Strato di Muspelheim

Strato di Muspelheim


Chiamato anche Muspell o Muspellheim, la Terra del Fuoco, in molti aspetti è l’opposto del primo strato. I fiumi di roccia di Muspelheim appaiono invertiti; la parte arroventata dei continenti è rivolta verso l’alto, rendendoli decisamente inospitali. Un tempo infatti si pensava che Muspelheim facesse parte del Piano del Fuoco. Anche la filosofia dei giganti del fuoco che vi abitano è in qualche modo in opposizione con la maggior parte degli altri ysgardiani; Muspelheim è una terra inadatta a uomini o bestie, con abitanti ostili e scontrosi e birra calda e sciatta. Gli altri abitanti di Ysgard lasciano volentieri questo mondo di fiamma ai giganti del fuoco, che insieme ai loro segugi infernali, alle Progenie d'Azer e a poche altre creature sono i soli abitanti dello strato. A parte l’ossidiana di ottima qualità Muspelheim ha davvero poco da offrire.

Caratteristiche di Muspelheim

  • Le affilate rocce vulcaniche che compongono quasi tutto il terreno, possono tagliare facilmente stivali e calzature. C’è di buono che le ferite ai piedi vengono subito cauterizzate dal terreno arroventato…
  • Anche se l’aria è respirabile al contrario del Piano del Fuoco, su Muspelheim le fiamme sono comunque letali. In genere si può capire il calore e quindi la pericolosità di una fiammata da suo colore. Le fiamme nere sono le meno intense, e si sale via via con quelle rosse, gialle e arancio, con le fiamme blu e violette, le rare fiamme verdi, in grado di indurire in pochi minuti cuoio e pelle, e le più pericolose, le accecanti fiamme bianche.
  • Su Muspelheim le ferite inflitte con il metallo si cauterizzano subito, mentre utilizzare incantesimi che creano acqua o altri liquidi provoca in genere una potente e assordante esplosione di vapore compresso, quindi meglio fare attenzione.

Su Muspelheim la principale e più conosciuta regione è quella omonima:

Regno di Muspelheim

Muspelheim si sviluppa lungo i picchi delle montagne arroventate che formano la grande catena montuosa detta Spina Dorsale del Serpente, nella parte più alta del continente. Qui vive la maggior parte dei giganti, e spesso il dio Surtr giunge in visita dal primo strato a Muspelheim. La sorveglianza lungo tutto il regno è strettissima, e ovunque sorgono avamposti e torri di guardia a presidio di ogni passo, gola o sentiero.

Passaggi da Muspelheim

in generale il regno è in buoni rapporti con le Potenze del Piano del Fuoco, e diversi condotti stabili collegano Muspelheim con il piano elementale. Uno conduce al Santuario del Martello Fumante di Surtr, nella Città di Ottone, mentre un altro porta a Suhkteh Albarrana, la Fortezza Bruciata, un avamposto di frontiera degli efreet dove spesso i giganti del fuoco servono come mercenari.

Luoghi d’interesse

  • La Guglia di Surtr è come un lungo ago di nera roccia che si innalza forse più grazie alla magia che non all’abilità architettonica dei giganti. Le attendenti della torre sono vergini gigantesse che arrivano anche dagli altri piani. Spesso la guglia viene presa d’assalto dai giganti per rapire le vergini, tanto che spesso la torre è chiamata la Guglia Matrimoniale. I giganti tendono ad assoldare tagliacci e spaccaossa come supporto per queste scorribande, ma in genere i mercenari fanno una brutta fine senza poter vedere le ricchezze promesse.
  • Njarlok è forse l’unico insediamento che si possa chiamare città; è rinomata per le sue acquamarine vulcaniche, pietre preziose uniche nei piani, e per la fabbricazione di aratri di pietra, particolarmente apprezzati a jotunheim. Tuttavia, il più delle volte gli abitanti di Njarlok preferiscono fare razzie negli altri strati piuttosto che passare per il tedioso percorso del fabbricare, commerciare e poi andare ad acquistare ciò che vogliono.
  • Le Forge di Surtr sono le più grandi e rumorose di tutta Muspelheim. La loro estensione è impressionante; crogioli grandi come caseggiati, incudini larghe come carri, intere foreste ridotte a carbone e una quantità impressionante di schiavi provenienti da tutti i piani a lavorare il ferro. La forgia rifornisce tutte le razze dei giganti, rispondendo ad una domanda di armamenti impensabile, in attesa del Ragnarok.
  • Appena sotto il punto più alto della regione si trova la valle del Velo Dorato, una delle poche zone fertili del regno, che i contadini giganti coltivano con strane piantagioni locali.
  • L’unico liquido che si può trovare su Muspelheim è l’”acqua” del lago di piombo, un corpo di metallo fuso che i giganti usano per affogare i loro criminali.

Bibliografia
1. Lester Smith e Wolfgang Baur, Advanced Dungeons & Dragons 2nd ed. Planescape – Planes of Chaos: The Book of Chaos, TSR, 1994-07 (cod. 2603)
2. Bruce R. Cordell, David Noonan, Jeff Grubb, Dungeons & Dragons - Manuale dei Piani, Wizards of the Coast e 25 edition, 2005

(IMPORTANTE! POLICY: Gran parte del testo è liberamente tratto e in parte adattato dalle fonti citate e comunque dalle pubblicazioni Dungeons & Dragons della TSR e della Wizards of the Coast, nonchè dalle traduzioni ufficiali della 25 Edition, oltre ad altre fonti come le pubblicazioni della PAIZO Publishing per Pathfinder, che mantengono i diritti, intellettuali e non, sull'ambientazione e i suoi elementi. Allo stesso modo tutte le immagini sono coperte da copyright e vengono presentate senza alcuno scopo di lucro, corredate di autore e proprietario, e pertanto non sono riproducibili o utilizzabili in nessun ambito commerciale.)

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License