Mercykillers

Mercykillers

mercykillers symbol

Mercykillers - scheda

Dati generali

Conosciuti come: Morte Rossa
Factol attuale: Alisohn Nilesia
Classi più comuni: Guerrieri, Maghi, Chierici di St. Cuthbert o Asmodeus, Assassini
Membri noti: -

Politica

Sede a Sigil: la Prigione
Città portale: Rigus
Piano affine:Acheron
Gerarchia: Namer, Factotum, Factor, Factol
Fazioni alleate: Harmonium, Fated, Fratellanza dell'Ordine
Fazioni sgradite: Società delle Sensazioni
Fazioni nemiche: Xaositects, Lega Rivoluzionaria, Lega Libera

Simboli

Citazione: "Giustizia. Che bel suono. Ricorda una mannaia che cade."
Descrizione:

Factol Alisohn Nilesia dei Giustizieri - by Tony Diterlizzi

Sogno Giustizia, dolce Giustizia, e niente più. Il mio cuore brucia dal desiderio di vendicare tutti i torti di questo mondo, di riparare alle ingiustizie e di rendere buono ciò che è cattivo. Il mio essere è consumato da questa passione, questo bisogno di divorare il criminale e infliggergli la sua pena.
Sono giovane, ma la mia fede è così pura, così assoluta è la mia convinzione, che di recente sono stato nominata Factol dei Mercykiller. Non è stata una decisione difficile per i miei compagni: Factol Mallin era diventato vecchio e negligente. Il suo cuore non bruciava più con la lucente fiamma dei giusti, ma piuttosto desiderava una pace serena e un mondo ideale di bellezza pastorale. Com'è giusto che fosse, al Mortuario chiesi ai Cinerei di disfarsi del suo corpo su Athas. Di certo quel piano desolato gli darà la serenità che così ampiamente meritava.
Sono stato nominata Factol non solo a causa della prematura morte di Mallin, ma perché le mie convinzioni sono forti, e giuste. Conosco il cammino che ora i Mercykiller devono prendere. Conosco quale strada dobbiamo seguire. Ed io solo conosco la nostra sorte migliore, la più vera - poiché essa mi è stato rivelata in sogno.
Ogni crimine deve essere punito conformemente alla legge. Non esiste alcuna "attenuante" che annulli o ammorbidisca la pena. Ma un ossessivo sogno mi ha portato ad esporre le mancanze di Mallin e a prendere il suo posto. Vivo questo sogno ogni notte, e ora so che mi sta guidando, esortandomi a guidare i miei Mercykiller ad un nuovo e più grande livello di giustizia. Il sogno è quello della giustizia, come sempre. Fremo per la felicità di dispensare punizioni a chi è colpevole, molto colpevole! All'inizio il mio sogno è una gioia che rallegra l'anima del giusto, ma poi… lei entra nel sogno. La Signora stessa entra nel mio sogno, notte dopo notte.
Sto in piedi davanti ad un prigioniero morto, il suo corpo si contrae ancora spasmodicamente mentre la vita defluisce da lui. La mia felicità è breve, comunque, perché la Signora cammina fluttuando verso di me. Siamo sole, ho mandato i miei uomini avanti, e lei è senza i suoi soliti Dabus. Mi chiedo cosa farà, ma il pensiero vola via - per essere rimpiazzato dalle parole, parole reali, dentro la mia testa. La Signora mi sta parlando! A me! Mai nelle storia documentata di Sigil la Signora ha parlato a qualcuno - ma parla a me!
Non lo dirò a nessuno, naturalmente. Non posso rivelare il dilemma che la Signora mi ha messo davanti. Sempre, nel mio sogno, fluttua davanti a me e pronuncia le parole "Cosa fareste, Factol Alisohn Nilesia, se io commettessi un crimine? Cosa fareste?" Ed io la guardo. Come può, l'essere che io più riverisco, essere colpevole di un crimine? Come può testare la mia devozione in questo modo? Di certo deve sapere quanto ammiri la sua assoluta volontà di distribuire giustizia, di punire il malvagio, di scorticare la pelle degli efferati criminali e di mandarli a gridare nei Labirinti.
La guardo, ed improvvisamente comincio a sentire qualcosa si sgretola dentro di me. La risposta diventa chiara: questa è un'ammissione della sua colpevolezza. Con quella grandissima realizzazione arriva una rinfrescante, nuova consapevolezza, perché lo so, per certo - per certo! - lei deve essere colpevole. Chi potrebbe comandare la Gabbia per così tanti secoli senza commettere qualche crimine?
E poi nel sogno arriva la conferma delle mie riflessioni: il corpo della Signora si dissolve, finché tutto ciò che resta non è che il suo viso contornato di lame. Diventa lentamente più piccolo, e vedo un brillante sole rosso espandersi dietro di lei. Il disco ardente diventa più luminoso e grande, mi acceca, ma lo osservo ancora. Ed ecco che vedo un serpente alato, dalle fauci dentate completamente aperte, divorare lentamente la Signora del Dolore.
E so, senza ombra di dubbio, che il tempo della Signora è giunto. I suoi crimini contro il Multiverso hanno gravato troppo pesantemente sulla sua testa. Ella è venuta da me per aiutarmi a consegnarla alla giustizia. E' venuta da me per morire.
E non posso essere più onorata di consegnare qualcuno di così meritevole come la Signora alla Giustizia.

