Non-Morti (Undead)

Non-Morti (Undead)

Introduzione

I non-morti attendono - by Vickie666

I non-morti sono probabilmente uno dei maggiori pericoli del multiverso. Freddi, glaciali ed implacabili, posseggono un'aura di mistero ed empietà che sgomenta i deboli di cuore, crea odio nei puri e affascina taluni malvagi. [1]

Di seguito viene presentata tutta la verità sui non-morti: le loro origini, abitudini, fisiologia e modo di pesare. Si cerca, inoltre, di accertare la natura della non-morte, presentando diverse teorie circa le energie che alimentano la non-vita. [1]

Le fonti

Per investigare alle origini della vita è necessario partire dalla morte. Familiarizzai con l'anatomia, ma questo non era ancora sufficiente; era infatti necessario che io osservassi con la massima attenzione la corruzione e il naturale disfacimento del corpo umano. Nell'educarmi, mio padre si era adoperato con il massimo impegno perché la mia mente non si lasciasse turbare dai terrori soprannaturali. Non ricordo di avere mai tremato a un racconto dell'orrore, né di avere mai temuto l'apparizione di uno spirito. Il buio non aveva alcun effetto sulla mia immaginazione, e un cimitero era per me un posto come un altro, destinato ad accogliere corpi privi di vita, un tempo sede di forza e bellezza e ora soltanto cibo per vermi. Era proprio quello il disfacimento che avevo bisogno di studiare nelle sue cause e nella sua evoluzione. Fui dunque costretto a trascorrere giorni e notti fra tombe e ossari. Lì, puntai la mia attenzione su quanto c'è di più insopportabile per la delicatezza dei sentimenti umani: vidi la bella forma dell'uomo corrompersi e degradarsi, osservai la putrefazione della morte succedere al fiorire della vita, e il verme prendere possesso delle meraviglie dell'occhio e del cervello. Il passaggio dalla vita alla morte, e dalla morte alla vita, svelò ai miei occhi fin nelle più piccole sfumature il rapporto di causa ed effetto. Finché, in mezzo a tanta oscurità, brillò in me una luce improvvisa: una luce tanto straordinaria e splendente, e tuttavia così semplice, che provai un senso di vertigine di fronte all'immensità delle prospettive che essa illuminava, rimanendo nello stesso tempo sorpreso di come, fra tanti uomini di genio che avevano diretto le loro ricerche in questo campo, a me, e a me soltanto, fosse stato dato di scoprire un segreto tanto sbalorditivo.1

Liber Mortis: "il Libro della Morte"

Le informazioni raccolte qui sono tratte dal volume intitolato Liber Mortis. Questo libro prende il nome da una serie di tomi scritti in un dialetto del Celestiale da un aasimar chierico di Pelor di nome Acrinus; egli raccolse queste informazioni da diverse altre fonti nel corso di alcuni decenni. Il titolo dell'opera di Acrinus può essere rozzamente tradotto con "Libro della Morte"; alcuni saggi sostengono che il nome attuale sia un'alterazione del titolo originale dato da Acrinus, ma questa teoria rimane inverificabile. L'autore, infatti, è morto da molto tempo ed il dialetto da lui utilizzato per redigere il Liber Mortis non è più utilizzato da alcuna creatura vivente. [1]

Maie Firvain: "Oltre la Morte"

Il tomo elfico Maie Firvain ("Oltre la Morte") fu uno dei primi trattati sulla condizione della non-morte. Alcuni saggi trovano quest'opera troppo distaccata e clinica per essere di qualche utilità, mentre altri studiosi affermano di aver tratto comunque profitto dal suo studio. [1]

Tsabal Gulstrae: "Tessitori del Vuoto Buio"

Per non essere superati dai loro odiati cugini, anche i drow studiarono questo argomento. Il loro contributo più apprezzato, Tsabal Gulstrae ("Tessitori del Vuoto Buio"), affrontò nuovi argomenti di sapienza necromantica. Il libro è una lettura fondamentale nella maggior parte delle accademie di stregoneria drow e se ne trovano delle copie anche nelle librerie di molti chierici degli elfi scuri. [1]

Thrakharaktor: "il Libro delle Anime Nere e Inquiete"

Come appropriato alla loro natura, gli studiosi nanici assunsero un approccio diretto allo studio della non-morte. Thrakharaktor ("il Libro delle Anime Nere e Inquiete") forniva molte tattiche per affrontare queste creature, e le sue lezioni sono state tramandate per generazioni tra le razze di pietra. [1]

Necronomicon: "il Libro dei Morti"

