Edimmu

Edimmu


Resti di potenti geni legati a un padrone anche dopo la morte, gli edimmu infestano rovine abbandonate nel deserto.

Edimmu - autore incerto

Aspetto fisico

Un edimmu assomiglia a uno scuro scheletro spettrale ammantato da stracci sferzati dal vento e reso curvo dal tempo senza fine passato nella sua attuale esistenza dannata. La loro forma scheletrica cammina in mezzo a una torbida nuvola tempestosa di polvere e sabbie del deserto; l'edimmu è costantemente circondato da colpi di vento che esso può controllare e utilizzare come arma. Gli occhi dell'edimmu sono come brace che brucia in mezzo alla tempesta circostante.

Habitat e ruolo

Gli edimmu sono gli spiriti non-morti di geni malevoli intrappolati nel mondo mortale da magie vincolanti e incapaci di tornare ai loro piani elementali nativi. In quanto tali, sono spesso destinati a luoghi abbandonati da tempo, molti racconti di ardite esplorazioni includono geni legati, morti da lungo tempo che ancora custodiscono grandi tesori. Questi edimmu sono spesso tenuti all'interno di un oggetto innocuo o una struttura che li rilascia, se disturbati. Alcuni esploratori cercano di liberare completamente un edimmu da qualunque patto che lo abbia originariamente legato a questo mondo. Sfortunatamente, questi patti sono antichi e spesso del tutto infrangibili. A peggiorare le cose, la maggior parte degli edimmu ha da tempo abbandonato l'idea di libertà, diventando invece un'incarnazione di amara collera elementare. Tuttavia, coloro che sono disposti a rischiare di entrare nella tana dell'edimmu a volte riescono a trovare grande ricchezza poiché gli antichi geni erano spesso chiamati a servire come guardiani di camere del tesoro, harem e altri siti preziosi. Questi luoghi sono spesso stati saccheggiati, ma alcuni, quelli che erano stati persi nel deserto e custoditi bene dal proprio edimmu, contengono ancora vasti cumuli di tesori; queste località perdute sono più comuni - nel mondo di Golarion - in Osirion , Katapesh e Qadira.

Ecologia

L'ecologia degli edimmu è abbastanza unica, (l'equivalente più simile è costituita dai geni non-morti e maledetti conosciuti come ghul). Gli edimmu nascono dai cadaveri dei genii uccisi il cui spirito, a causa di una potente magia vincolante, non è tuttavia in grado di tornare alla propria dimora tra i piani elementali. La maggior parte degli edimmu risale ad un passato veramente antico, quando geni malvagi come gli efreeti cercarono di ingannare i mortali più ingenui cercando di essere venerati da questi come divinità. Spaventati da queste potenti creature, i maghi mortali riuscirono a trovare modi per legarle e controllarle; i più detestabili e malvagi di questi geni vennero relegati per tutta l'eternità come punizione per i loro crimini. Mentre il tempo passava e questi geni del male soccombevano all'assassinio e ad altre fini violente, i primi vincolatori si resero conto del loro errore, poiché fantasmi arrabbiati sorsero dai cadaveri dei geni che una volta controllavano. Ora la magior parte dei vincolatori di geni cerca di assicurarsi che la loro magia non vincoli l'anima dei geni al Piano Materiale poiché pochi vogliono affrontare un edimmu appena risorto.

Folklore

Nonostante la loro relativa rarità, in realtà gli edimmu giocano un ruolo abbastanza grande nel folklore di molte nazioni del deserto. Racconti degli spietati edimmu che percorrono le oscure notti del deserto per portare miseria a tutti gli innocenti che incontrano sono particolarmente comuni - a Golarion - nel Qadira e nelle molte nazioni che una volta erano state suoi vassalli. Questi racconti sono spesso storie morali e ciascuna normalmente dispone di un personaggio saggio che sa come respingere un edimmu con qualche metodo speciale. Questi metodi includono: utilizzare un cerchio di sangue di bue per tenerlo a bada; ricoprirsi di vesti o scritti funebri; riprodurre una marcia funebre (cosa che provoca la fuga dell'edimmu); confrontare l'edimmu con un essere elementale come un genio (che l'edimmu non vuole danneggiare).

Non è noto quanto davvero sia affidabile ognuno di questi metodi ricavati da racconti popolari e un avventuriero che si affidasse a uno di essi potrebbe essere senza speranza. Queste culture spesso dispongono anche di racconti di rovine piene di tesori sorvegliate da terribili edimmu, le loro ricchezze quasi al livello dei pericoli che si devono sopportare per arrivare ad esse.

Vedi anche:

Schede e Punteggi


Bibliografia
1. Tratto dalla pagina "Edimmu" su pathfinderwiki.com - vedi la pagina

(IMPORTANTE! POLICY: Gran parte del testo è liberamente tratto e in parte adattato dalle fonti citate e comunque dalle pubblicazioni Dungeons & Dragons della TSR e della Wizards of the Coast, nonchè dalle traduzioni ufficiali della 25 Edition, oltre ad altre fonti come le pubblicazioni della PAIZO Publishing per Pathfinder, che mantengono i diritti, intellettuali e non, sull'ambientazione e i suoi elementi. Allo stesso modo tutte le immagini sono coperte da copyright e vengono presentate senza alcuno scopo di lucro, corredate di autore e proprietario, e pertanto non sono riproducibili o utilizzabili in nessun ambito commerciale.)

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License