degli Aesir e Lugh dei Celti.

Segno dell'Uno

Si dice che i Segnati siano i fazionisti più egocentrici di tutti i piani. Può essere davvero così, dato che è un fatto che gli dei che scelgono di venerare sono quelli che hanno creato la maggioranza del multiverso. Queste divinità della creazione includono Corellon Larethian, Daghdha, Gea, Odino, Ra e Zeus. La verità è che la fazione gravita intorno ai poteri superiori di molti pantheon perchè i membri immaginano di poter divenire essi stessi creatori allo stesso livello dei più potenti dei. E chi lo sa, potrebbe essere così.

Custodi del Fato

Come agenti dell'entropia, i membri dei Custodi del Fato trovano naturale affinità con i poteri che portano distruzione nel multiverso, sia in scala locale che globale. Quindi, essi considerano Talos il Distruttore (di Toril) come uno dei loro patroni, con un nome come quello come potrebbero sbagliarsi? La fazione venera anche l'aspetto di Shekinester della Tessitrice (anche se gli altri due aspetti che suggeriscono la costruzione sono tenuti fuori) e Vayu, il randomico potere distruttivo del vento nel pantheon vedico. Tuttavia, il dio che viene venerato maggiormente dai fazionisti è Shiva. Dopotutto, la sua funzione è quella di portare alla fine il multiverso. Certo, Shiva occasionalmente si adopera per preservare, ma solo per rendere un'eventuale distruzione più completa. E si, Shiva può mirare ad un insieme più grande, ma la distruzione viene prima, ed è ciò che conta per i Custodi del Fato. Naturalmente nessun prete con accesso alle sfere della creazione o guarigione può unirsi alla fazione.

Alcuni Sinkers venerano un'enorme sfera annientatrice chiamata Sferus, e hanno accesso ai domini: Caos, Distruzione, Entropia, Fato, Forza Cosmica, Morte, Ombre, Oscurità Infame, Tempo

Cinerei

Ah, la morte. I cupi Cinerei che credono che ognuno nei piani sia già passato a miglior vita, scelgono di pregare gli dei che promuovono la morte, o perfino meglio, che sono la morte incarnata. Molti gruppi favoriscono i poteri che potrebbero essere chiamati "gli infuriati dei morti": Chronepsis, Kali, Nergal, Nerull, Stalker, Urogalan, Wee Jas, Yama e Yurtrus. Sono perfino popolari i "poteri non-morti": Chemosh, Falazure, Kanchelsis, Kiaransalee e Mellifleur. I più amati dei fra tutti sono i "morti apatici", coloro che sono in pace con il loro stato: Anubi, Araw, Ade, Hel, Kelemvor, Nephythys, Osiride, Sheanine Moonbow e Yen-Wang-Yeh.

Tuttavia, alcuni sacerdoti cinerei sono al di fuori della venerazione degli dei della morte, e si focalizzano invece sul concetto stesso di Morte, questi hanno accesso ai domini: Legame Mortale, Male, Morte, Distruzione, Riposo, Non morti, Fato

Ordine Trascendente

Molti dei riveriti da questa fazione sembrano essere quelli della Burocrazia Celeste e del pantheon giapponese. Vedi, i Cifrati sostengono una perfetta unione fra pensiero e azione, le cose non dovrebbero essere prima dette e poi fatte. A loro non importano i poteri che si siedono e aspettano il peso delle conseguenze, essi vogliono dei che possono fondere mente e azione. E le divinità delle Terre del Sole Nascente sono quelli che più incarnano questo ideale. Come i Sensisti, i Cifrati pregano anche Lugh, ma per una ragione differente: il dio celtico non pensa, egli semplicemente agisce, e scopre la saggezza delle proprie scelte nel momento dell'azione stessa, e più spesso che meno ha agito nel giusto, e i Cifrati trovano questo tremendamente appagante.

Quei Cifrati che vogliono concentrarsi sul percepire la Cadenza dei Piani senza alcun tramite e senza poteri, ottengono l'accesso al dominio della Conoscenza e dell'Equilibrio.


Vedi anche: Dottrine delle Fazioni


Bibliografia
1. Credi delle Fazioni su sigilonline.altervista.org - vedi la pagina

(IMPORTANTE! POLICY: Gran parte del testo è liberamente tratto e in parte adattato dalle fonti citate e comunque dalle pubblicazioni Dungeons & Dragons della TSR e della Wizards of the Coast, nonchè dalle traduzioni ufficiali della 25 Edition, oltre ad altre fonti come le pubblicazioni della PAIZO Publishing per Pathfinder, che mantengono i diritti, intellettuali e non, sull'ambientazione e i suoi elementi. Allo stesso modo tutte le immagini sono coperte da copyright e vengono presentate senza alcuno scopo di lucro, corredate di autore e proprietario, e pertanto non sono riproducibili o utilizzabili in nessun ambito commerciale.)

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License