Mappare l'Infinito: Prospettive Cosmologiche

Mappare l'Infinito: Prospettive Cosmologiche

Trentanove modi per mappare l'Infinito

.

In quanti modi si può disegnare ogni cosa?
Be', un bel po' in realtà. Nessun viaggiatore planare che conosca il suo mestiere potrà mai dire Sì, questo è il modo giusto per mappare i piani. È certo, però, che ognuno avrà il suo modo preferito per fare ciò. [1]

Lo sforzo di capire l'universo è tra le pochissime cose che innalzano la vita umana al di sopra del livello di una farsa, conferendole un po' della dignità di una tragedia.1

Perchè perdere tempo cercando di mappare qualcosa che è fondamentalmente impossibile da mappare? Beh, tagliaccio, è una questione di filosofia questa. Il modo migliore per capire qualcosa è quello di vedere con i propri occhi. Ognuna delle visualizzazioni che troverai di seguito rappresenta solo un modo di guardare il problema della mappatura dell'infinito. Certo, nessuna di esse è la verità, ma se si considera ciascuna per il proprio merito, si comincerà a capire come stanno le cose. E questa, come vi dirà ogni persona versatile, è la lezione più importante di tutte. [1]

Dunque, qui di seguito c'è un gruppo di mappe; ognuna di esse ha la propria storia da raccontare. Ci sono anche degli estratti provenienti dai giornali di bordo di tagliacci che hanno viaggiato dove nessun dritto ha mai messo piede. Io riempio i vuoti dove è necessario, sgherro, e spiego perché ogni visione delle cose funziona. Naturalmente, è sottointeso che se senti di un altro modo me lo farai sapere, così che io possa diffondere il tuo buio. Capito? Bene… [1]

.


Prospettive cosmologiche per categoria

I seguenti racconti e resoconti possono essere approssimativamente divisi in cinque categorie distinte:

What if?

Gli scritti presentati in questa sezione non pretendono di descrivere piani realmente esistenti e si limitano a ipotizzare come cambierebbero le cose assumendo determinate ipotesi. A differenza dei resoconti appartenenti ad altre categorie, qui generalmente non si portano prove per sostenere l'esistenza reale di quanto discusso.

NOTA

Molti accademici considerano appartenente a questa categoria anche Il Mondo degli Spiriti, ma varie prove (fra cui le capacità di spostamento planare dei draghi lung) suggeriscono che si debba considerare questo piano come appartenente invece alla categoria descritta di seguito. In questa sede si è scelto di seguire quest'ultima opzione.

Corrispondenze planari: il Purgatorio - Cromatico

Cosmologia della Miriade di Piani - Anonimo

Cosmologia della Strada Tortuosa - Anonimo

Cosmologia Doppia - Anonimo

Cosmologia Planetario - Anonimo

Il Piano dell'Energia Temporale - Anonimo

Il Piano di Faerie - Anonimo

Riflessi di Sigil in altre realtà - Coboldo Vendicatore

NOTA

Non è ben chiaro se colui che si fa chiamare Coboldo Vendicatore (Kobold Avenger) stia parlando di riflessi di Sigil intendendoli come mere ipotesi accademiche o se si stia riferendo ad essi in quanto aspetti comprovati della realtà. Si è comunque scelto di collocare le sue parole in questa sezione poiché egli non fornisce prove o indizi di quanto afferma. [18]

Nuovi piani e strati

I resoconti che seguono introducono invece nuovi piani — sconosciuti alla cosmologia planare standard — stavolta presentandoli come reali parti del multiverso. In alcuni casi non vengono trattati interi piani ma nuove parti o strati finora ignoti di piani conosciuti.

NOTE
  • Alcuni studiosi dei piani considerano appartenente a questa categoria anche la Taverna del Mondo Serpente [3], mentre molti altri vedono questa località come un percorso planare e non come un piano a sé [8]. In questa sede non è opportuno entrare nel merito della questione. Per esigenze di classificazione, tuttavia, si è scelto di considerare la Taverna del Mondo Serpente come un percorso planare.
  • Parti consistenti delle Cosmologie Divine e delle Cosmologie Spelljammer — presentate più avanti — rientrerebbero tecnicamente in questa categoria; sono state, tuttavia, separate da essa per evidenziare le loro peculiarità e per rendere più agevole la consultazione.
  • Anche quanto riguarda i semipiani non rientra propriamente nell'ambito delle prospettive cosmologiche. I semipiani, infatti, sono per definizione realtà spazialmente e temporalmente finite. Scoprire o creare nuovi semipiani, inoltre, non mette in discussione la consueta rappresentazione del multiverso. Ciononostante, anche questi lembi di realtà contribuiscono ad arricchire le mappe dell'infinito: per questa ragione, in questa sede sono stati comunque inseriti dei rimandi puntuali alle nuove scoperte in fatto di semipiani.

