Reame di Olimpo (Olympus realm)

Reame di Olimpo (Olympus realm)

"Olympus", il reame olimpico - by Newt Ewell

Le potenze Olimpiche vivono nelle sale e nei templi sulle pendici Arboree del Monte Olimpo, che troneggia su ogni altro luogo nell’omonimo reame.

Descrizione

Molto al di sopra delle nuvole e delle preoccupazioni dei supplicanti, un viandante fortunato potrebbe cogliere la sagoma di una divinità intenta a mandare un suo delegato a svolgere qualche compito per lei. Le leggende dicono che la sola vicinanza al monte porti risposte più rapide alle preghiere dei devoti.
L'Olimpo è una terra di abbondanza e ricchezza, con campi costellati di ulivi, colli che ospitano il belare di greggi di pecore e il suono dei flauti dei pastori, colline cariche di vigne, e ovunque boschetti di mele e arance. I boschi e i torrenti intorno sono allietati dalle risate di satiri, ninfe e silfidi.

Viaggiare nel reame di Olimpo

La strada migliore per raggiungere il reame è un sentiero circondato da viti e ruscelletti pronti a sfamare e dissetare i viaggiatori.
Alcuni sentieri nascosti conducono attraverso le montagne verso altri piani: un pellegrino sfortunato potrebbe improvvisamente ritrovarsi nel profondo delle Distese Grigie, o in un qualche mondo primario.
I portali dell’Olimpo sono aperti a chiunque sia abbastanza coraggioso da attraversarli, ma c’è un buio: alcuni sentieri segreti si rivelano solo agli adoratori delle potenze Olimpiche. Chiunque provi a seguirli sullo stesso sentiero si troverà invece sperduto nelle Distese Grigie dell’Ade. Altre strade sono invece custodite da mastini mostruosi, o dai Per, e i templi ammettono al loro interno solo i fedeli. La montagna è splendida da osservare nel tramonto di Arborea, ma per i visitatori sgraditi è un labirinto peggiore dell’Alveare di Sigil.

Caratteristiche di Olimpo

Alcuni viaggiatori sostengono che dal picco del Monte è possibile vedere per miglia e miglia in ogni direzione. Secondo le dichiarazioni dei Guvner, un rosso abbastanza attento potrebbe riuscire a scorgere eventi che avvengono a centinaia di miglia di distanza, o persino negli strati inferiori di Arborea.

Le divinità del pantheon greco sono tendenzialmente egoiste e disunite, e tendono a mettersi in difficoltà l’un l’altra; ciononostante si sono riunite quasi tutte sopra il Monte Olimpo, che secondo alcuni esisteva da prima ancora del loro arrivo e della deposizione dei Titani; qui risiedono in sontuosi templi e abitazioni all’interno dei loro domini. Ogni tempio ha un piccolo altare esterno per offerte e sacrifici, e contiene una grande statua della divinità in avorio, oro, argento o altri metalli preziosi. I templi e le case delle potenze contengono molti portali per altri piani: l’entrata vera e propria per la casa della divinità è normalmente ben nascosta, spesso con qualche trucco inventato da Ermes o da Efesto.

