Drago del Contagio

Drago del Contagio


Il drago del contagio è una creatura legata all'influenza del Terrore Ancestrale noto con il nome di Ashatha.

Descrizione fisica

Il corpo di questo drago è grande, bitorzoluto ed emaciato, con un muso appuntito e frasagliato da brevi corna. Un paio di ali rugose simili a quelle di un gigantesco pipistrello fuoriesce dal suo torace scheletrico. Vesciche, pustole bubboni piagano la sua pelle coperta da scaglie irregolari, opache e verdastre, mentre altri liquidi infetti si mescolano allo strato di fanghiglia che imbratta la creatura. Un oppressivo tanfo di vegetazione marcia e odori nauseabondi accompagna il drago, acuendosi con il suo lento incedere.

Habitat e consuetudini

I draghi del contagio sono creature immani che infestano luoghi umidi e malsani, dove l'aria stessa è infetta di germi pestilenziali, di cui essi sono portatori sani. Trascorrono la maggior parte del loro tempo a dormire nelle acque fangose e stagnanti, non curandosi dei propri domini. Si risvegliano solo se disturbati, nel qual caso reagiscono co ostilità e determinazione per rimuovere la causa del disturbo. Non ritengono un'opzione di comportamento plausibile mettersi a parlare con le creature che osano infastidirli.

Tana

I draghi del contagio costruiscono le loro tane nella zona più profonda e inaccessibile delle paludi, dove i miasmi caliginosi che si alzano dalle acque rendono difficile sia vedere che respirare. I più piccoli e deboli draghi neri imparano ben presto a girare al largo da queste tane. I tesori dei draghi del contagio giacciono semisommersi nel fango del fondale, su cui gli immondi rettili giacciono nel loro sopore letargico.

Allineamento

I draghi del contagio sono sempre di allineamento neutrale malvagio.

Sviluppo

Appena usciti dall'uovo, i cuccioli di drago del contagio hanno scaglie quasi totalmente verdi e non sono ancora coperti di bubboni, benché abbiano già il loro caratteristico aspetto malsano. Col passare del tempo, le scaglie acquistano una tonalità sempre più tendente al marrone e crescono in modo irregolare: alcune restano piccole, altre si allargano e si ispessiscono, deformandosi. Nel frattempo, gli sfoghi cutanei delle infezioni e delle malattie aumentano sempre più, senza però danneggiare in alcun modo il drago. Quando il drago diventa vecchio, inoltre, cominciano a spuntare nuove corna, soprattutto sul muso e lungo il dorso.

Alimentazione

I draghi del contagio si nutrono della poltiglia di materie organiche vegetali e animali in decomposizione che si deposita nella palude. Non mangiano carne fresca, perciò lasciano i cadaveri delle creature uccise a putrefarsi per lungo tempo prima di nutrirsene.

Combattimento

Gli scontri con un drago del contagio iniziano generalmente senza preavviso. Il drago fuoriesce improvvisamente dall'acqua stagnante e inizia ad attaccare gli intrusi. I draghi più vecchi, che possono ricorrere a terreno illusorio, sono particolarmente famigerati per i loro assalti a sorpresa. I draghi del contagio fanno largo uso del loro soffio, degli incantesimi e delle capacità magiche, ricorrendo agli attacchi in mischia contro i nemici più resistenti. A volte afferrano un avversario e tentano di annegarlo trascinandolo sott'acqua. Mentre combattono, i draghi del contagio sembrano cadere in una sorta di estasi distruttiva: non danno peso alla forza degli avversari né a loro eventuali tentativi di instaurare una tregua per parlamentare; sembrano totalmente insensibili al dolore e disinteressati alla comunicazione. Per un drago del contagio, un'intrusione nei pressi della sua tana può terminare solo con la morte degli intrusi o con la sua.

  • Arma a soffio (Sop): I draghi del contagio possiedono due tipi di soffio, un cono d'acido e un cono di nube maleodorante. Le creature all'interno di quest'ultimo devono effettuare con successo un tiro salvezza sulla Tempra o essere nauseate per 1d6 round più 1 round per ogni categoria d'età del drago.
  • Immunità alle malattie (Str): Un drago del contagio è immune a tutte le malattie, comprese le malattie soprannaturali e magiche come la putrefazione della mummia e la licantropia.
  • Respirare sott'acqua (Str): Un drago del contagio può respirare sott'acqua a tempo indeterminato e può fare uso liberamente del suo soffio, degli incantesimi e delle altre capacità anche se immerso.
  • Capacità magiche:
    • 3 volte al giorno - contagio (adulto o età superiore), nube di nebbia (adolescente o età superiore; incremento di raggio di 3 metri per ogni categoria d'età);
    • 1 volta al giorno - piaga degli insetti (antico o età superiore), rigenerazione (grande dragone), terreno illusorio (vecchio o età superiore).
  • Abilità: Muoversi Silenziosamente, Nascondersi e Nuotare sono considerate abilità di classe per i draghi del contagio.

Bibliografia
1. Massimo Bianchini, Mario Pasqualotto, Fiorenzo delle Rupi, Marco Picone Nephandum — Creature del Terrore, Extreme Fantasy, 2005

(IMPORTANTE! POLICY: Gran parte del testo è liberamente tratto e in parte adattato dalle fonti citate e comunque dalle pubblicazioni Dungeons & Dragons della TSR e della Wizards of the Coast, nonchè dalle traduzioni ufficiali della 25 Edition, oltre ad altre fonti come le pubblicazioni della PAIZO Publishing per Pathfinder, che mantengono i diritti, intellettuali e non, sull'ambientazione e i suoi elementi. Allo stesso modo tutte le immagini sono coperte da copyright e vengono presentate senza alcuno scopo di lucro, corredate di autore e proprietario, e pertanto non sono riproducibili o utilizzabili in nessun ambito commerciale.)

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License