Cos'è Il Multiverso

Cos'è Il Multiverso

Studio dei Piani - by Tony Diterlizzi

Innanzitutto, per poter spiegare il mondo di gioco di Planescape, è importante sapere che cos'è un piano. Parlando di filosofia, un piano è un mondo (o una serie di mondi) che opera secondo leggi ad esso specifiche, incluse quelle riguardanti la magia, la gravità, e perfino le morali del luogo. Su alcuni di questi piani, le leggi di "su" e "giù" non sono le stesse; su altri, la magia di evocazione produce effetti inaspettati; e altrove, comportarsi in maniera anche leggermente fuori dai canoni delle Potenze del luogo assicura risultati non voluti.
L’insieme di tutti i Piani di Esistenza forma il Multiverso.

Il Multiverso semplicemente è tutto ciò che ci circonda. I più si riferiscono al Multiverso chiamandolo la Grande Ruota.

L'ordine Cosmologico

  • L’insieme dei mondi e degli universi conosciuti come Primario Materiale, unitamente al Piano delle Ombre, sarebbe il centro ipotetico del creato. Ad avvolgere il Primario come una sfera si troverebbe l’anello dei Piani Interni, dai quali proviene la materia che compone l’esistenza stessa del Primario. A loro volta i Piani Interni e lo stesso Primario sarebbero avviluppati dal “bozzolo” del Piano Etereo, che permette di viaggiare tra di essi. Il grande anello dei Piani Esterni, origine delle idee e degli allineamenti e dimora delle Potenze, cioè le divinità, si estenderebbe poi intorno ai Piani Interni, mentre l’intera Grande Ruota rimarrebbe immersa nell’onnipresente vuoto argenteo del Piano Astrale; collettivamente, i Piani Esterni, gli Interni e il Primario sono noti come Piani Cardinali. Oltre a ciò, alcuni teorizzano l'esistenza del leggendario Piano Ordiale - che collegherebbe i Piani Interni e i Piani Esterni - e quella dei misteriosi Pseudo Piani. Esterno rispetto a tutto questo e al di là del tempo e dello spazio, vi sarebbe, infine, l'alieno Reame Remoto.
  • Parecchi però tra gli accademici e i vegliardi sono in disaccordo con questa visione delle cose. Innanzitutto, qualsiasi planare che non sia uno stordito sa che, dal punto di vista pratico, l’Etereo e i Piani Interni sono sempre risultati fuori contatto dall’Astrale e dai Piani Esterni. Un mago che cerchi di evocare un elementale su Bytopia o di proiettarsi sul Piano Astrale dal Piano Elementale dell’Aria senza conoscere il buio dei piani potrebbe avere delle brutte sorprese. In molti quindi preferiscono immaginare il Primario Materiale come un nodo d’esistenza, che fa da tramite tra la materia e lo spirito. Il Piano Etereo si estende dai Piani Interni fino a sovrapporsi al Primario, mentre il Piano Astrale che contiene i Piani Esterni arriva a lambire e circondare lo stesso Primario, che rimane così l’unico punto di contatto tra Etereo ed Astrale.
  • Per altri ancora (planari, per lo più) il Primario Materiale è solo una proiezione, una sorta di copia o pallido riflesso dei Piani Esterni, troppo vicino alla materia grezza degli elementi per riuscire ad imitare lo splendore dei Piani.
  • Esistono diverse altre interpretazioni del Multiverso, che magari vedono il mondo di Oerth al centro di tutto, al di sopra di esso i cieli astrali, dove i mondi superni e infernali ordinati e legali sono un’unica cosa, mentre al di sotto si estende il caos elementale tutt’uno con i demoniaci piani inferiori, e magari il piano delle ombre e quello fatato sono appartati e in contatto con il materiale..
Per approfondire la questione si veda

Il buio di tutta la storia è molto semplice: le cose stanno così, e basta. Si può discutere, litigare e squaccare la scassagrana, di certo il multiverso non cambierà per chi afferma di avere ragione, e le Potenze pare non abbiano nessuna voglia di spiegare a noialtri come girano i piani (ammesso che i pezzi grossi sappiano DAVVERO come stanno le cose). Quel che conta è sapere come muoversi per la Grande Ruota, perché anche un tagliaccio può finire alla svelta nel registro se non sa dove si trova e dove sta andando.

Vedi anche:

Rappresentazioni Cosmologiche

Ecco alcune delle rappresentazioni cosmologiche del creato, proposte nel corso dei secoli da studiosi e sognatori:

Il primo schema ufficiale di Gary Gygax sulla struttura del Multiverso

Schema del Multiverso in aD&D prima edizione

Il Multiverso in aD&D prima edizione

Il Multiverso in 2a edizione

La Grande Ruota in D&D terza edizione

Cosmologia "semplificata" per D&D in 4a edizione

Il mondo di D&D in 4a edizione secondo Jared Von Hindman


Bibliografia
2. Baker, Rogers, Schwalb e Wyatt, Dungeons & Dragons 4th ed. – Manual of the Planes, TSR e 25 Edition, 2008-12
3. Bruce R. Cordell, David Noonan, Jeff Grubb, Dungeons & Dragons - Manuale dei Piani, Wizards of the Coast e 25 edition, 2001-09
4. Monte Cook, Advanced Dungeons & Dragons 2nd ed. Planescape – The Planewalker’s Handbook, TSR, 1996-08, (cod. 2620)
5. David Cook, Advanced Dungeons & Dragons 2nd ed. - Planescape Campaign Setting a dm guide to the planes, TSR, 1994-04, (cod. 2600)
6. David Cook, Advanced Dungeons & Dragons 2nd ed. - Planescape Campaign Setting a player's guide to the planes, TSR, 1994-04, (cod. 2600)
7. Gary Thomas, Advanced Dungeons & Dragons - Tales of the Outer Planes (OP1), TSR, 1988-04, (cod. 9225)
8. Jeff Grubb, Advanced Dungeons & Dragons - Manual Of The Planes, TSR, 1987-06, (cod. 2022)
9. James M. Ward e Robert J. Kuntz, Advanced Dungeons & Dragons - Deities & Demigods, TSR, 1980-12, (cod. 2013)
10. Gary Gygax, Advanced Dungeons & Dragons - Player's Handbook, TSR, 1978-06, (cod. 2010)
11. Gary Gygax, Planes in Dragon Magazine #8, TSR, 1977-07

(IMPORTANTE! POLICY: Gran parte del testo è liberamente tratto e in parte adattato dalle fonti citate e comunque dalle pubblicazioni Dungeons & Dragons della TSR e della Wizards of the Coast, nonchè dalle traduzioni ufficiali della 25 Edition, oltre ad altre fonti come le pubblicazioni della PAIZO Publishing per Pathfinder, che mantengono i diritti, intellettuali e non, sull'ambientazione e i suoi elementi. Allo stesso modo tutte le immagini sono coperte da copyright e vengono presentate senza alcuno scopo di lucro, corredate di autore e proprietario, e pertanto non sono riproducibili o utilizzabili in nessun ambito commerciale.)

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License