Halfling A Ravenloft

Halfling A Ravenloft

Generalità

Gli halfling sono considerati da molti come la razza semiumana più vicina all’umanità. Alcuni halfling trovano questa definizione un insulto, ma la maggior parte si limita a dire che non è vero. Ad ogni modo, questo spiega piuttosto bene il fatto che gli halfling siano la razza semiumana più comune nel Semipiano del Terrore.
Diversi domini del Nucleo contengono comunità di halfling (anche Necropolis, con le città di Delagia e Rivalis). Molte delle più grandi città di Ravenloft hanno una rappresentanza consistente di halfling, benché spesso abitino nelle aree più decadenti.

Caratteristiche

Gli halfling sono una razza di bassa statura, somigliante ai bambini degli umani. Le tonalità dei capelli e degli occhi vanno dal nocciola al castano scuro, mentre la carnagione è abbronzata. Hanno facce tonde, quasi paffute, e tratti amichevoli e rassicuranti.
Il maschio halfling medio si aggira sul metro di altezza, mentre le femmine sono solo un po’ più basse. La solida struttura li porta a pesare intorno ai trenta chilogrammi per i maschi e ventisette per le femmine. Gli halfling possono vivere fino a duecento anni, anche se pochi superano i centocinquanta.
Esistono tre stirpi di halfling (Alti, Tozzi e Piedipelosi), presenti nella Terra delle Nebbie. Tra l’altro gli incroci tra le stirpi sono molto frequenti.
Nonostante le variazioni tra le stirpi, gli halfling condividono uno stile molto simile nel vestire e generalmente hanno usanze corrispondenti. Gli abiti halfling sono fatti soprattutto di tessuti morbidi e comodi. Amano i bei vestiti, ma evitano le eccessive raffinatezze degli elfi. Nello stesso modo, apprezzano i vestiti pratici ma disprezzano l’abbigliamento spesso spartano dei nani. Come tutte le cose, la comodità è l’elemento principale per un halfling. È senza dubbio per questo motivo che evitano di indossare le scarpe ogni volta che possono.

Personalità

Tra tutte le razze semiumane di Ravenloft, solo gli halfling possono muoversi liberamente tra gli umani. Anche se distinguono facilmente dai loro cugini più alti, gli halfling sono abbastanza simili nell’aspetto e nei modi da sfuggire alla xenofobia sperimentata da molti semiumani.
Forse il successo che gli halfling hanno avuto con gli umani risiede nella loro abitudine di scomparire. Un halfling in genere preferisce vivere la propria vita senza avere troppi contatti con il mondo esterno. Essi sono felici di stare lontano dagli occhi dell’altra gente.
Gli halfling di Ravenloft sono molto simili a quelli degli altri luoghi del Multiverso, dato che le Nebbie non li hanno cambiati molto. Non sono socievoli come i loro cugini di Oerth o Toril, ma amano la buona tavola, il cuore allegro e una comoda poltrona.
Gli halfling apprezzano le piccole gioie della vita che molti altri semiumani sembrano trascurare. Non bramano l’oro come i nani, accontentandosi del denaro che serve per vivere. Le gemme e i gioielli che affascinano gli gnomi li incuriosiscono solamente. Il fasto tipico dello stile di vita degli elfi li interessa poco, perché a volte è talmente pretenzioso da risultare scomodo.
La cultura halfling assomiglia a quella delle campagne dell’Europa. Curano i giardini, allevano qualche maiale o dei polli, evitano di avere troppo a che fare con gli stranieri. I loro nomi risalgono alla vecchia Inghilterra. Tra le donne, i nomi più comuni sono Elvina e Thylda, mentre Hildric e Wynne sono i più usati per gli uomini.

Vedi anche:


Bibliografia

(IMPORTANTE! POLICY: Gran parte del testo è liberamente tratto e in parte adattato dalle fonti citate e comunque dalle pubblicazioni Dungeons & Dragons della TSR e della Wizards of the Coast, nonchè dalle traduzioni ufficiali della 25 Edition, oltre ad altre fonti come le pubblicazioni della PAIZO Publishing per Pathfinder, che mantengono i diritti, intellettuali e non, sull'ambientazione e i suoi elementi. Allo stesso modo tutte le immagini sono coperte da copyright e vengono presentate senza alcuno scopo di lucro, corredate di autore e proprietario, e pertanto non sono riproducibili o utilizzabili in nessun ambito commerciale.)

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License