Nani A Ravenloft

Nani A Ravenloft

Generalità

La razza dei nani è forse la più rara tra tutti i semiumani di Ravenloft. Una delle maggiori concentrazioni di nani sul Semipiano del Terrore è la città di Tempe Falls, a Necropolis. Esistono altre comunità isolate, specialmente nelle regioni montuose del Nucleo, ma nessuna supera il centinaio di individui.

Caratteristiche

I nani sono bassi e tarchiati. In media, i maschi sono alti da 1,20 a 1,35 cm e pesano tra 60 e 80 Kg. Le femmine sono di regola più leggere e basse.
I nani vivono molto a lungo, raggiungendo a volte i tre secoli e mezzo.
I nani maschi portano lunghe barbe intrecciate, benché spesso diventino calvi relativamente presto. Le femmine si legano i capelli in lunghe code e spesso si allacciano dei nastri all’acconciatura. Entrambi i sessi nascono con i capelli castani o neri, che diventano argentati, grigi o bianchi prima della maturità.
I nani sono persone dai tratti scuri. La pelle va dal marrone rugginoso o abbronzato all’olivastro, gli occhi sono quasi esclusivamente marrone scuro o perfino neri. i loro vestiti rispecchiano l’aspetto, e tendono a colori tenui che riproducono le tonalità della terra.
I nani avventurieri preferiscono le armi col manico, come asce, martelli da guerra e picconi. Indossano quasi sempre l’armatura più pesante che hanno a disposizione e poiché le loro armi, in genere, richiedono l’uso di entrambe le mani, spesso rinunciano agli scudi. Come armi a distanza, i nani preferiscono la balestra o la pistola (la prima in quanto arma tradizionale del loro popolo, la seconda perché è molto rumorosa e ha un effetto demoralizzante sul nemico).

Personalità

Come tutti i nani, quelli nativi del Semipiano del Terrore sono severi e bruschi. Qualcuno dice che questa razza sia quella che ha subito i minori cambiamenti durante la permanenza nelle Nebbie. Dopotutto, i nani vivono sottoterra e si isolano dagli orrori della superficie. Altri, comunque, ritengono che nessun popolo conosca le mostruosità del Semipiano meglio di loro; se le storie a proposito di antiche mostruosità che giacciono sepolte nelle profondità della terra sono vere, allora questa opinione potrebbe risultare corretta.
I nani di Ravenloft, truci e silenziosi, non sanno cosa farsene delle chiacchiere inutili e parlano solo quando la situazione lo rende necessario. Non raccontano barzellette, cantano solo canzoni funeree e disapprovano le festività. È facile capire perché molte persone considerino i nani una razza testarda. Lavorano duramente e non possono soffrire la pigrizia. Per alcuni, una razza così cupa non poteva che adattarsi perfettamente all’oscuro Semipiano del Terrore.
I nani sono una razza avida, amante dell’oro e degli altri metalli preziosi. Le loro miniere vengono sempre tenute con efficienza e rendono molto bene. Amano bere liquori forti, anche se ciò li rende spesso attaccabrighe, generando liti e risse.
È difficile immaginare un amico più fedele o un nemico più tenace di un nano. Chiunque sia abbastanza fortunato da diventare amico di uno di questi orgogliosi semiumani troverà un alleato che lo affiancherà anche nelle situazioni più pericolose. Allo stesso modo, però, è meglio non farlo arrabbiare. Le contese dei nani spesso durano decenni o perfino secoli, con gli eredi che spesso cercano vendetta anche molto tempo dopo la morte dei primi antagonisti.
I nani di Ravenloft hanno molte cose in comune con le culture vichinghe di alcuni mondi umani. Per questo, di solito venerano le divinità del pantheon nordico. Nomi norvegesi e scandinavi come Gunila, Pallia e Thorvid sono perfetti per dei personaggi nani. Inoltre, ogni nano ha un qualche tipo di appellativo. Alcuni tra i più diffusi sono “Il Coraggioso” o “Spezza nemici”. Un nano cambia questi titoli molte volte nel corso della sua vita, cercando sempre di riflettere le sue più grandi gesta.

Vedi anche



(IMPORTANTE! POLICY: Gran parte del testo è liberamente tratto e in parte adattato dalle fonti citate e comunque dalle pubblicazioni Dungeons & Dragons della TSR e della Wizards of the Coast, nonchè dalle traduzioni ufficiali della 25 Edition, oltre ad altre fonti come le pubblicazioni della PAIZO Publishing per Pathfinder, che mantengono i diritti, intellettuali e non, sull'ambientazione e i suoi elementi. Allo stesso modo tutte le immagini sono coperte da copyright e vengono presentate senza alcuno scopo di lucro, corredate di autore e proprietario, e pertanto non sono riproducibili o utilizzabili in nessun ambito commerciale.)

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License