Divinità Infami (Vile Gods)

Divinità Infami (Vile Gods)

Nella loro malvagità c'è più di quanto si possa realmente vedere1

In confronto a poteri come Erythnul e Vecna, le divinità descritte in questa sezione sono di minore importanza, adorate soltanto da piccoli culti e congregazioni; si tratta, di fatto, di semidèi erranti, appena al di sopra dello status di quasi-potere e senza un vero e proprio reame, che vagano per i Piani Inferiori dopo aver consumato i propri supplicanti.

La maggior parte della gente pronuncia il nome di queste divinità con paura, oppure non lo pronuncia affatto per non rischiare di attirare l'attenzione del temibile dio in questione.

Qualsiasi divinità tra quelle descritte di seguito può essere facilmente incorporata in una campagna di gioco.

Le divinità infami (The Vile Gods)

Karaan

Rallaster

Il Paziente (The Patient One)

Scahrossar

Lo Xammux (The Xammux)

Yeathan


Bibliografia
1. Monte Cook, Libro delle Fosche Tenebre, Wizards of The Coast & Hasbro, Ottobre 2002; le medesime informazioni sono riportate anche alla pagina Divinità Infami su sigilonline.altervista.org - vedi la pagina

(IMPORTANTE! POLICY: Gran parte del testo è liberamente tratto e in parte adattato dalle fonti citate e comunque dalle pubblicazioni Dungeons & Dragons della TSR e della Wizards of the Coast, nonchè dalle traduzioni ufficiali della 25 Edition, oltre ad altre fonti come le pubblicazioni della PAIZO Publishing per Pathfinder, che mantengono i diritti, intellettuali e non, sull'ambientazione e i suoi elementi. Allo stesso modo tutte le immagini sono coperte da copyright e vengono presentate senza alcuno scopo di lucro, corredate di autore e proprietario, e pertanto non sono riproducibili o utilizzabili in nessun ambito commerciale.)

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License