Luoghi d’interesse

  • Il dominio di Zeus è il più grande di tutti, una cittadella di marmo lucido e oro sul picco più alto. Da qui il padre del pantheon Olimpico governa in compagnia della moglie Era. Anche in questo caso, solo i suoi adoratori possono vedere l’entrata del suo tempio.
  • Afrodite vive in un palazzo di quarzi e gemme lucidate a specchio, dove ogni superficie riflette la sua bellezza. L’entrata è nascosta da uno specchio magico, e almeno uno dei suoi corridoi porta alla Sala Dorata dei Sensisti. Il dominio non è lontano da quello di Zeus.
  • Il tempio e l’altare di Apollo sono d’oro zecchino, e irradiano luce solare dal loro interno. I Sensisti adorano questo posto, e i loro poeti sono spesso in quella zona, intenti a declamare versi per onorare il dio della poesia. Nell’anfiteatro del tempio, scavato in marmo bianco sul fianco della montagna, si tengono continuamente rappresentazioni teatrali.
  • La casa di Ares è una grande fortezza situata vicino al portale che dal Monte Olimpo porta a tutti i piani in cui il pantheon viene adorato, simile alla Sala di Atena, che vive in un palazzo dal lato opposto del portale. La cittadella di Ares è fatta di ossa, mentre quella di Atena è d’acciaio. Qualunque babbo che dica di averla visitata probabilmente sta solo raccontando balle, perché la fortezza pare essere impenetrabile.
  • Il palazzo di Dioniso è infestato da edere e viti cariche di grappoli. Le baccanti vagano per il posto trascinando con sé chiunque osi avvicinarsi impreparato.
  • Ermes vive in una grotta scavata nella montagna, dove molti adoratori sono continuamente impegnati a giocare d’azzardo o commerciare. La sala è coperta da una cappa di oscurità che la nasconde agli occhi di chiunque non sia un adoratore, e l’entrata a volte porta chi la attraversa in un posto completamente diverso – dopo tutto, Hermes è un dio del viaggio.
  • Poseidone vive nel secondo strato del piano, ma ha un tempio in riva al mare vicino al Monte Olimpo.
  • La fucina di Efesto ospita anche il dio-pensatore degli gnomi, Nebelun.
  • Pan e il titano Prometeo vivono nelle foreste che circondano il reame, e si vedono molto di rado vicino al monte.

Le più grandi città dell’Olimpo sono Arkenos, Thalassia, e Polykeptolon.

  • Arkenos è la più grande delle tre e si trova si una penisola alla foce di un grande fiume. E’ nota per la sua milizia di Amazzoni, un gruppo di donne che dedicano tutta la loro esistenza allo studio delle arti della guerra. I guerrieri Arkeniani vagano per il piano alla ricerca di avventure e minacce da sconfiggere.
  • Thalassia è un paesello marittimo di pescatori, costruito su ripide colline soleggiate. Di tanto in tanto è soggetta ad attacchi da parte di creature mostruose dal mare: piovre giganti, serpenti marini, sirene malevole, idre o streghe acquatiche. Cosa che non può che fare piacere ai guerrieri di Arkenos o agli avventurieri di passaggio.
  • Polykeptolon è una cittadina di filosofi e studiosi che impiegano schiavi per i lavori pesanti, mentre loro si sforzano di comprendere la natura dei piani e delle potenze. I Guvner sono sorprendentemente numerosi qui, cosa decisamente strana per un piano sul lato caotico del Grande Anello.

Vedi anche:

Schemi di Olimpo

Rappresentazione del Monte Olimpo


Bibliografia
1. Lester Smith e Wolfgang Baur, Advanced Dungeons & Dragons 2nd ed. Planescape – Planes of Chaos: The Book of Chaos, TSR, 1994-07 (cod. 2603)
2. Lester Smith e Wolfgang Baur, Advanced Dungeons & Dragons 2nd ed. Planescape – Planes of Chaos: The Travelogue, TSR, 1994-07 (cod. 2603)

(IMPORTANTE! POLICY: Gran parte del testo è liberamente tratto e in parte adattato dalle fonti citate e comunque dalle pubblicazioni Dungeons & Dragons della TSR e della Wizards of the Coast, nonchè dalle traduzioni ufficiali della 25 Edition, oltre ad altre fonti come le pubblicazioni della PAIZO Publishing per Pathfinder, che mantengono i diritti, intellettuali e non, sull'ambientazione e i suoi elementi. Allo stesso modo tutte le immagini sono coperte da copyright e vengono presentate senza alcuno scopo di lucro, corredate di autore e proprietario, e pertanto non sono riproducibili o utilizzabili in nessun ambito commerciale.)

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License