Drago di Rame (Copper Dragon)

Drago di Rame (Copper Dragon)

Habitat e tana

Ai draghi di rame piacciono le montagne e gli altipiani secchi e rocciosi.

I draghi di rame stabiliscono le loro tane nelle caverne più anguste. Utilizzano la loro capacità di muovere e dare forma alla pietra per migliorare le loro tane, e spesso nascondono le entrate servendosi di muovere il terreno e di scolpire pietra. All'interno delle tane costruiscono labirinti tortuosi, spesso a cielo aperto in modo che il drago possa volare o saltare sopra agli intrusi. A differenza di molti draghi, tuttavia, quelli di rame sono spesso contenti di possedere tane piccole, che non consentano spazio per volare; fanno affidamento piuttosto alla loro capacità di scalare le superfici di pietra per muoversi all'interno della tana.

Tratti distintivi dei draghi di rame

I draghi di rame sono abili saltatori e scalatori, e possiedono spalle e cosce massicce.

La testa di un drago di rame ha una faccia corta e nessun becco. Dagli occhi sporgono delle arcate sopraccigliari larghe e lisce, e da queste partono delle corna ramate lunghe e piatte, che si estendono in una serie di segmenti. Il drago ha anche delle creste rivolte all'indietro sulle guance, e delle creste piegate leggermente in avanti sul retro delle mascelle inferiori. Una sfilza di lame triangolari punta verso il basso partendo dal mento, e con l'invecchiamento si sviluppano altre serie, con lame più larghe. Il drago possiede una lunga lingua, che termina in un'unica punta.

Alla nascita, le scaglie di un drago di rame hanno un colorito marrone rossastro, con una tinta metallica. Man mano che il drago invecchia, le scaglie divengono più taglienti e ramate e acquistano una lucentezza delicata e calda entro lo stadio di adulto giovane. Le scaglie di un drago molto vecchio assumono una tinta verdastra. Le pupille di un drago di rame scompaiono con l'età, e gli occhi di un grande dragone sembrano sfere turchesi pulsanti.

I draghi di rame emanano un odore di pietra.

I draghi di rame hanno ali simili a un pesce razza, che evidenziano chiazze verdi e rosse lungo le estremità inferiori. L'arto alare superiore è estremamente corto e conferisce alle estremità superiori delle ali un profilo a forma di U quando le si guarda dal basso. Le ali corrono lungo tutto il corpo del drago, quasi fino alla punta della coda.

La parte principale dell'ala è sostenuta da tre falangi e un olecrano alare modificato. Sostengono il resto dell'ala le spine che si estendono verso l'indietro a partire dalla colonna vertebrale.

Il profilo alare particolare di un drago di rame rende questa specie facilmente distinguibile dal drago d'ottone, che occupa habitat simili.

Parametri fisici per taglia

Taglia Lunghezza complessiva Lunghezza corporea Lunghezza del collo Lunghezza della coda Larghezza del corpo Altezza in piedi Massima estensione alare Minima estensione alare Peso
Minuscola 1,2 m 0,45 m 0,3 m 0,45 m 0,3 m 0,3 m 2,4 m 1,2 m 2,5 kg
Piccola 2,4 m 0,9 m 0,6 m 0,9 m 0,6 m 0,6 m 4,8 m 2,4 m 20 kg
Media 4,8 m 1,2 m 1,5 m 1,5 m 0,9 m 1,2 m 7,2 m 3,6 m 160 kg
Grande 9,3 m 3,3 m 2,7 m 3,3 m 1,5 m 2,1 m 10,8 m 5,4 m 1.250 kg
Enorme 16,5 m 5,4 m 4,8 m 6,3 m 2,4 m 3,6 m 18 m 9 m 10.000 kg
Mastodontica 25,5 m 7,5 m 7,5 m 10,5 m 3 m 4,8 m 24 m 12 m 80.000 kg

Abitudini e relazioni

I draghi di rame sono famosi a buon diritto come incorreggibili burloni, mattacchioni e amanti degli indovinelli. Apprezzano tutti i tipi di umorismo. Per lo più sono di indole buona, ma hanno anche una vena di avidità e spilorceria.

I loro territori a volte confinano con o si sovrappongono a quelli dei draghi d'ottone. Le due specie tendono ad andare d'accordo, ma gli incontri tra di esse si evolvono generalmente in estenuanti conversazioni in cui i draghi di rame bombardano quelli d'ottone con il loro umorismo, mentre questi ultimi continuano a stuzzicare giulivamente i primi. Tali testa a testa di norma terminano quando uno dei due draghi decide di allontanarsi, e solitamente in modo poco gentile.

I draghi di rame si ritrovano ad avere come vicini anche i draghi d'argento, rossi o blu. Gli argentei evitano troppi contatti con i draghi di rame. I blu o i rossi cercano inevitabilmete di uccidere i draghi di rame o almeno di cacciarli. Molti draghi di rame considerano la presenza di un drago blu o rosso come una sfida, e fanno di tutto per disturbarli o metterli in difficoltà senza essere a loro volta uccisi.

