Abbigliamento gnomesco e cura di sé

Abbigliamento gnomesco e cura di sé

Abbigliamento

Gli gnomi, a differenza dei nani che passano quanto più tempo possibile nelle caverne sotto le montagne, amano il mondo in superficie, ove trascorrono molto tempo, perciò il
loro stile di abbigliamento di solito tiene conto della variazione della temperatura e del tempo atmosferico.

Gli gnomi hanno un rispetto e un affetto profondo per la natura, sia in superfrcie che sottoterra. Ai loro occhi appare come la pietra angolare della vita, la base di tutta l'esistenza. Questo punto di vista si riflette nella scelta dei loro vestiti, anche se la "naturalità" dei capi di abbigliamento è molto legata alla classe sociale e alla ricchezza personale.

I tipici vestiti degli gnomi sono soprattutto in cuoio con tinte naturali che variano in una gamma di colori marroni, bianchi, gialli, verdi, blu e grigi. I colori più esotici come il rosso, il rosso porpora o l'arancione sono rari, e di solito sono indossati soltanto da coloro che desiderano manifestare la loro creatività artistica con quella sceha di vestiti, da membri dell'aristocrazia che cercano di darsi una certa importanza o da avventurieri che amano attirare l'attenzione e passano la maggior parte del loro tempo il superficie insieme alle altre culture.

I tipici vestiti e accessori di uno gnomo comprendono calzamaglia opaca o calzoni aderenti, spesso decorati con fantasie o strisce, sia tinti che cuciti con colori di tessuto
sgargianti. Le camicie sono fatte di materiali leggeri e traspiranti, foggiate per essere molto aderenti. Le camicie sono normalmente prive di ornamenti, anche se le maniche possono essere a sbuffo o aderenti (seppure mai così strette da ostacolare i movimenti).

Sopra questi capi, si indossa un panciotto o un farsetto (con o senza maniche, a seconda della stagione). Un farsetto è il capo più costoso e importante del guardaroba di uno gnomo. I farsetti di solito sono realizzati in pelle lavorata e lasciati color cuoio naturale, anche se alcuni capi vengono tinti in altri colori. Gli gnomi preferiscono i farsetti con chiusura laterale, con colletti alti e asimmetrici. I farsetti per le occasioni formali vengono realizzati in tessuti e materiali rari e costosi, come seta, velluto od oro, e di solito si indossano soltanto ai matrimoni del ceto medio e alle cerimonie aristocratiche. Le maniche corte sono poco comuni, normalmente usate per costumi o giullari.

Gli stivali di norma arrivano all'altezza delle ginocchia, per lo più disegnati per fare pendant con il farsetto. Gli stivali hanno punte quadrate o appuntite, a seconda dell'uso cui sono destinati. la più pratica punta quadrata di solito è usata per lavorare, mentre gli sfarzosi stivali a punta sono spesso indossati per le feste in maschera o dai giullari.

I capi di vestiario base sono all'incirca gli stessi per le gnome, per lo più costituiti da calze o da pantaloni e una camicia. Le magliette a volte sono corte e mostrano l'ombelico. Le maniche normalmente si presentano in uno di questi tre stili: senza maniche, lunghe e a sbuffi o lunghe e aderenti.

Al posto del farsetto, le gnome indossano una variante lunga del farsetto che si chiama giubbetto. Questo è costituito da un corpetto aderente che termina al di sotto del busto, senza maniche o con lunghe maniche aderenti, e una mantella aperta che ricade sul davanti, con un orlo che tipicamente cade a metà fra la coscia e il polpaccio. Un giubbetto realizzato in pelle di solito si confeziona con pelle scamosciata, pelle d'agnello o pelle di daino. Le gnome avventuriere, se la situazione lo richiede, rinunciano comunque ai loro giubbetti in cambio di robusti farsetti in cuoio rinforzato. Calzano stivali o sabot, con stivali che arrivano al ginocchio, foggiati allo stesso modo delle loro controparti maschili.

Gli gnomi non impiegano tecniche avanzate di tessitura per realizzare i loro vestiti, e utilizzano soltanto gioielli e ricami elaborati come ornamenti. Gli abiti costosi spesso sono cuciti con pietre preziose o semipreziose come ornamenti intrecciati nel tessuto stesso. I farsetti sono di norma goffrati e ricamati, e persino il giubbetto più semplice ha una fila di fiori o qualcosa di simile ricamato sul collo, sulle spalle o sui polsi. I fiori, le piante rampicanti e altri oggetti animati sono i temi più utilizzati per ottenere i ricami.

I gioielli degli gnomi sono squisitamente ricercati, realizzati con lavori di filigrana e altre tecniche avanzate di oreficeria. Le pietre semipreziose sono usate comunemente. Le pietre preziose come i rubini, gli smeraldi e gli zaffiri sono molto più rare, e di solito sono riservate alle classi elevate. I gioielli degli gnomi sono per lo più costituiti da gruppi di pietre tagliati a carbochon, incastonati in argento, oro, rame e persino cuoio.

Cura di sé

Gli gnomi, in modo molto appropriato per una razza così abile per ciò che riguarda le apparenze e le illusioni, sono maniacali circa l'igiene personale e la pulizia. Lavarsi è una questione privata, e di solito si fa il bagno in vasca nella propria tana gnomesca in inverno (molte tane sono dotate di tubature che trasportano acqua calda e fredda) o all'aperto in estate, nei fiumi, nei torrenti e nei laghi vicino alla casa.

Sia gli gnomi che le gnome tradizionalmente portano i capelli lunghi, almeno fino alle spalle. I maschi di solito si tirano i capelli indietro e si fanno il codino con strisce di cuoio, mentre le femmine portano i capelli sciolti, di tanto in tanto tirati indietro con un nastro, una striscia di cuoio o altri ornamenti per capelli. Gli gnomi hanno sempre la barba tagliata di fresco o portano piccoli pizzetti molto curati.

Gli altri tipi di ornamenti sul corpo — come per esempio i tatuaggi, la scarificazione o il piercing — sono rari. Sebbene gli gnomi utilizzino regolarmente le illusioni per modificare il loro aspetto (a volte in modi a dir poco sconcertanti), molti provano ribrezzo al pensiero di modificare il loro corpo per sempre.


Bibliografia
1. J. Decker, M. Lyons, D. Noonan Dungeons & Dragons 3.5 – Razze di Pietra, Wizards of the Coast & Hasbro, 2004-08

(IMPORTANTE! POLICY: Gran parte del testo è liberamente tratto e in parte adattato dalle fonti citate e comunque dalle pubblicazioni Dungeons & Dragons della TSR e della Wizards of the Coast, nonchè dalle traduzioni ufficiali della 25 Edition, oltre ad altre fonti come le pubblicazioni della PAIZO Publishing per Pathfinder, che mantengono i diritti, intellettuali e non, sull'ambientazione e i suoi elementi. Allo stesso modo tutte le immagini sono coperte da copyright e vengono presentate senza alcuno scopo di lucro, corredate di autore e proprietario, e pertanto non sono riproducibili o utilizzabili in nessun ambito commerciale.)

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License