Genio (Genie)

Genio (Genie)

Genio della lampada - by Enkarna Garcìa Kartet

Si formò una bruma densa, che a poco a poco, quando fu tutta fuori dal vaso, si unì e diventò un corpo solido, il quale in breve prese l'aspetto di un Genio gigantesco, mostruoso, di proporzioni così enormi che il pescatore avrebbe voluto fuggire; ma era così turbato e così sgomento che le gambe gli tremavano e non gli riusciva di muoversi.1

Introduzione

Un genio (noto anche come jinni, jinn al plurale) è una creatura originaria di uno dei piani elementali e, come tale, è spesso composto principalmente da materiale elementale. Queste creature sono famose per la loro forza, astuzia e abilità con la magia illusoria. I geni a volte usano il Piano Materiale come terreno neutrale per incontrare (o combattere) altri membri della loro specie o raccogliere beni non facilmente disponibili nel loro piano nativo.

Storia

Si dice che i geni siano stati posti in essere con il primo atto della creazione. Le loro storie li chiamano "il primo popolo", sostenendo che la sofferenza da loro patita a causa degli artigli di Rovagug sia stata l'inizio della guerra tra lui e gli altri dèi.

In concomitanza con la creazione dei geni, il semidio oscuro Ahriman nacque come ombra distruttiva dei geni. Ahriman odia i geni con ogni fibra del suo essere. Ha creato i corrotti div dalle anime dei geni malvagi per tormentarli.

All'inizio della loro storia, prima che i mortali fossero creati, molti geni di tutte le razze sono stati ridotti in schiavitù dal tiranno divino Iblis; la lotta per ottenere e mantenere la loro libertà è stata l'unica occasione in cui le varie razze di geni abbiano mai unito le forze contro un nemico comune.

Ecologia

A differenza di molte altre creature planari, i geni sono nati nel modo dei mortali, di solito in gruppi di due o tre gemelli, o anche in cucciolate che comprendevano fino a otto membri. Crescono molto più velocemente dei mortali, raggiungendo l'età adulta all'età di sei anni (per gli efreet e i djinn) o di quindici (per i jann). La forza di un genio è spesso legata alla sua dimensione fisica, in modo tale che i più antichi e/o potenti fra loro sono anche i più grandi.

La maggior parte dei geni, fatta eccezione per i nomadi jann, vive una vita decadente in città o palazzi opulenti sui piani elementali; i più belli fra questi centri sono la Volta Opalina degli shaitan e la Città di Ottone degli efreet.

I geni sono di fatto immortali, immuni alle ingiurie del tempo e della vecchiaia. Quando colpito dalla violenza, il corpo di un genio evapora, si dissolve o si sbriciola nei suoi elementi costitutivi. Al momento della sua morte, l'anima di un genio viene riassorbita nel piano elementale della sua nascita e reincarnata in un nuovo corpo. Tuttavia, alcuni geni incontrano il terribile destino della non-morte e diventano ghul o edimmu; inoltre, le più malvagie di tutte le anime dei geni trovano la loro strada per le Distese Grigie e sono trasfigurati in div.

Interazioni con i mortali

Genio nella grotta delle meraviglie - by Kevin Alicea, Zachary Davis

Molti geni possono esaudire i desideri di coloro che li legano, li sconfiggono o si conquistano da loro un favore. Tuttavia, è opinione diffusa che si debba essere molto cauti nella formulazione utilizzata per esprimere un tale desiderio. Quando si tratta di geni, il detto "stai attento a quello che desideri" assume un significato di vita e di morte.

Sul mondo primevo di Golarion, i geni hanno avuto maggiori interazioni con gli esseri umani nel Casmaron meridionale e nel Garund settentrionale. L' impero Padishah di Kelesh li lega per tutti i tipi di scopi, e il signore dei legatori dei geni, Sulesh il Grande era un keleshita. Allo stesso modo, il grande maharajah Khiben-Sald di Vudra ha legato un vero e proprio esercito di marid alla sua volontà.

Le stirpi di Geni

Cinque sono le razze più conosciute di geni: i djinn (fatti di aria elementale), gli efreet (di fuoco elementale), i marid (di acqua elementale), i dao (o shaitan, di terra elementale ) e i jann (composti da tutti e quattro gli elementi e nativi del Piano Materiale). Esistono altre razze minori di geni, fra cui il minuscolo zhyen e il maligno jinni nero .

Vedi anche:


Bibliografia
1. Skip Williams, Jonathan Tweet, Monte Cook Manuale dei Mostri, Wizards of the Coast, 3.5 Edition & Hasbro, Luglio 2003 ISBN-10: 0-7869-2893-X
2. David Eckelberry, Rich Redman, Jennifer Clarke Wilkes Specie selvagge, Wizards of the Coast 3 Edition & Hasbro, 2003 ISBN 0-7869-2648-1
3. Bruce R. Cordell, David Noonan, Jeff Grubb, Dungeons & Dragons - Manuale dei Piani, Wizards of the Coast e 25 edition, 2005
4. M. Sernett, A. Marmell, D. Noonan, R. J. Schwalb, Tome of Magic, Wizards of The Coast e Hasbro, 2006
5. Bruce R. Cordell e Gwendolyn F. M. Kestrel, Dungeons & Dragons 3.5 - Atlante Planare, Guida del Giocatore ai Piani, Wizards of the Coast e 25 edition, 2007
6. Paizo Staff Bestiary 2, Paizo Publishing, LLC, Dicembre 2010 ISBN 978-1-60125-268-5
7. James Jacobs, et al. Advanced Race Guide, Paizo Publishing, LLC, Giugno 2012 ISBN 978-1-60125-390-3
8. Tratto dalla pagina "Genie" su pathfinderwiki.com - vedi la pagina
9. Tratto dalla pagina "Genie" su forgottenrealms.wikia.com - vedi la pagina
10. Tratto dalla pagina "Efreeti (Genio)" su exogino.wordpress.com vedi la pagina

(IMPORTANTE! POLICY: Gran parte del testo è liberamente tratto e in parte adattato dalle fonti citate e comunque dalle pubblicazioni Dungeons & Dragons della TSR e della Wizards of the Coast, nonchè dalle traduzioni ufficiali della 25 Edition, oltre ad altre fonti come le pubblicazioni della PAIZO Publishing per Pathfinder, che mantengono i diritti, intellettuali e non, sull'ambientazione e i suoi elementi. Allo stesso modo tutte le immagini sono coperte da copyright e vengono presentate senza alcuno scopo di lucro, corredate di autore e proprietario, e pertanto non sono riproducibili o utilizzabili in nessun ambito commerciale.)

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License