L'umorismo spinge un drago di rame ad andare in cerca di compagnia: per fare uno scherzo ci vogliono almeno due creature. Per consguenza, di base un drago di rame è una creatura socievole. se tuttavia si esclude la fase del corteggiamento, i draghi di rame tendono a evitarsi, soprattutto perché non riescono a non entrare in competizione per dimostrare chi possieda il senso dello humor più tagliente. Quando due o più draghi di rame si incontrano, il rendez-vous degenera solitamente in un battivbecco di parole. I draghi inizialmente si scambiano arguzie e punzecchiature ma la conversazione alla fine diventa sempre più tagliente e maliziosa, finché uno dei draghi si alontana giurando vendetta. E' raro che tali incontri conducano alla violenza o ad una inimicizia perpetua, ma spesso creano rivalità. I draghi di rame rivali hanno portato avanti secolari guerre fatte di scherzi e insulti forbiti.

Corteggiamento

Il corteggiamento dei draghi di rame è uno strano miscuglio di tenerezza e di umorismo irriverente. Anche se maschi e femmine si scambiano piccoli doni consistenti in cibo o tesori, la vera moneta tra i draghi di rame è l'arguzia. I draghi di rame sono attratti da quei compagni che riescono a farli ridere. Tali legami non sono mai permanenti, ma la coppia rimane insieme abbastanza a lungo da portare i propri piccoli all'età adulta. Dopo di che, lo spirito di libertà di entrambi i draghi prende il sopravvento, la coppia si divide e ognuno intraprende la propria strada.

Alimentazione e caccia

Si sa che i draghi di rame mangiano praticamente qualsiasi cosa, comprese le pepite. Ad ogni modo, il loro cibo preferito consiste in scorpioni mostruosi e altre creature velenose (dicono che il veleno aguzza l'ingegno; i loro sistemi digerenti possono assimilare il velno senza problemi, anche se il veleno iniettato ha il normale effetto su di loro). Sono cacciatori determinati. Ritengono che un buon allenamento sia altrettanto importante rispetto al cibo che mangiano, e inseguono accanitamente tutte le prede che inizialmente riescono a sfuggire.

Tesoro

Quando ammassano tesori, i draghi di rame preferiscono quelli che provengono dalla terra. I metalli e le pietre preziose sono i preferiti, ma anche le statue e le ceramiche hanno un certo pregio ai loro occhi.

Combattimento

Un drago di rame preferisce raccontare un indovinello o preparare un tiro mancino piuttosto che combattere. Qualsiasi drago di rame apprezza l'arguzia di qualsiasi essere, e di solito non fa alcun male ad una creatura in grado di raccontare una battuta, una storia umoristica o un indovinello che il drago non ha mai sentito prima. Il drago si infastidisce presto con chi non ride alle sue battute o non accetta di buon grado i suoi scherzi. I draghi di rame adorano essere al centro dell'attenzione e non apprezzano l'essere messi in secondo piano.

Quando è messo alle strette, un drago di rame combatte con tenacia, utilizzando tutti i trucchi che conosce per sconfiggere l'avversario. I draghi di rame mostrano un'aggressività simile quando difendono le loro tane, i compagni o i piccoli. In quasi tutte le altre circostanze, un drago di rame preferisce battere il suo avversario in astuzia o metterlo in imbarazzo. Per un drago di rame, la vittoria ideale consiste nell'insultare e infastidire un nemico, costringendolo alla resa. In qualsiasi situazione, i draghi di rame preferiscono la riflessione e un approccio calcolato rispetto alla forza bruta. Spesso affrontano gli avversari più forti, come i draghi rossi, conducendoli in canyon stretti e tortuosi, o in caverne labirintiche deve possono utilizzare la loro capacità di scalare per superare strategicamente il nemico.


Bibliografia
1. Andy Collins, Skip Williams, James Wyatt Draconomicon — il Libro dei Draghi, Wizards of the Coast, 3 Edition & Hasbro, 2003

(IMPORTANTE! POLICY: Gran parte del testo è liberamente tratto e in parte adattato dalle fonti citate e comunque dalle pubblicazioni Dungeons & Dragons della TSR e della Wizards of the Coast, nonchè dalle traduzioni ufficiali della 25 Edition, oltre ad altre fonti come le pubblicazioni della PAIZO Publishing per Pathfinder, che mantengono i diritti, intellettuali e non, sull'ambientazione e i suoi elementi. Allo stesso modo tutte le immagini sono coperte da copyright e vengono presentate senza alcuno scopo di lucro, corredate di autore e proprietario, e pertanto non sono riproducibili o utilizzabili in nessun ambito commerciale.)

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License