- Factol Alisohn Nilesia dei Mercykillers

Chiedi ad un Mercykiller perchè si è unito alla fazione che viene chiamata anche la Morte Rossa ed un babbo avrà una sola risposta: la Giustizia è tutto. E' assoluta e perfetta, ma deve essere applicata correttamente per significare qualcosa. I Mercykiller intervengono per questo, ragionando che se qualcuno (intendendo loro stessi) lo fa nel modo giusto, allora il Multiverso sarà ripulito dal male e così reso perfetto - l'obiettivo del lavoro di questa fazione.
I Mercykiller sono un po' di nuova generazione, per quanto riguarda le fazioni. Durante il Grande Sconvolgimento, quando la Signora del Dolore emanò il suo mandato selezionando il numero di fazioni, molti gruppi si sciolsero. Due gruppi, i Sons of Mercy e i Sodkillers, unirono le forze. I Sons of Mercy erano un gruppo di legali dal sangue buono che lavoravano le leggi di Sigil come se fossero impasto, trovando delle scappatoie per i criminali che erano ingiustamente accusati o che si trovavano ad affrontare punizioni stravaganti. I Sodkillers, d'altra parte, erano strettamente legali malvagi. Poco più che muscoli a pagamento, offrivano di vendicare "torti" per il giusto ammontare di grana.
Né l'una né l'altra fazione erano molto grandi, ed era improbabile che potessero sopravvivere all'editto della Signora. Così i due Factol si incontrarono segretamente e ne tirarono fuori uno statuto che univa le due fazioni, combinando elementi delle rispettive convinzioni. Lo statuto scritto circa 600 anni fa - conosciuto come gli Otto Pilastri della Giustizia - è ancora in vigore oggi, tra i Mercykiller.

Gli Otto Pilastri della Giustizia

I. Difenderò la Giustizia sopra ogni cosa, epurando il Multiverso da coloro che infrangono le leggi.

II. In ogni situazione dovrò soppesare i giusti e i disonesti con animo limpido ed imparziale.

III. Deciderò dove la Giustizia sottostarà alla legge, e la applicherò con mano ferma e intransigente.

IV. Credo nella rettitudine della mia fazione; noi soli rispondiamo alla più alta legge della Giustizia.

V. Non darò giudizi sul bene o sul male, ma solo sul rispetto e sull'infrazione delle leggi, poiché è in questo che sta il crimine.

VI. Punirò il colpevole come esige il crimine da lui commesso.

VII. Sarò diligente nel perseguire il colpevole, e facendo ciò mi manterrò libero da ogni crimine agli occhi degli altri.

VIII. Non rilascerò mai un criminale finché la sua sentenza non sarà emessa.

NORDOM:

"I am told Justice is blind. Is this why Mercykillers exist?"

VHALIOR:

"Justice is not blind. I am her eyes."

