Epicurei (Epicureans)

Epicurei (Epicureans)

Epicurei - scheda (Setta)

Dati generali

Conosciuti come: no

Leader attuale: Dwindle

Membri noti: no

Politica

Sede: Sigil

Piani affini: no

Gerarchia: no

Alleati: Mercykiller

Sgraditi: no

Nemici: no

Simboli

Simbolo: no

Gli Epicurei sono una sinistra sottobranca dei Mercykiller, attivi sorattutto nella città di Sigil.
L'impostazione filosofica della Setta ha origine dal pensiero del romano Lucrezio, che presenta una visione sistemica dei meccanismi fondamentali che regolano il Multiverso. Gli Epicurei partendo da questa visione hanno formulato il loro credo fatalista.

Sono fermamente convinti che la Moderazione sia l'approccio ottimale alla vita: gli eccessi nella sete di ricchezza o nella brama del piacere portano inevitabilmente alla sofferenza e alla perdita di questi. Allo stesso modo la paura della morte è illogica; vivendo si fa esperienza della vita stessa, e quando questa giunge al termine, termina anche la nostra esperienza per cui non possiamo sentirne la perdita. I mortali dovrebbero condurre un'esistenza dignitosa e morigerata, dimostrarsi umili nei confronti di ciò che non possono cambiare, ed agire attivamente in ciò che possono invece influenzare.

Gli Epicurei tendono ad essere una presenza poco piacevole, anche più degli altri Merckiller. La maggior parte dei membri della Morte Rossa non prova una gran simpatia per la Setta, ma non sembra vi siano state dispute aperte tra i due gruppi. I membri sono sempre molto attenti nel dichiarare la loro lealtà nei confronti della Factol Nilesia, come fanno anche nei confronti della loro leader, una drow proveniente da Faerûn di nome Dwindle.
Alcuni Epicurei pare esercitino la chirurgia o altre pratiche mediche su sè stessi nel nome della scienza, o meglio nel tentativo di modificare la traiettoria atomica del proprio "Clinamen".

Origini filosofiche

Lucrezio per primo sviluppò una epistemiologia suddivisa tra i sensi e la ragione, corrispondenti i primi al -macro e la seconda al -micro. Le creature dotate di intelletto percepiscono il mondo a livello macroscopico, tramite i loro sensi, nella vita quotidiana, mentre tramite la ragione separano il mondo del microscopico da quello che invece mostrano i sensi.

La visione materialistica che ne deriva mostra un cosmo composto da microscopiche particelle eterne - gli Atomi Ultimi - che precipitano all'infinito nello Spazio Vuoto.
Mortali, divinità, immondi e celestiali, tutti sono raggruppamenti casuali di particelle in caduta libera. Tutta la vita e tutta la materia, essendo una costruzione di mattoni perennemente in mutamento, non possono che essere effimere e transitorie, e ogni mondo così come lo conosciamo ora avrà una fine, trasformandosi in qualcosa di diverso, che ancora non si può prevedere. Per questo motivo l'eccessivo attaccamento a questa vita, a una qualsiasi delle potenze, all'esistenza e alla realtà stessa, risulta essere un comportamento inutile e dimostra poca lungimiranza.

Quasi tutti gli esseri senzienti normalmente ignorano i meccanismi che muovono il Multiverso, e tendono quindi a comportarsi in modo che si potrebbe definire superstizioso, ponendo la loro fede nelle divinità - altrettanto inutili e irrilevanti quanto il resto del Multiverso - mentre inseguono il piacere e cercano di evitare il dolore.

Origini politiche

La Setta si può considerare piuttosto giovane rispetto algi altri gruppi esistenti, ma sotto la guida "de facto" di Dwindle ha raccolto un gruppo di seguaci fedele e compatto. Dwindle ha estrapolato dalle idee originali di Lucrezio le conclusioni necessarie a fornire una guida pratica a chi la pensa come lei, nel contesto della visione del mondo con prospettiva Sigiliana.

La filosofia epicurea ha attecchito inizialmente tra i Custodi del Fato, per poi diffondersi tra le altre Fazioni, guadagnando popolarità tra gli Athar e i membri della Trista Cabala, oltre alla Morte Rossa dove alla fine si è formalizzata come una vera e propria Setta.

Le cause della criminalità

Gli Epicurei credono che il libero arbitri sia la conseguenza di un fenomeno chiamato Clinamen - l'oscillazione spontanea delle particelle mentre precipitano nel Vuoto. Siccome le menti, i cuori, gli spiriti delle creature mortali sono formati da questi elementi, le oscillazioni vengono messe in corrispondenza con i pensieri, le sensazioni, le emozioni. Se il Clinamen è responsabile del comportamento degli esseri senzienti, ne consegue che la criminalità è un fenomeno particolare del Clinamen. Gli Epicurei passano gran parte del loro tempo a fare esperimenti con la biologia, l'anatomia, la costituzione fisica dei criminali nel tentativo di scoprire le cause prime della criminalità e un possibile rimedio ad essa. Per questo motivo, hanno introdotto la pratica della chirurgia punitiva, che ha lo scopo di punire, studiare e riabilitare i soggetti, generalmente in questo ordine di priorità.

Come gli altri Mercykiller, gli Epicurei sembrano più interessati nel punire i trasgressori della legge piuttosto che nel prevenire che le trasgressioni avvengano. Ma se un giorno gli Epicurei dovessero scoprire un modo per controllare il Clinamen impedendo che causi comportamenti criminali, e trovassero come arrivare a usare nella pratica un tale metodo, sapranno finalmente di aver svolto la loro parte nel far sì che i mortali riescano ad attraversare la spirale discendente dell'esistenza con Modestia, Giustizia, Cognizione e Compassione ( Modesty, Justice, Consequence and Compassion) - le quattro parole d'ordine della Setta.


Bibliografia
1. Tratto da "Epicureans" su "wiki.sigil-planarlegends.com" - vedi la pagina

(IMPORTANTE! POLICY: Gran parte del testo è liberamente tratto e in parte adattato dalle fonti citate e comunque dalle pubblicazioni Dungeons & Dragons della TSR e della Wizards of the Coast, nonchè dalle traduzioni ufficiali della 25 Edition, oltre ad altre fonti come le pubblicazioni della PAIZO Publishing per Pathfinder, che mantengono i diritti, intellettuali e non, sull'ambientazione e i suoi elementi. Allo stesso modo tutte le immagini sono coperte da copyright e vengono presentate senza alcuno scopo di lucro, corredate di autore e proprietario, e pertanto non sono riproducibili o utilizzabili in nessun ambito commerciale.)

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License