Predestinati (Fated)

Predestinati (Fated)

fated symbol predestinati

Fated, Predestinati - scheda

Dati generali

Conosciuti come: Gli Avidi, i Senza Cuore, Gli Spietati
Factol attuale: Rowan Darkwood
Classi più comuni: Qualsiasi, tranne paladini, monaci e chierici troppo caritatevoli
Membri noti:

Politica

Sede a Sigil: Sala dei Registri
Città portale: Glorium (nonostante il borgomastro sia un Indep)
Piano affine:Ysgard
Gerarchia: Namer, Factotum, Factor, Factol
Fazioni alleate: Mercykillers, Lega Libera
Fazioni sgradite: Harmonium
Fazioni nemiche: Società delle Sensazioni

Simboli

Citazione: "Quel che è mio, è mio. Quel che è tuo, è mio. A meno che tu non prenda le dovute precauzioni."
Descrizione:

Factol Rowan Darkwood dei Predestinati - by Tony Diterlizzi

Ho compiuto i 57 giusto la settimana scorsa, anche se, lo ammetto, sembro molto più vecchio per la mia età. Dopo tutto, ho fatto e visto abbastanza cose da riempire due vite intere. Ma sono felice di poter dire che il mio braccio impugna la spada con la stessa forza di un tempo - forse è solo un po' più lento di quando ero giovane. E la mia schiena è ancora dritta e robusta, anche se da certi miei ritratti che qualche zolla ha messo in giro non sembrerebbe. Chiunque li abbia fatti ci ha azzeccato sulla barba e i baffi, ma con i capelli ha proprio fatto un lavoraccio - si è scordato di disegnare sia la coda in cui li raccolgo che la pelle di cornugon con cui li lego.
Ma non è che voglia star qui a parlare del mio aspetto. Ho dei piani riguardo alla Città delle Porte. Quindi ascoltate bene, non andate in giro a raccontare il buio che sto per dirvi, e io non vi verrò a cercare uno a uno. Abbastanza onesto, no?
Sono a Sigil da poco più di un anno, ormai. Ma sono sempre stato bravo a capire i se e i ma di ogni cosa, e non ci ho messo molto ad accorgermi che i Predestinati avevano bisogno di un nuovo factol. Oh, ne avevano uno, certo. Emma Oakwright, si chiamava - una nana su un piedistallo un po' troppo alto per le sue gambe. Mi sono permesso di fare una chiacchierata in privato con lei, le ho raccontato un paio di cosette che pensavo potessero interessarle, e già che c'ero ho accennato al fatto che, forse, avrebbe dovuto nominare me per sostituirla, se mai avesse deciso di abbandonare il suo posto di factol… la settimana seguente. Naturalmente, l'ha fatto senza fiatare.
E così, ora sono un factol. Ma per via del mio passato da nobile molti babbi mi chiamano ancora "il Duca" - non che la cosa mi importi, anzi, serve a ricordarmi le mie radici, su Toril. Certo, alcuni Avidi hanno ancora qualcosa da ridire, quando pensano che ho recitato il Giuramento di Carica due minuti dopo aver recitato il Giuramento d'Iniziazione. Ma ai tempi nemmeno loro hanno provato a fermarmi: e, da allora, nessuno ha mai osato farlo. Riesco sempre a ottenere quello che voglio. Sempre. Devo ancora incontrare il dritto che riesca a impedirmelo. Anche se, devo ammetterlo, qualche tempo fa ho incontrato una rossa - Alisohn Nilesia, la giovane factol dei Giustizieri. Affascinante, a modo suo, ma non sono ancora riuscito a inquadrarla.
Erin Darkflame Montgomery… Altra donna interessante, sì. Non mi importa quanto dicano che sia bella, c'è qualcosa di più, sotto quella maschera. Di sicuro, ha un potere - e una ricchezza - con cui dovrò fare i conti, prima o poi. I suoi Sensisti possiedono di tutto in quasi tutta la Gabbia, ma ho già un piano anche per quello. Vedete, i Predestinati sono incaricati della riscossione delle tasse, e credo sia ora di aumentarle per renderle più… adeguate. E la parte migliore è che è facile come venir pelati nel Bazaar. I nostri registri hanno tutte le documentazioni che mi servono: un prestito non restituito, qualche spina in meno in una tassa pagata un secolo fa, con gli interessi, e il gioco è fatto.
E non è che sia solo io a squaccare la scassagrana e a credere di poter fare chissà cosa con questa storia - i Predestinati hanno una lunga tradizione basata sull'ottenere ciò che vogliono sfruttando cavilli come questi. Lo sappiamo tutti che la fazione una volta fece chiudere un'accademia in ritardo di una settimana sul pagamento dell'ipoteca - fu così che la Sala dei Registri divenne il nostro quartier generale. Certo, le zolle di quella scuola ci accusarono di aver anticipato di qualche giorno la data di scadenza originale, ma non è quello il punto. Il punto è che non poterono fare niente per impedircelo.
C'è chi chiama i Predestinati "gli Avidi", "Coloro che Prendono", "i Senza Cuore". Beh, io mi sono preso la fazione, e lei mi ha accolto di buon cuore. Quei pochi che si lamentavano si sono fatti una lunga chiacchierata con me - e si sono beccati una bella multa. Non tollero le lamentele tra i miei uomini, e mi farei impiccare prima di coccolare qualcuno della mia fazione. Il motivo per cui tutto quello che faccio appare grandioso alle masse di mollaccioni, è che io so esattamente quello che voglio. Parola mia, sapere ciò che si vuole, e fare di tutto per ottenerlo: questa è la chiave del multiverso.
Lo so io, e ora lo sapete anche voi. Non vi resta che uscire di qui e andare a prendere quello che volete: è tutto là fuori, basta saperlo chiedere… o esigere
.