Gli strati nascosti di Arborea - BlackDaggr

I Parapiani delle Ombre - Krypter

I Piani Concordanti - Leir l'Esploratore

Il Mondo degli Spiriti - Anonimo

Il Piano Elementale del Legno - Krypter

Il Piano degli Specchi - Anonimo

Il Piano Ordiale - Magnum Opus

Vedi anche: La geometria planare ed il Piano Ordiale - BlackDaggr

La Prospettiva Cosmologica che segue è un'articolata critica alla Teoria Extra-Dimensionale di Sinjyn l'Esiliato che culmina in un collegamento con l'ipotetico Piano Ordiale teorizzato da Magnum Opus. [11]

Il Semipiano della Nebbia - Ziedrich

NOTA

Nonostante il suo nome, quello della Nebbia non pare essere un vero semipiano: l'autore del seguente resoconto, infatti, lo considera un parapiano situato fra il Piano dell'Aria e quello dell'Acqua, sostituendolo di fatto al noto Parapiano del Ghiaccio. Per questa ragione, lo scritto di Ziedrich non è stato inserito fra le testimonianze riguardanti i semipiani.

La Regione dei Sogni - Anonimo

Oltre i Piani - Burbank Ralopolis

Quasielementali Esotici - Kristias Fireflight

Sopra e sotto i Piani Esterni - Jem

L'archè del multiverso

Motivi potentissimi e quasi sempre segreti sono all'origine di mille particolari che compongono la bellezza brulicante dell'universo. Una singolarità può sembrarci gratuita, ma la sua forza espressiva nasconde sempre delle radici.2

Pur non introducendo nuove contrade planari, i resoconti che seguono tentano di spiegare come il complesso dei piani noti vada interpretato e in base a quali logiche o strutture funzionino l'intero multiverso o alcune sue parti.

Atomismo planare

L'atomismo è un indirizzo filosofico naturale di carattere ontologico basato sulla pluralità dei costituenti fondamentali della realtà fisica. Secondo questa tesi, la materia è costituita da minuscole particelle, diverse tra loro, la cui unione da origine a tutte le sostanze conosciute. Queste particelle sono chiamate atomi e sono intese come le più piccole entità esistenti; si tratta, cioè, di quantità o grandezze primitive e semplici (ovvero non composte), omogenee e compatte, la cui caratteristica principale è l'indivisibilità3.

I rossi che si sono occupati dell'atomismo sono principalmente due: il misterioso Saggio di Ogni Cosa (Sage of Everything) [9] e il callido Vzerii til Corrinea [10]. Alcune rivendicazioni del secondo lasciano pensare che i due potrebbero essere in realtà la stessa persona, ma non ci sono prove certe a riguardo.

Fisica atomica: la teoria atomistica dei Piani Interni - Il Saggio di Ogni Cosa
La teoria atomistica della magia - Vzerii til Corrinea

Creature Infinite e Morali Immiscibili - Soma Purusha

Dove sono tutti i draghi? - Lung Tzu

Il Mutevole Etereo - Il Saggio di Ogni Cosa

Il Pilastro Planare - Na'Tak Karari

Il Pozzo dei Mondi - Thento Ixera

La Cospirazione dei Modron - Agnossus

La Teoria Extra Dimensionale - Synjyn l'Esiliato

Vedi anche: La geometria planare ed il Piano Ordiale - BlackDaggr

La Prospettiva Cosmologica che segue è un'articolata critica alla Teoria Extra-Dimensionale di Sinjyn l'Esiliato che culmina in un collegamento con l'ipotetico Piano Ordiale teorizzato da Magnum Opus. [11]

