Teorie Alternative: il Purgatorio

Teorie Alternative: il Purgatorio


Nel mondo primevo di Golarion si crede che ogni anima passi attraverso un piano chiamato Purgatorio per essere giudicata prima di essere inviata alla destinazione finale nel Multiverso. Vasti cimiteri e terre desolate riempiono le sue distese cupe. Qui si trovano le polverose ed echeggianti corti adibite al giudizio dei morti. Il Purgatorio è la patria degli Eoni, una razza che incarna la natura dualistica dell'esistenza; i suoi membri, pertanto, sono costantemente sia in guerra che in pace con gli altri e con se stessi.

Non vi sono indizi certi per identificare in modo inequivocabile il Purgatorio dei golariani con uno qualunque dei Piani noti. Esso, tuttavia, è fortemente allineato con la Pura Neutralità, un tratto condiviso unicamente con le Terre Esterne e - se si crede alla loro esistenza - con i Piani Concordanti descritti da Leir l'Esploratore.

Come si può facilmente notare, tuttavia, per il resto vi sono notevoli differenze fra le caratteristiche attribuite al Purgatorio e quelle proprie dell'Opposizione Concordante. E' dunque possibile avanzare varie ipotesi in merito; non vi è nessuna prova a sostegno dell'una o dell'altra perciò esse sono destinate a rimanere mere speculazioni:

  • Salta subito all'occhio l'omonimia fra il Purgatorio dei golariani e quello descritto da Leir l'Esploratore. Entrambi questi luoghi, inoltre, sono fortemente allineati con la Neutralità. Il Purgatorio di cui parla Leir è esplicitamente affine alla Legge mentre, in questo senso, spicca la presenza delle corti dei morti nel Purgatorio golariano. Le somiglianze fra i due luoghi, tuttavia, finiscono qui e sembra che le differenze siano molto più pronunciate: l'ambiente è completamente diverso e - soprattutto - mentre il Purgatorio golariano è un luogo di transizione, la maggior parte dei supplicanti del piano descritto da Leir non sembra interessata né destinata ad abbandonarlo.
  • Il Purgatorio potrebbe rappresentare un reame delle Terre Esterne meno noto e frequentato rispetto ad altri regni divini. Dopotutto, esso potrebbe non essere davvero infinito ma semplicemente immenso: le Terre Esterne non hanno limite quindi potrebbero comunque contenerlo. Un problema insoluto, a questo punto, sarebbe comunque costituito dal fatto che solo i supplicanti del Golarion sembrano giungere qui: se questa ipotesi si avvicina alla verità, per quale motivo i viaggiatori dei Piani non golariani non si imbattono in questo dominio sterminato?
  • Il Purgatorio potrebbe essere un piano del tutto separato rispetto alle Terre Esterne, riservato - per qualche motivo ignoto - ai soli supplicanti del Golarion. Esso sembra avere dimensioni infinite, dunque non è assolutamente probabile che si tratti di un semipiano.
  • Forse, per qualche misteriosa ragione, i supplicanti del Golarion percepiscono le Terre Esterne in modo diverso rispetto agli altri raminghi dei Piani.
  • Non si può ignorare, infine, la fortissima somiglianza fra il Purgatorio e l'immenso Palazzo dei Giudizi retto da Yen-Wang-Yeh. Si dice che il Palazzo contenga tutti i supplicanti ancora in attesa di giudizio e che vi siano dei condotti planari fra esso e i Piani su cui esercita la propria influenza: per mezzo dei condotti, i supplicanti del Golarion potrebbero transitare inosservati dal loro Primario, non visti poi dalla maggior parte dei viandanti planari data la difficoltà di ottenere normalmente un acceso al Palazzo. D'altro canto, tuttavia, viene specificato che le anime smistate attraverso i condotti del Palazzo dei Giudizi attendono di reincarnarsi mentre il Purgatorio in cui credono i golariani sarebbe preludio alla continuazione della loro esistenza nel Multiverso. A questa obiezione si potrebbe rispondere che i supplicanti sono il risultato di una reincarnazione, sia pure nei Piani Esterni.

Autore: Cromatico


Bibliografia
1. Fonte dei dati non ipotetici: "Planar Adventures" su "http://paizo.com" - vedi la pagina

(IMPORTANTE! POLICY: Gran parte del testo è liberamente tratto e in parte adattato dalle fonti citate e comunque dalle pubblicazioni Dungeons & Dragons della TSR e della Wizards of the Coast, nonchè dalle traduzioni ufficiali della 25 Edition, oltre ad altre fonti come le pubblicazioni della PAIZO Publishing per Pathfinder, che mantengono i diritti, intellettuali e non, sull'ambientazione e i suoi elementi. Allo stesso modo tutte le immagini sono coperte da copyright e vengono presentate senza alcuno scopo di lucro, corredate di autore e proprietario, e pertanto non sono riproducibili o utilizzabili in nessun ambito commerciale.)

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License