- Factol Rowan Darkwood, dei Predestinati

Chiedete a qualcuno a Sigil cosa preferirebbe fare tra lo scazzottarsi con un marilith e il trovarsi un Predestinato sotto casa: nove babbi su dieci sceglieranno la scazzottata. Questo è ciò che la gente della Gabbia prova nei confronti degli Avidi - uno strano misto di odio, paura, e rispetto. E, giusto per non contraddire la Regola dei Tre, ci sono tre ottime ragioni per giustificare questo atteggiamento.
Prima e più importante è che quasi chiunque ha qualche sospetto riguardo la loro filosofia: Prendi tutto ciò che puoi, e all'inferno il resto. I Predestinati credono che si possa reclamare il multiverso come proprio semplicemente sapendo ciò che si vuole, trovando un modo per ottenerlo, e dimostrandosi abbastanza forti da tenerselo stretto. Quel che è certo, è che i membri della fazione sanno come badare a se stessi. La maggior parte di chi li conosce non può che rispettare la loro autosufficienza, ma non può anche non temerla. Dopo tutto, un tagliaccio non può mai sapere di preciso quali conoscenze e quali abilità si nascondono dietro ogni Avido.
La seconda e la terza ragione derivano dalle responsabilità dei Predestinati nel far funzionare come si deve la Gabbia. La fazione controlla la Sala dei Registri, il centro amministrativo di Sigil, dove i cittadini vanno a registrare contratti, nascite, morti, e tutte le transazioni commerciali - per una modesta somma di denaro, naturalmente. Inoltre, i Predestinati raccolgono tutte le tasse della Città delle Porte, spesso con un po' troppo zelo per i gusti del babbo medio. Ovviamente, c'è una tassa su qualunque cosa: abitazioni, guadagni, beni immobili, attività intangibili, organizzazioni, inestetismi cittadini (nella Sala degli Oratori sono scoppiate innumerevoli liti per stabilire cosa, a Sigil, possa essere ritenuto un "inestetismo cittadino"), e persino una tassa sulle folle (specialmente le folle di poveracci dell'Alveare, che neanche possono pagare). Queste occupazioni fanno sì che la fazione ottenga un minimo di rispetto, spesso misto a paura - la zolla media non osa trattare male uno Spietato, con il rischio di trovarsi con 50000 monete di "tasse arretrate" - ma genera anche una buona dose di odio.
Gli Avidi sono a Sigil da un bel pezzo, a quanto pare; nella Città delle Porte c'è sempre stato bisogno di notai ed esattori delle tasse. Ma prima che Duca Darkwood spuntasse dal nulla e diventasse capo della fazione, i Predestinati si accontentavano da tempo di un approccio più in stile "dietro le quinte" alla vita e alla politica di Sigil. Si facevano gli affari propri, manipolando gli altri con il commercio di informazioni, tassando qua e là per ottenere ciò che volevano. E a dispetto degli alti e bassi delle altre fazioni, il numero dei Predestinati restava grossomodo lo stesso - circa 34000 membri, ora come ora.