La Teoria Mobius - Zilith

Una Questione di Dimensioni - Puras Ignitus

Cosmologie divine

Meritano, inoltre, una particolare menzione quelle che potrebbero essere chiamate cosmologie divine: si tratta dell'insieme di luoghi planari pertinenti unicamente ai membri di un dato pantheon di poteri. Questa categoria può essere considerata un ibrido fra le due precedenti, poiché riferisce una parte di multiverso a determinate divinità, trovando quindi in esse un senso per i piani; al contempo, accade a volte che i luoghi o i dati menzionati in queste cosmologie non si accordino pienamente con ciò che rossi e vegliardi sanno sui piani. Alcuni di coloro che sostengono queste cosmologie, inoltre, non sembrano riconoscere l'esistenza di altri pantheon o dei luoghi che fanno loro da dimora. Per questi motivi è probabile che molti sgherri considerino queste cosmologie solo come il frutto di una prospettiva troppo limitata, tanto spesso propria degli storditi primini o di seguaci troppo ferventi delle divinità in questione. Il buio, però, potrebbe essere più complesso: chi assicura che coloro che propugnano queste cosmologie siano davvero sballati? Potrebbero essere invece degli eletti, aventi il raro privilegio di accedere a zone della Grande Ruota precluse ai più. Una simile ipotesi, dopotutto, non suona simile a quanto afferma specularmente Leir l'Esploratore quando dice che, proprio per il suo rifiuto dei Poteri, egli ha potuto scoprire i Piani Concordanti? Quale che sia la verità, le Cosmologie Divine note sono almeno tre: la Cosmologia Asgardiana, quella Faraonica e quella Olimpia. [2]

Cosmologia Asgardiana - Anonimo

Cosmologia Faraonica - Anonimo

Cosmologia Olimpia - Anonimo

Cosmologie spelljammer

Il Primo Piano Materiale è vasto e articolato ed al suo interno si trovano elementi e strutture mai osservati in nessun altro angolo del multiverso. Tale è la peculiarità di questo Piano, che alcuni vegliardi hanno elaborato teorie cosmologiche atte a descriverne e spiegarne gli arcani.

Il Cosmonomicon - Robert Blezard

Il Cosmonomicon è un importante tomo a riguardo, compilato dal rosso Robert Blezar. Il volume è diviso in due parti. [5]

La Cosmologia del Nucleo

La prima parte tratta della Cosmologia del Nucleo (Core Cosmology), ossia dei tre elementi peculiari del Primario: il Flogisto, le Sfere di Cristallo e lo Spazio Indomato. [6]

Il Piano dell'Infinito Nascosto

La seconda parte prende invece in considerazione il Piano dell'Infinito Nascosto (The Plane of the Unseen Infinity), anche detto "Spazio Remoto" (Farspace); parla, cioè, del vuoto cosmico che costituisce le regioni più remote del Piano Materiale. Estrema propaggine dello Spazio Indomato, lo Spazio Remoto si trova oltre ogni Sfera di Cristallo nota e persino oltre le distese del Flogisto; ciononostante, risiede nella stessa dimensione del normale Spazio Indomato. [7]

Lo Spelljammer - Druido della Notte

Altri barbagrigia — segnatamente il dritto chiamato "Druido della Notte" (Night Druid) — si concentrano invece su un altro buio del Piano Materiale: lo Spelljammer. Si tratta di una nave spaziale a forma di manta di proporzioni colossali, che viaggia attraverso lo Spazio Indomato trasportando migliaia di creature. La cosa più strana di questa nave, però, è che essa costituisce un Piano di Transizione a sé. [4]

L'Abisso Ululante - Druido della Notte

Il Druido della Notte ha preso in esame anche un altro arcano del Piano Materiale: si tratta dell'Abisso Ululante (The Howling Abyss), un piano alieno e oscuro, dominato dagli immondi. Esso è strettamente legato ad una particolare zona del Primario chiamata "Maelstrom", ma non è noto con certezza se si tratti di un semipiano collocato nell'Etereo o di un fenomeno diverso e unico nei Piani. A sostegno di quest'ultima ipotesi vi sono le molte analogie e corrispondenze che legano i regni dell'Abisso Ululante ai Piani Inferiori e, dunque, al Piano Astrale. Vanno segnalati, in particolare, i collegamenti fra il più grande regno dell'Abisso Ululante — non a caso chiamato "Inferno" — e vari strati di Baator. [25]

Prospettive cosmologiche in ordine alfabetico

Pagine correlate

Nuovi semipiani

Fra le nuove contrade planari di cui si batte fra rossi e vegliardi, non mancano i diversi semipiani. Molti sono annoverati nel Codice dei Semipiani ma alcuni non rientrano nel testo poiché la loro scoperta è ancora recente o controversa, in attesa di essere definitivamente comprovata e catalogata dai meticolosi Governieri. Fa parzialmente eccezione, a questo proposito, solo l'intersezione planare fra Ravenloft ed i Piani Elementali: benché essa sia stata documentata [19], le approfondite informazioni fornite in merito da Krypter meritano esami esaustivi.