-CIT: Nordom il quadrone Modron e Vhalior, mercykiller dall'oltretomba


La fazione abbraccia questi dogmi con entusiasmo - alcuni direbbero con troppo entusiasmo. Ma la Morte Rossa si dedica completamente alla punizione di chiunque infranga la Legge. E, così facendo, forma un perfetto triumvirato con gli Harmonium e i Guvner. Le Testequadre si occupano degli arresti, i Guvner condannano i criminali, e la Morte Rossa infligge le pene. Anche i Doomguard sono bendisposti verso i Mercykiller, riconoscendo nel processo di punizione - specialmente quando si tratta di lunghi periodi di logorante incarcerazione - un aspetto dell'Entropia. Gli Indep, com’è naturale, la pensano altrimenti, ma di solito evitano semplicemente la Morte Rossa quando possibile.
La fazione ha regolari battibecchi con i membri dei Segnati, dei Sensisti e degli Anarchici, e raramente con i Fated. Alisohn Nilesia non ha nascosto ai suoi sottoposti il suo crescente rapporto con il Duca Darkwood, e di conseguenza la fazione ha cominciato a vedere di buon occhio gli Avidi.

Restrizioni di comportamento

Un Mercykiller non permetterà mai che un'infrazione passi impunita davanti ai suoi occhi, nemmeno nel caso di un reato minore. Se nessuno dovesse intervenire per sistemare la cosa per vie giudiziarie, sarà lui stesso a farsi carico del compito di portare alla Giustizia il malfattore (per i Mercykillers il concetto di "malfattore" è estremamente ampio). Nel caso egli stesso infrangesse una legge di qualche genere, non nasconderà la cosa nè cercherà di attenuare la pena prevista, ma si sottoporrà con gioia alla punizione che merita. L'unica eccezione a questa norma riguarda i Justicar sulle tracce di qualche pericoloso criminale da condurre alla Giustizia. In quel caso il Mercykiller si riterrà al di sopra di ogni legge finchè non catturerà il suo bersaglio: dopodichè, di sua iniziativa, sconterà le pene per i reati che potrebbe aver commesso durante la sua caccia.

Vedi anche:

Gallery

"Che fa, concilia?" (dal forum UO, "Rapporti di Cattura di Xanster Trannyth, Mercykillers") - by Nuvola

"Glarr", mezzorco dei mercykillers - by Magiy (Kalin Kadiev)

"Githyanki Mercykiller Zak'kon", Justicar con armatura astrale "anti-age" - by clone-artist (Filip)

"Red Abishai", insieme con mercykiller e harmonium, da Planescape: Torment - by Denis48

"Son of Mercy" e strega notturna - by Howard Lyon

Fazione dei Mercykillers

"Executioner Chop", Sodkiller draconiano dei Mercykillers - by clone-artist (Filip)

Guardia dei "Son of Mercy", la fazione nata dai mercykillers dopo la Guerra delle Fazioni - by Ben Wootten

Vhalior, Mercykiller anche dopo la morte, wallpaper

Guardia Mercykillers, rendering

"Equipment Disintegration", poco piacevole per questo mercykiller - by Paul Jaquays

Guardia Mercykiller - by Tony Diterlizzi


Bibliografia
1. Contributi di approfondimento da parte dello staff di Ultima Online Planescape
2. David Cook, Advanced Dungeons & Dragons 2nd ed. - Planescape Campaign Setting a player's guide to the planes, TSR, 1994-04, (cod. 2600)
3. Dori J. Hein, Tim Beach e J.M. Salsbury, Advanced Dungeons & Dragons 2nd ed. Planescape – The Factol’s Manifesto, TSR, 1995-06 (cod. 2611)
4. Monte Cook, Advanced Dungeons & Dragons 2nd ed. Planescape – The Planewalker’s Handbook, TSR, 1996-08 (cod. 2620)

(IMPORTANTE! POLICY: Gran parte del testo è liberamente tratto e in parte adattato dalle fonti citate e comunque dalle pubblicazioni Dungeons & Dragons della TSR e della Wizards of the Coast, nonchè dalle traduzioni ufficiali della 25 Edition, oltre ad altre fonti come le pubblicazioni della PAIZO Publishing per Pathfinder, che mantengono i diritti, intellettuali e non, sull'ambientazione e i suoi elementi. Allo stesso modo tutte le immagini sono coperte da copyright e vengono presentate senza alcuno scopo di lucro, corredate di autore e proprietario, e pertanto non sono riproducibili o utilizzabili in nessun ambito commerciale.)

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License