Non si sa molto altro del passato dei Senza Cuore, anche se si dice che ci sia qualche informazione in più nella "Storia Segreta di Sigil". Tenuti e aggiornati da ogni factol fin dalla fondazione dei Predestinati, questi misteriosi volumi descrivono fin nei minimi dettagli tutti i segreti e le informazioni preziose raccolte dagli Avidi in tutta Sigil. Spesso, il buio contenuto in questi tomi non sembra aver grande importanza per il namer medio, ma per gli osservatori (membri altolocati della fazione, specializzati nell'analizzare informazioni e scovare segreti), non esistono informazioni inutili - solo informazioni che potrebbero metterci qualche tempo prima di diventare utili.
Duca Rowan Darkwood è factol da meno di un anno, ma il suo atteggiamento arrogante e intransigente ha già influenzato un buon numero di Avidi. Ha fatto aprire vari uffici in tutti e sei i quartieri di Sigil, come punti di raccolta tasse, e ora manda i suoi esattori a riscuoterle due volte al mese invece che una sola. Certo, le altre fazioni tengono d'occhio gli aumenti eccessivi, e tutti devono essere votati nella Sala degli Oratori prima di poter venire approvati. Ciononostante, in quest'ultimo anno i Governieri hanno dovuto avere a che fare con molte più lamentele del solito, riguardo ai metodi dei Predestinati.
Darkwood fa il possibile per scoprire tutto ciò che può riguardo alle lamentele, e ha almeno due dozzine di osservatori che lavorano come factor per lui. La loro identità è nota solo al Duca, cosa che rende le zolle della Gabbia particolarmente nervose - forse il babbo seduto al tavolo lì vicino è un osservatore, o forse no. Di loro si sa solamente che girano per Sigil e rivoltano gli archivi della Sala in cerca di informazioni che permettano al factol di corrompere o ricattare i suoi oppositori.
Darkwood sa riconoscere perfettamente chi sarà più portato a dargli ragione e chi no. I Predestinati vanno d'accordo con la Lega Libera, dato che la filosofia Indep del "lasciatemi in pace" ha molte similitudini con quella dell'"ognuno per sè" degli Avidi. Spesso i Senza Cuore e gli Indipendenti lavorano insieme, anche se sempre in vista di un guadagno di qualche genere - un namer potrebbe aver bisogno di arruolare dei mercenari appartenenti all'altra fazione, per esempio. Il Duca ha saputo da poco che alcune testequadre hanno deciso di rendere impossibile la vita agli Indep, e sta di conseguenza cercare un modo per aiutare la Lega Libera - a patto che offra qualcosa in cambio. E se dovesse scoppiare una guerra civile, è quasi certo che i Giustizieri si schiererebbero con gli Harmonium. Quelli della Morte Rossa apprezzano la filosofia dei Predestinati secondo cui chiunque è responsabile delle proprie azioni - ma non riescono a tollerare la loro mancanza di rispetto nella legge e nella giustizia.
Gli Avidi possiedono un buon numero di taverne, negozi e locande in giro per Sigil in grado di offrire i propri servizi ai membri della fazione, ad esempio la Lacrima del Barghest, il Cuore di Ferro, le Armi di Heshter, tutti situati nel Quartiere Amministrativo. Ognuno di questi locali ha un piano inferiore riservato ai soli Predestinati; chiunque non sia un Senza Cuore non viene lasciato entrare senza l'approvazione di almeno tre membri della fazione.

