Il Pilastro Planare - Na'Tak Karari

Il Pilastro Planare - Na'Tak Karari


Na'Tak Karari è un tagliaccio formidabile. Appena tornato da un'escursione intorno al Grande Anello in meno di 90 giorni (vedi i report in S.I.G.I.S. per più storia), egli ha messo a punto un modo suo proprio per mappare i Piani; e una Filosofia del Tutto per sostenerlo.

.

allmap1.gif

Considera i Piani come una pila di mattoni. Alla base, i cosiddetti Blocchi di Costruzione, i Piani Interni. Si trovano in un anello di regioni elementari, e dove queste si sovrappongono, hanno avuto origine i Paraelementali. Al centro dell'anello interno si trovano i Piani Energetici, Positivo e Negativo e, dove questi si sovrappongono con i Piani Elementali, sono posizionati i Quasielementali.

I Piani Interni sono compenetrati dalle rive dell'Etereo di Frontiera (Border Ethereal); quest'ultimo evapora nel Profondo Etereo, dove gli elementi subiscono un primo mescolamento per formare poi il Primo Materiale. C'è un altro Etereo di Frontiera tra il Profondo Etereo e il Primario, forse per proteggere l'uno dall'altro.

Il Piano Materiale risiede al centro del pilastro e si dice che il vero centro del Primario sia la fonte di tutta la vita. Ciò non è certo, tagliaccio, perchè il centro dell'infinito non è esattamente una cosa facile da trovare!

Ad ogni modo, il Primo Materiale è costituito da mondi (da cui provengono gli storditi primevi), sospesi in un vuoto chiamato Spazio Indomato (Wildspace). Ogni porzione di Spazio Indomato ha fino a qualche dozzina di mondi, di solito con un Sole per fornire luce e calore. Ogni Spazio Indomato è di dimensioni finite ed è contenuto all'interno di un'immensa Sfera di Cristallo, che avvolge il sistema solare. Di solito ci sono anche stelle dipinte all'interno di ciscuna sfera ma nessuno sa davvero perché. Al di fuori delle Sfere di Cristallo si estende un luogo inesplorato chiamato Flogisto. E' un luogo di gas infiammabili color arcobaleno, suddivisi in correnti e oceani, e l'intero luogo è tagliato fuori da tutti gli altri Piani. Non ci sono portali o sacche di partecipazione [?] qui, babbo!

Il Piano Astrale è un Piano vuoto di color grigio-argento e alcuni dicono che non abbia nemmeno il volume. Tocca tutti i mondi del Primario (e presumibilmente anche tutte le porzioni di Spazio Indomato), ma non il Flogisto. Come ho detto, quel luogo è dimensionalmente scollegato. In ogni caso, 'Astrale è il luogo ove si trovano i Condotti: guizzanti wormholes che collegano il Primario ai piani, e viceversa. Io, Na'Tak Karari ritiengo che i condotti passino tutti attraverso il foro centrale di Sigil, la Città delle Porte, ed è per questo, a suo avviso, che il luogo è pieno di portali: sono semplicemente i punti deboli dei Condotti (Certo, questo in realtà non spiega perché i portali possano portare anche ai Piani Interni).

L'altro bordo dell'Astrale (nella misura in cui un'entità aspaziale può avere bordi) tocca lo strato superiore del Grande Anello dei Piani Esterni. Il resto dei Piani Esterni porta verso il basso (o verso l'alto a seconda che si tratti di Piani allineati al Bene o al Male), proseguendo per una distanza che - a seconda delle credenze - può estendersi all'infinito.

.


Bene, questo è un modo di vedere le cose.


Copyright 1998 by Jon Winter
Traduzione 2014 by Cromatico


Bibliografia
1. Tradotto dalla pagina "Mapping the Infinite: The Planar Pillar" su "Mimir.net" - vedi la pagina

(IMPORTANTE! POLICY: Gran parte del testo è liberamente tratto e in parte adattato dalle fonti citate e comunque dalle pubblicazioni Dungeons & Dragons della TSR e della Wizards of the Coast, nonchè dalle traduzioni ufficiali della 25 Edition, oltre ad altre fonti come le pubblicazioni della PAIZO Publishing per Pathfinder, che mantengono i diritti, intellettuali e non, sull'ambientazione e i suoi elementi. Allo stesso modo tutte le immagini sono coperte da copyright e vengono presentate senza alcuno scopo di lucro, corredate di autore e proprietario, e pertanto non sono riproducibili o utilizzabili in nessun ambito commerciale.)

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License