Il più noto approccio degli umani è, naturalmente, il "Libro dei Morti" (conosciuto anche come Necronomicon). Sebbene questa opera sia probabilmente la fonte più conosciuta di materiale sui non-morti, la sua veridicità è spesso messa in dubbio da chi ha studiato a fondo l'argomento. Alcuni sostengono addirittura che il libro sia un'ardita opera di disinformazione, prodotta da un necromante o da un lich che intendeva così danneggiare i suoi nemici. [1]

Origini dei non-morti

Fisiologia, sensi e propagazione dei non-morti

Psicologia e punto di vista dei non-morti

Società dei non-morti

Religione dei non-morti

Combattere i non-morti

I non-morti e i Piani

Località strettamente legate ai non-morti

Fazioni e sette legate o avverse ai non-morti

Fra le quindici fazioni di Sigil e le innumerevoli sette del Grande Anello, non mancano quelle che si interessano ai non-morti ed ai loro metodi o che li avversano a causa della propria filosofia.

La fazione dei Cinerei (The Dustmen)

Chiunque conosca anche solo vagamente la filosofia dei Cinerei non può fare a meno di associarla alla morte ed ai non-morti. I membri di questa fazione, infatti, ritengono che quella che ciascuno vive nel multiverso non sia vera Vita ma solo una scialba illusione piena di sofferenza. Tutte le creature dei piani sono accomunate dal fatto di essere irretite in questo miraggio; ciononostante, vi sono creature che sono più vicine alla liberazione di altre. Quelle più prossime a questo obiettivo sono proprio i non-morti.

La fazione dei Credenti della Fonte (The Believers of the Source)

Come i Cinerei, anche i Credenti della Fonte ritengono proprio compito ascendere verso uno stato ideale. Per loro, tuttavia, il multiverso non è soltanto una gabbia di dolore e sofferenza da abbandonare. Al contrario, credono che, se un tagliaccio saprà sfruttare le prove che la propria esistenza gli presenta, potrà ascendere verso uno stadio superiore, reincarnandosi in un corpo corrispondente al suo progresso spirituale. In quest'ottica, i non-morti senza mente non hanno rilevanza, poiché sono poco più che costrutti animati da energia negativa. I non-morti intelligenti, invece, potrebbero essere visti come "meno capaci" di ascendere rispetto ai viventi poiché la loro esistenza senza fine non può permettere loro di reincarnarsi spontaneamente in nuovi corpi. Non bisogna dimenticare, tuttavia, che anche i non-morti agiscono ed esistono e dunque anche su di essi — secondo i Divini — ha effetto la stessa legge di retribuzione che vale per chiunque altro: semplicemente, gli effetti delle azioni di un non-morto dovrebbero manifestarsi nel corso della stessa esistenza in cui sono state compiute (a meno che, ovviamente, il non-morto in questione non venga distrutto). A conferma di ciò, un ulteriore elemento che permette l'inclusione dei non-morti nella filosofia dei Credenti è il fatto che molti non-viventi, con il tempo, possono potenziarsi spontaneamente, esattamente come fanno gli esseri viventi che si reincarnano con successo.

La setta dei Prolungatori (The Prolongers)

L'obiettivo dell'informale setta dei Prolungatori è semplice: estendere indefinitamente la propria vita attuale assorbendo energia vitale dagli altri; in questo modo, sarebbe virtualmente possibile raggiungere l'immortalità. Se i Cinerei guardano ai non-morti come ad un modello e i Divini possono ricomprenderli nella propria visione del mondo, i Prolungatori desiderano evitare a tutti i costi di diventare non-morti. Eppure, quasi per un'ironia della sorte, i membri di questa setta sono per certi versi molto simili alle creature non-viventi: come vampiri, infatti, anch'essi vivono parassitando la forza altrui.

Creature leggendarie e personalità non-morte

Oltre alle varie divinità non-morte, vi sono altri potenti creature, nel multiverso, che possono vantare stretti legami con questa forma di esistenza. Alcune di esse sono ben note a chiunque non sia uno stordito, mentre altre sono conosciute soltanto da saggi vegliardi.

La provenienza e la natura di questi individui è davvero la più varia.
Il più famoso di loro è probabilmente l'enigmatico Skall, il factol dei Cinerei, la più antica fazione di Sigil [2]. Appartiene ai Morti anche Zhiki D'Vorkk, uno wight che sembra essere la prova (non-)vivente della filosofia della fazione [4].
Nella lista che segue, inoltre, sono compresi un Signore dei Demoni — il famigerato Orcus [7] — e ben tre Signori di Ravenloft, il Semipiano del Terrore: si tratta, rispettivamente, di Azalin Rex, Lord Soth e Strahd von Zarovich [8].
I membri più esotici della lista sono quasi certamente le due VestigiaAcererak e Tenebrous [3] — mentre merita un posto di assoluto rilievo l'Antico Male noto come Atropus: secondo la cantata, si tratterebbe del non-morto originario, nato insieme al multiverso stesso [9].