Essere un Predestinato

Molti avventurieri trovano piuttosto semplice indirizzare le loro attitudini possessive verso tutto il Multiverso. Tuttavia, man mano che un Avido guadagna conoscenze ed esperienza, dovrebbe imparare a capire che ci sono obiettivi più grandi di una cassa piena d'oro o una corona sulla testa. Alcune delle cose più importanti nella vita non possono essere prese in punta di spada - ad esempio la felicità, il rispetto o l'amicizia.
Ciò che importa è che un Predestinato continui imperterrito la sua strada verso ciò che cerca con incrollabile determinazione. Il destino ti ha messo ai guerci? Non buttare tempo a piangere nella tua birra blaterando di quanto sia ingiusto il multiverso - il multiverso non potrebbe essere più equo di così. Tutto è là fuori in attesa soltanto di essere reclamato da qualcuno con la forza di prenderlo e la volontà di difenderlo. Potrebbe suonare spietato, ma non significa automaticamente che ogni Avido arraffa ogni cosa su cui può mettere le mani. Nessuna legge di fazione lo obbliga a impossessarsi della fetta di tesoro dei suoi compagni d'avventura, o pelare amici e conoscenti per il gusto di farlo. Certo, se questo è ciò che vuole dalla vita, faccia pure - ma un babbo troppo crudele finirà anche per farsi registrare.
Nelle dispute di gruppo, un Predestinato tenderà a schierarsi con la parte che saprà dargli i maggiori benefici, ma in generale appoggerà membri della Lega Libera e si opporrà alle Testequadre.
Ovviamente, non esiste alcuna forma di cortesia professionale tra i vari Senzacuore, nemmeno quelli di uno stesso gruppo: se un babbo è troppo debole per difendere la sua spada runica in sangueacciaio, qualcun altro sarà lieto di farsi avanti e prendersela.
Vista la loro abilità nel sopravvivere e le loro conoscenze dei piani, gli Avidi si trovano spesso ad agire nel ruolo di guide per gruppi di avventurieri. Ovviamente i dritti più all'occhio spesso si chiedono quanto ci si possa fidare di una guida la cui unica motivazione sia migliorare la propria posizione; una ricompensa generosa in genere è sufficiente a garantirsi la lealtà del Predestinato. Ciò non esclude che una guida di tendenza malvagia possa comunque abbandonare i suoi clienti nel cinquecentesimo strato dell'Abisso se per caso gli venisse fatta un'offerta migliore.
I Predestinati credono anche nel tenere il becco fuori dagli affari altrui. Per esempio, se un Avido vedesse un Factotum di una fazione rivale venire pestato a sangue in un vicolo, non interverrebbe per aiutare la povera zolla - a meno di non vedere un possibile guadagno nel farlo.
Allo stesso modo, i Predestinati stanno ben attenti a non indebitarsi con nessuno, preferendo pagare qualunque cosa al momento dell'acquisto. Ovviamente, detto pagamento verrà offerto solo dopo che il servizio richiesto -qualunque esso sia- è stato portato a termine.

Allineamento

Zolle di allineamento Legale Buono sono automaticamente escluse dai Predestinati, ma chi è di tendenza caotica potrebbe trovare questa fazione particolarmente allettante. La natura stessa degli Spietati verte su un atteggiamento egocentrico e mercenario, ma non irrazionale o disorganizzato. L'allineamento spesso definisce soltanto quanto un Avido sarà spietato nel prendersi ciò che vuole.
Alcuni babbi Caotici Malvagi potrebbero trovare una buona idea andarsene in giro a spaccare nasi e derubare chiunque gli capiti appresso, ma la maggior parte è abbastanza furba da capire che è più semplice e sicuro approfittarsi della propria preda.
Caotici di altre inclinazioni morali si limiteranno a piegare le leggi a loro favore finchè questo non dovesse sfociare in qualcosa di malvagio - potrebbero anzi arrivare a contribuire al bene di tutti, come nel caso di un Avido che fa chiudere e sequestrare una taverna che ospita una gilda di assassini nei suoi sotterranei. Tuttavia, anche i Predestinati di allineamento buono tendono a farsi strada strada nel multiverso a gomitate - curandosi però di non fare del male a chi non lo merita.

