Karaan

Karaan

Scheda: Karaan


- Titolo: no

- Epiteti: Il Dio Ferino

- Livello di Potenza: Semidio

- Simbolo: Zanne insanguinate oppure ossa rosicchiate

- Piano di residenza: Carceri, Colothys (vaga)

- Genere: Maschio

- Allineamento: Caotico Malvagio

- Area di influenza: no

- Adoratori: no

- Allineamento dei chierici: NM, CM

- Domini: Bestiale, Distruzione, Furia, Male

- Pantheon: no

- Divinità alleate: Erythnul

- Divinità nemiche: Obad-Hai, Elhonna

- Arma preferita: Randello pesante


Introduzione e generalità

Karaan, conosciuto primariamente come "Il Dio Ferino", è un'entità mostruosa spinta da impulsi animaleschi e da un selvaggio desiderio di distruzione. I suoi simboli sono zanne insanguinate o ossa rosicchiate o spezzate. La sua arma preferita è il randello grande (anche se le zanne e gli artigli affilati sono perfetti sostituti). I domini con cui viene associato sono il Caos, la Distruzione e il dominio Bestiale. Il suo allineamento è Caotico Malvagio.

Aspetto fisico

Egli viene solitamente raffigurato come un massiccio umanoide ricoperto di pelo e dotato di orribili zanne e artigli. Non assomiglia a nessun animale in particolare ma ha l'aspetto di un predatore.

Relazioni

Karaan rappresenta il lato oscuro della natura ed è quindi nemico di Obad-Hai e di Elhonna. Spesso viene adorato congiuntamente ad Erythnul, sebbene il culto di Karaan sia di gran lunga meno conosciuto. Alcuni credono che Karaan sia collegato in qualche modo a Yeenoghu, sebbene quel principe dei demoni non sia una divinità vera e propria.

Karaan è il patrono dei licantropi e delle creature bestiali come i bugbear, gli gnoll, gli worg, le manticore e alcune sfingi.

Clero e templi

I chierici di Karaan sono animaleschi quanto il dio che servono. Disprezzano la civiltà e adorano distruggere ogni cosa, specialmente quegli oggetti che sono frutto di artigianato, abilità loro ignota. Spesso in battaglia vestono con pellicce, pelli e armature ma a volte non indossano assolutamente nulla. Solitamente portano i capelli lunghi e sciolti e sono soliti lanciare urla e grugniti incoerenti. Spesso si infliggono cicatrici nel corso dei loro rituali e si affilano i denti per renderli più appuntiti se non sono già aguzzi di natura.

I templi di Karaan sono luoghi di potere naturale: radure isolate, alture rocciose o profonde fosse nascoste nelle terre selvagge. Il pavimento è sempre ricoperto dei resti delle prede dei chierici, delle loro vittime e dei loro nemici sconfitti.


Bibliografia
1. Monte Cook, Libro delle Fosche Tenebre, Wizards of The Coast & Hasbro, Ottobre 2002; le medesime informazioni sono riportate anche alla pagina Divinità Infami su sigilonline.altervista.org - vedi la pagina

(IMPORTANTE! POLICY: Gran parte del testo è liberamente tratto e in parte adattato dalle fonti citate e comunque dalle pubblicazioni Dungeons & Dragons della TSR e della Wizards of the Coast, nonchè dalle traduzioni ufficiali della 25 Edition, oltre ad altre fonti come le pubblicazioni della PAIZO Publishing per Pathfinder, che mantengono i diritti, intellettuali e non, sull'ambientazione e i suoi elementi. Allo stesso modo tutte le immagini sono coperte da copyright e vengono presentate senza alcuno scopo di lucro, corredate di autore e proprietario, e pertanto non sono riproducibili o utilizzabili in nessun ambito commerciale.)

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License