Divinità Olimpiche (Olympian Pantheon)

Divinità Olimpiche (Olympian Pantheon)

"Dodekateon" da sinistra: Ares, Artemide, Poseidone, Apollo, Ade, Atena, Ermes, Dioniso, Era, Efesto, Zeus, Afrodite

Il pantheon olimpico è stranamente umano, o almeno gli umani sotto gli Olimpici sono stranamenti simili agli déi. Il solito dibattito riguardante se i mortali hanno creato i poteri o viceversa, qui non ha risposta; le divinità olimpiche sono semplicemente le emozioni e il raziocinio umani incarnati. Perfino Atena, la più razionale di questo pantheon, ha un lato estremamente emozionale che, una volta svegliato, fa sì che non ci sia modo di ragionare con lei. Il resto degli déi è anche più emotivo: è chiaro che gli olimpici sono l'incarnazione della furia divina ed essi hanno reso i loro nomi sinonimi delle passioni di Arborea. Per ogni volta in cui i poteri raggiungono un accordo su un argomento, se ne possono contare altre nove in cui questo non accade; gli Olimpici non sono molto coesi, le loro argomentazioni sono fiere, e nessuna ragione è abbastanza valida per mantenere la pace: quando discutono, possono far tremare i loro reami tanto da far fuggire ogni mortale che si trovi nelle vicinanze.

Nonostante la natura intensamente caotica e le loro piccole gelosie, tuttavia, gli Olimpici sono uno dei pantheon più forti del multiverso, e quando mettono da parte le loro differenze e lavorano insieme, è palese come non ci sia nulla che non possano fare. Ed essi davvero superano i loro egoismi e lavorano insieme quando serve, incanalando le loro passioni verso un fine comune. A testimonianza di ciò, in passato hanno spodestato i Titani e li hanno gettati su Carceri, hanno collegato il Monte Olimpo, una delle Grandi Vie, a tutti i mondi dei loro adoratori (o almeno, questo è ciò che affermano - altri asseriscono invece che la Via esistesse molto prima dell'arrivo degli dei). Facendo ciò, hanno lanciato un chiaro messaggio al resto dei piani: il pantheon degli Olimpiciè un gruppo di cui aver paura. A parte i Titani, i Celti sono i principali rivali degli Olimpici, e i due pantheon lavorano costantemente per mettersi i bastoni fra le ruote. Mentre i Celti sono aperti ad accettare nuovi poteri, gli Olimpici sono conservatori, e preferiscono schiacciare le nuove potenze piuttosto che lasciarle espandere; credono che il modo migliore di mostrare ai nuovi venuti che gli Olimpici hanno tutte le risposte, sia mostrare l'assoluta forza del pantheon. In questo modo, gli Olimpici si sono fatti molti nemici, tali che se si unissero tutti per attaccare gli Olimpici simultaneamente, il multiverso avrebbe un pantheon in meno. Per esempio, i poteri greci si sono appropriati di alcuni aspetti delle divinità egizie, togliendo loro seguaci per averne di più per sè. Apollo, dio della luce, ha risucchiato via molti fedeli del dio del sole Ra. Gli Egizi, anche se potenti, non possono sostenere un assalto e si ritirarono piuttosto che sfidare gli Olimpici. Tuttavia, è principalmente a causa degliOlimpici che gli Egizi non occupano più un posto predominante nel multiverso.

A differenza di alcune altre divinità, i poteri del pantheon olimpico sono molto più interessati ai reami dello spirito e delle emozioni che all'innovazione tecnica. Benché anche fra loro si contino membri che creano e costruiscono - la forgia del fabbro Efesto è una prova evidente di ciò - questi poteri mantengono un atteggiamento conservatore. Alcuni affermano che, in questo modo, gli Olimpici diano dimostrazione di codardia e che temano di tenere il passo con i tempi e con le tecnologie. In realtà, la loro tendenza tradizionalista non ha implicazioni tanto forti e negative ed è piuttosto dettata dalla prudenza: le potenze greche venute dopo Zeus - memori anche delle vicende di Urano e Crono - sono convinte che i mortali non debbano superare i limiti imposti dalla propria condizione poiché ciò potrebbe mettere in pericolo l'equilibrio del multiverso. A riprova di ciò, i poteri olimpici apprezzano l'esplorazione dei confini di ciò che è ignoto: non sono divinità oscurantiste e anzi fra i loro fedeli si contano alcuni fra i più grandi filosofi del multiverso. Semplicemente, gli déi olimpici raccomandano attenzione: solo perchè una linea è stata oltrepassata una volta, non significa che la si possa attraversare di nuovo per tornare indietro.

Pantheon degli déi olimpici

Vedi anche:


Bibliografia

(IMPORTANTE! POLICY: Gran parte del testo è liberamente tratto e in parte adattato dalle fonti citate e comunque dalle pubblicazioni Dungeons & Dragons della TSR e della Wizards of the Coast, nonchè dalle traduzioni ufficiali della 25 Edition, oltre ad altre fonti come le pubblicazioni della PAIZO Publishing per Pathfinder, che mantengono i diritti, intellettuali e non, sull'ambientazione e i suoi elementi. Allo stesso modo tutte le immagini sono coperte da copyright e vengono presentate senza alcuno scopo di lucro, corredate di autore e proprietario, e pertanto non sono riproducibili o utilizzabili in nessun ambito commerciale.)

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License