Il Codice dei Semipiani - Spada di Geddon

Bostan, la Sfera Botanica - Malvagio

I Semipiani Elementali di Ravenloft - Krypter

Il Semipiano di Zian - Krypter

La Prigione Semiplanare di Onegas - Krypter

Altri reami e terre dei Piani

Il Palazzo di Avorio e Fiamma - Krypter

La Taverna del Mondo Serpente - Anonimo

La Terra dello Zenzero Verde - Krypter


Bibliografia
1. Tradotto dalla pagina Mapping the Infinite su Mimir.net - vedi la pagina
2. Rich Redman, Skip Williams, James Wyatt Dei e Semidei, Wizards of the Coast, 25 Edition & Hasbro, Febbraio 2002 (cod. 978-0-7869-2654-1)
3. Bruce R. Cordell, David Noonan, Jeff Grubb, Dungeons & Dragons - Manuale dei Piani, Wizards of the Coast e 25 edition, 2005
4. Tratto dalla pagina The Spelljammer: A Transitive Plane su Spelljammer - Beyond the Moons (spelljammer.org) - vedi la pagina
5. Tratto dalla pagina Knightfall's Spelljammer Cosmonomicon su Spelljammer - Beyond the Moons (spelljammer.org) - vedi la pagina
6. Tratto dalla pagina Core Cosmology su Spelljammer - Beyond the Moons (spelljammer.org) - vedi la pagina
7. Tratto dalla pagina The Plane of the Unseen Infinity - The Farspace Reality su Spelljammer - Beyond the Moons (spelljammer.org) - vedi la pagina
8. Tratto dalla pagina New Planar Pathways su mimir.net - vedi la pagina
9. Tratto dalla pagina The Atomic Theory of the Elemental Planes su mimir.net - vedi la pagina
10. Tratto dalla pagina The Atomic Theory of Magic su mimir.planewalker.com - vedi la pagina
11. Tratto dalla pagina Planar Geometry and the Ordial Plane su mimir.planewalker.com - vedi la pagina
12. Tratto dalla pagina [Planescape] 27 dimension theory of the multiverse su reddit.com - vedi la pagina
13. Tratto dalla pagina The Hidden Layers of Arborea su mimir.planewalker.com - vedi la pagina
14. Tratto dalla pagina Plane of Shadows (Alternate) su mimir.planewalker.com - vedi la pagina
15. Tratto dalla pagina Going Up and Going Down su mimir.planewalker.com - vedi la pagina
16. Tratto dalla pagina Elemental Plane of Wood su mimir.planewalker.com - vedi la pagina
17. Tratto dalla pagina Ravenloft Elemental Planes su mimir.planewalker.com - vedi la pagina
18. Tratto dalla pagina Reflections of Sigil in other Realities su mimir.planewalker.com - vedi la pagina
19. Tratto dalla pagina Ravenloft su wikipedia.org - vedi la pagina
20. Tratto dalla pagina Codex of Demiplanes su mimir.planewalker.com - vedi la pagina
21. Tratto dalla pagina Onegas' Demiplanar Prison su mimir.planewalker.com - vedi la pagina
22. Tratto dalla pagina Demiplane of Zian su mimir.planewalker.com - vedi la pagina
23. Tratto dalla pagina Bostan, the Botanical Sphere su mimir.planewalker.com - vedi la pagina
24. Tratto dalla pagina The Palace of Ivory and Flame su mimir.planewalker.com - vedi la pagina
25. Tratto dalla pagina The Howling Abyss su Spelljammer - Beyond the Moons (spelljammer.org) - vedi la pagina
26. Tratto dalla pagina The Land of Green Ginger su mimir.planewalker.com - vedi la pagina
27. Tratto dalla pagina The Mutable Ethereal su mimir.net - vedi la pagina
28. Tratto dalla pagina The Far Realm as a transitive plane su www.planewalker.com - vedi la pagina

(IMPORTANTE! POLICY: Gran parte del testo è liberamente tratto e in parte adattato dalle fonti citate e comunque dalle pubblicazioni Dungeons & Dragons della TSR e della Wizards of the Coast, nonchè dalle traduzioni ufficiali della 25 Edition, oltre ad altre fonti come le pubblicazioni della PAIZO Publishing per Pathfinder, che mantengono i diritti, intellettuali e non, sull'ambientazione e i suoi elementi. Allo stesso modo tutte le immagini sono coperte da copyright e vengono presentate senza alcuno scopo di lucro, corredate di autore e proprietario, e pertanto non sono riproducibili o utilizzabili in nessun ambito commerciale.)

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License