Raven

Raven


Secondo i suoi devoti, il Corvo è il creatore del mondo. Egli dimorava nella Terra degli Uccelli (o Terra degli Spiriti), ma un giorno la abbandonò perchè ne era annoiato, portando con sé una pietra. Presto si stancò anche della pietra, e la lasciò cadere nell'oceano, nel quale si espanse e formò la terra dove vivono tutte le creature.
Inizialmente, il Corvo era un uccello dalle piume bianche. In questa veste ammaliò la figlia dell'Aquila Grigia, il guardiano del sole, della luna, delle stelle, dell'acqua dolce e del fuoco. L'Aquila Grigia odiava gli uomini, e teneva loro nascosto il suo tesoro. Quando il Corvo fu invitato nella loro capanna, vide tutte queste magnifiche cose e decise di rubarle per farne dono agli esseri umani. Sistemò nel cielo il sole, la luna e le stelle, lasciò cadere l'acqua dolce che si trasformò in laghi, fiume e ruscelli. Ma il fumo prodotto dal tizzone infuocato che portava nel becco, durante il viaggio ridusse le belle piume bianche in nere. Il calore divenne insopportabile, così il Corvo lasciò cadere anche il fuoco, che colpì delle rocce e vi si nascose dentro. E' questo il motivo per cui, sfregando due pietre, si producono scintille.
La figura del Corvo compare molto spesso nei totem votivi.
Bibliografia
1. James M. Ward, Robert J. Kuntz, Deities and Demigods Cyclopedia, TSR, Wizards of the Coast e Hasbro, 1980-12

(IMPORTANTE! POLICY: Gran parte del testo è liberamente tratto e in parte adattato dalle fonti citate e comunque dalle pubblicazioni Dungeons & Dragons della TSR e della Wizards of the Coast, nonchè dalle traduzioni ufficiali della 25 Edition, oltre ad altre fonti come le pubblicazioni della PAIZO Publishing per Pathfinder, che mantengono i diritti, intellettuali e non, sull'ambientazione e i suoi elementi. Allo stesso modo tutte le immagini sono coperte da copyright e vengono presentate senza alcuno scopo di lucro, corredate di autore e proprietario, e pertanto non sono riproducibili o utilizzabili in nessun ambito commerciale.)

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License