Benefici

Uno dei più ovvi e immediati benefici è l'esenzione dalle imposte cittadine. Oltre a quello, i Fated sono una fazione degna di considerazione (o timoroso rispetto) per tutti gli abitanti dei piani. Insieme a questi, vi è la possibilità di accedere con maggior facilità ai dati custoditi nella Sala delle Informazioni.

Entrare nella fazione

Entrare nei Predestinati richiede sempre una qualche genere di prova attitudinale, per verificare l'effettiva autonomia, intelligenza e capacità fisiche del candidato. Queste sono di varia natura, dal riscuotere debiti al recupero di informazioni specifiche. Gli Avidi sono molto esigenti nello scegliere nuovi membri.

Salire di grado

Da Namer a Factotum
In base alla attitudini di ciascun Senza Cuore è possibile avanzare di grado fornendo informazioni rilevanti alla Sala dei Registri riguardo le altre fazioni (ed in particolare i Sensisti) o fatti sconosciuti riguardanti la Città delle Porte. Quest'ultima condizione assicura un passaggio praticamente automatico a Factotum.
In alternativa i Fated esattori possono salire di grado semplicemente svolgendo con efficienza il proprio lavoro: una volta che è riuscito ad accumulare tra tasse e multe (rigorosamente documentate) una somma pari o superiore a 300 grane, verrà preso in considerazione per il passaggio di grado. Minore è il tempo in cui questa somma è stata accumulata, più facile sarà la possibilità di salire di grado.
Da Factotum a Factor
Similmente a quanto vale per il grado inferiore, il Fated deve fornire informazioni ancora più riservate (in particolare documenti o testimonianze che precedono il Gran Sconvolgimento) o di difficile recupero, oltre che dare prova direttamente al Duca di essere un possibile candidato ideale per la sua schiera di factor.

Restrizioni di comportamento

Un Fated non accetterà mai un regalo, o cercherà proventi in una cosa troppo facile, che non comporti una certa dose di rischio o impegno, perchè questo lo indebolirebbe, sottraendogli delle occasioni per impegnarsi per guadagnare qualcosa. Allo stesso modo non regalano niente a nessuno, e aiutano gli altri solo dietro compenso: è anche nell'interesse altrui guadagnarsi da vivere.

Vedi anche:

Gallery

"Misteria, probabile fated" (dal forum UO, "Guerrier") - by Nuvola

"Fated", maga degli avidi - by Magiy (Kalin Kadiev)

"Factor Fated wizard, Rayl", factor degli avidi - by Domigorgon (Domagoj Rapčak)

Fazione dei Fated

Halfling degli Avidi - by Emily Fiegenschuh

Avido dei Fated - by Mike May

"Wemic Shaman", sciamana wemic dei predestinati, nelle Terre Esterne - by Paul Jaquays


Bibliografia
1. Contributi di approfondimento da parte dello staff di Ultima Online Planescape
2. David Cook, Advanced Dungeons & Dragons 2nd ed. - Planescape Campaign Setting a player's guide to the planes, TSR, 1994-04, (cod. 2600)
3. Dori J. Hein, Tim Beach e J.M. Salsbury, Advanced Dungeons & Dragons 2nd ed. Planescape – The Factol’s Manifesto, TSR, 1995-06 (cod. 2611)
4. Monte Cook, Advanced Dungeons & Dragons 2nd ed. Planescape – The Planewalker’s Handbook, TSR, 1996-08 (cod. 2620)

(IMPORTANTE! POLICY: Gran parte del testo è liberamente tratto e in parte adattato dalle fonti citate e comunque dalle pubblicazioni Dungeons & Dragons della TSR e della Wizards of the Coast, nonchè dalle traduzioni ufficiali della 25 Edition, oltre ad altre fonti come le pubblicazioni della PAIZO Publishing per Pathfinder, che mantengono i diritti, intellettuali e non, sull'ambientazione e i suoi elementi. Allo stesso modo tutte le immagini sono coperte da copyright e vengono presentate senza alcuno scopo di lucro, corredate di autore e proprietario, e pertanto non sono riproducibili o utilizzabili in nessun ambito commerciale.)

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License