Oinos

Oinos

Descrizione

"Gray Waste - Oinos", cartolina dei Piani Esterni - by ronamis (Michael Malkin)

La prima apatia dell'Ade è una terra di alberi contorti, di immondi famelici e di epidemie implacabili. Ma, soprattutto, è un piano devastato dalla guerra. Questo è il campo di battaglia centrale della Guerra Sanguinosa. Immondi, guerrieri-schiavi, bestie addestrate e mercenari a pagamento scendono quaggiù per ingaggiare battaglie tanto epiche quanto orribili. Questi scontri devastano il terreno già desolato; i suoni di artigli che smembrano, di armi che si scontrano e di urla laceranti echeggiano per tutto lo strato.

Luoghi notevoli

Khin-Oin, la Torre Desolata

Khin-Oin, la Torre Desolata - by Jared Blando

Khin-Oin, una torre alta trentadue chilometri, in apparenza sembra soltanto una spina dorsale eretta. Alcuni dicono che si tratti esattamente di questo: la colonna vertebrale di una divinità uccisa dagli yugoloth. Khin-Oin affonda nel suolo grigio di Oinos tanto quanto si innalza nel cielo, quindi i livelli sotterranei della torre scendono per almeno trentadue chilometri.

La Torre Desolata è governata da un principe ultraloth chiamato Mydianchlarus. In realtà, stando a quanto narrano alcune storie, l'intera razza degli yugoloth sarebbe nata quaggiù, emergendo da una fossa in fondo a Khin-Oin. Nessuno tranne gli yugoloth è mai riuscito a mantenere il controllo della torre, nonostante il costante spiegamento di armate immonde all'esterno.

Le sale e i piani della torre sembrano non avere mai fine. Cilindri di generazione, laboratori magici e camere di meditazione sono frequenti quaggiù, come anche planetarium, file di stanze per gli yugoloth e saloni che servono sia da zone di addestramento che da campi di battaglia. Mydianchlarus governa dalla cima della torre e il simbolo del suo dominio è il Seggio Malizioso.

Chiunque governi la torre desolata viene spesso indicato con la qualifica di Oinoloth. Qualsiasi creatura che riesca ad invadere la Torre Desolata e a raggiungere la camera più alta ha l'opportunità di reclamare questo titolo per sé. Per reclamare il titolo è necessario sconfiggere l'attuale sovrano, colui che siede sul Seggio Malizioso.

Il Seggio Malizioso e i suoi poteri

Descrizione del trono

Si tratta di un Artefatto Maggiore dotato di grande potere; è un trono mastodontico, immobile, scolpito nella pietra della Torre Desolata stessa e decorato con sculture in argento, rame e ottone. Una corona circolare di rubini adorna la cima del seggio, che è grande a sufficienza da ospitare una creatura Enorme (molte creature di taglia Media sembrerebbero ridicole, sedute sul Seggio con le gambe che pendono a vari metri dal pavimento).

Poteri del trono

Per poter utilizzare il Seggio Malizioso, un personaggio che siede sul trono deve aver sconfitto l'oinoloth precedente. Se quest'ultimo è ancora in vita, colui o colei che si siede sul trono subisce un risucchio di 3d6+6 punti permanenti di Carisma, come conseguenza dell'aver contratto una forma particolarmente violenta dell'infezione chiamata desolazione grigia. Coloro che sono immuni alla malattia non subiscono il danno, ma il Seggio Malizioso appare loro privo di potere.

Se chi si siede sul trono ha sconfitto l'oinoloth precedente, allora i poteri del Seggio Malizioso gli appartengono. Ma il trono cambia per sempre coloro che vi si siedono: esso infligge un risucchio permanente di 1d4 punti di Carisma, avvizzendo in maniera grottesca la pelle di chi si siede con diritto sul trono. Questa decadenza è il segno dell'oinoloth, e non può essere guarita magicamente senza abbandonare il titolo.

Ma, assieme alla decadenza, l'oinoloth acquisisce anche il controllo assoluto dei morbi sullo strato di Oinos. Il nuovo oinoloth —che si tratti di uno yugoloth o meno — è in grado di comandare le malattie su Oinos, creandole, modificandole o annullandole come preferisce. Le malattie nuove o modificate potrebbero anche espandersi oltre lo strato di Oinos, ma l'oinoloth possiede questo potere solo finchè si trova nell'Ade, che sia o meno seduto sul Seggio Malizioso.

Creare o modificare una malattia

L'oinoloth può concepire o modificare una malattia a volontà come azione gratuita (anche se soltanto inventare il nome giusto è uno sforzo di Intelligenza che potrebbe richiedere più tempo). I parametri importanti per creare o modificare una malattia sono infezione, CD, incubazione e danni1.

In genere, le malattie nuove o modificate devono essere dotate di un tipo standard di infezione, avere una CD non superiore a 20, avere un periodo di incubazione non inferiore a 1 giorno e infliggere un danno non superiore a 1d8 danni temporanei a qualsiasi punteggio di caratteristica tranne a Costituzione (1d6 se la malattia infligge un risucchio permanente delle caratteristiche). Gli effetti secondari di una nuova malattia vengono definiti dall'oinoloth. Alcuni effetti secondari possono includere sordità, cecità, mutismo e altre privazioni sensoriali (una per malattia), se un secondo tiro salvezza viene fallito contro la CD iniziale della malattia.

Infettare

Una volta che una malattia viene creata o modificata, l'oinoloth può diffonderla. Egli o ella può infettare un bersaglio vivente nel raggio di 90 metri come azione standard, e il bersaglio non ha diritto ad alcun tiro salvezza per evitare l'infezione.


Bibliografia
1. Bruce R. Cordell, David Noonan, Jeff Grubb, Dungeons & Dragons - Manuale dei Piani, Wizards of the Coast e 25 edition, 2005

(IMPORTANTE! POLICY: Gran parte del testo è liberamente tratto e in parte adattato dalle fonti citate e comunque dalle pubblicazioni Dungeons & Dragons della TSR e della Wizards of the Coast, nonchè dalle traduzioni ufficiali della 25 Edition, oltre ad altre fonti come le pubblicazioni della PAIZO Publishing per Pathfinder, che mantengono i diritti, intellettuali e non, sull'ambientazione e i suoi elementi. Allo stesso modo tutte le immagini sono coperte da copyright e vengono presentate senza alcuno scopo di lucro, corredate di autore e proprietario, e pertanto non sono riproducibili o utilizzabili in nessun ambito commerciale.)

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License