Acererak, il Divoratore

Atropus, il Mondo Nato Morto

Azalin Rex

Lord Soth

Skall, Factol dei Cinerei

Strahd von Zarovich

Szass Tam

Tenebrous, l'Ombra che Era

Zhiki D'Vorkk

Specie non-morte e creature correlate

Tiefling, "spade" di Kyuss e scheletri di drago rosso - by Steve Prescott

Specie e tipologie di non-morti

Creature legate ai non-morti

Atropal

Dampiro (Dhampir)

Divoratore di carcasse (Carcass eater)

Golem di terra di cimitero (Grave dirt golem)

Golem di pietra tombale (Tombstone golem)

Larva crudele (Dire maggot)

Memelith

Senzamorte (Deathless)

Spaventapasseri (Scarecrow)

Toccato dalla morte (Deathtouched)


Bibliografia
1. Andy Collins, Bruce R. Cordell, Liber Mortis - Il libro dei Non-Morti, Wizards of The Coast & Hasbro, Ottobre 2004. Cfr. anche la pagina Non-Morti su it.ldf.wikia.com - vedi la pagina.
2. Dori J. Hein, Tim Beach e J.M. Salsbury, Advanced Dungeons & Dragons 2nd ed. Planescape – The Factol’s Manifesto, TSR, 1995-06 (cod. 2611).
3. Matthew Sernett, Ari Marmell, David Noonan, Robert J. Schwalb, Dungeons & Dragons 3.5 – Tome of Magic, Wizards of the Coast & Hasbro, 2006.
4. The Dustmen: Zhiki D'Vorkk su mimir.net - vedi la pagina.
5. The Prolongers su mimir.net - vedi la pagina.
6. Szass Tam su forgottenrealms.wikia.com - vedi la pagina. Cfr. anche Szass Tam su it.ldf.wikia.com - vedi la pagina.
7. James Jacobs, Erik Mona, Ed Stark, Codex Immondo I: Hordes of the Abyss, Wizards of The Coast e Hasbro, 2006-06. Cfr. anche Monte Cook, Libro delle Fosche Tenebre, Wizards of The Coast & Hasbro, Ottobre 2002.
8. Ryan Naylor, Children of the Night: the Lords of Ravenloft, Fanmade, 25 Aprile 2014.
9. Robert J. Schwalb, Elder Evils, Wizards of The Coast & Hasbro, Dicembre 2007.
10. James Jacobs, Secrets of Skinsribes in Dragon Magazine #300, Wizard of the Coasts, Ottobre 2002 pp. 52-57.
11. Sean K. Reynolds, Samuel D. Weiss Core Beliefs - Vecna in Dragon Magazine #348, Paizo Publishing, Ottobre 2006 pp. 18-33.
12. Ross Byers, The Black Art of Undead Creation in Kobold Quarterly #7, Open Design LLC, Autunno 2008 pp. 32-38.
13. Beth Bostic, Bernard E. Cana, Jackie Cassada, Andrew Cermak, Leonard Dessert, Robert Farnsworth, Christopher S. Gurney, Carla Hollar, Jeffrey Kahrs, Brett King, Rucht Lilavivat, Jhon W. Mangrum, Joe Masdon, stewart MacWilliam, Tadd McDivitt, Nicky Rea, John Richardson, C. Bryan Strickland, Andrew Wyatt, Fred Yelk, Ravenloft: Denizens of Darkness, Sword & Sorcery, Wizards of the Coast e Hasbro, 2002. ISBN 1-58846-077-0. [Dhampir]

(IMPORTANTE! POLICY: Gran parte del testo è liberamente tratto e in parte adattato dalle fonti citate e comunque dalle pubblicazioni Dungeons & Dragons della TSR e della Wizards of the Coast, nonchè dalle traduzioni ufficiali della 25 Edition, oltre ad altre fonti come le pubblicazioni della PAIZO Publishing per Pathfinder, che mantengono i diritti, intellettuali e non, sull'ambientazione e i suoi elementi. Allo stesso modo tutte le immagini sono coperte da copyright e vengono presentate senza alcuno scopo di lucro, corredate di autore e proprietario, e pertanto non sono riproducibili o utilizzabili in nessun ambito commerciale.)

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License