Rugginofago (Rust Monster)

Rugginofago (Rust Monster)

Rugginofago - by Ben Wootten

Questo insetto mostruoso ha quatto zampe, una coda che termina in una strana elica propulsiva, e due lunghe antenne simili a piume.

Descrizione e caratteristiche

Di tutte le bestie terrificanti che un esploratore può incontrare nel sottosuolo, solo il rugginofago ha come obiettivo quello cui l’avventuriero medio da più valore: il suo tesoro.
Lungo in genere 1,5 metri e dal peso di almeno 100 kg, il rugginofago somiglia ad un crostaceo e sarebbe già abbastanza spaventoso anche senza l’alieno processo nutritivo da cui prende il nome. I rugginofagi mangiano gli oggetti di metallo, preferendo quelli di ferro e di leghe ferrose come l’acciaio ma divorano anche mithral, adamantio e metalli incantati con uguale facilità. Qualsiasi metallo toccato dalle delicate antenne del rugginofago o dalla sua pelle corazzata si corrode e si riduce in polvere in pochi secondi, facendone una delle bestie più temute dagli avventurieri sotterranei e dai nani minatori che devono difendere le loro forge e competere con loro per l’oro.

Abitudini

Anche se i rugginofagi non hanno una tendenza innata per la violenza, la loro fame insaziabile li spinge a caricare qualunque cosa gli si avvicini con addosso abbastanza metallo, e qualsiasi resistenza viene accolta con inaspettata ferocia. Non è insolito che i rugginofagi in zone povere di metallo seguano le vittime in fuga per giorni usando la loro capacità di fiutare metalli, purché queste abbiano ancora oggetti di metallo intatti. Fortunatamente, spesso è possibile sfuggire alle attenzioni di un rugginofago lanciandogli un oggetto di metallo denso, come uno scudo, e correndo nella direzione opposta. Quanti frequentano le aree infestate dai rugginofagi imparano velocemente a tenere a portata di mano armi di legno o pietra.

Note

Si pensa che i grandi Draghi della Ruggine che popolano il piano di Acheronte siano la naturale evoluzione dei rugginofagi.

Schede e Punteggi


Bibliografia
1. Jason Bulmahn Dungeons & Dragons Pathfinder - Bestiario, Paizo Publishing, LLC, Wyrd Edizioni, 2009-11
2. Rob Heinsoo, Stephen Schubert, Dungeons & Dragons 4 – Manuale dei Mostri 2, Wizards of the Coast, 25 Edition & Hasbro, 2009-05
3. Ed Greenwood, The Ecology of the Rust Monster in Dragon Magazine #346 (pag. 74), Wizards of the Coast e Hasbro, 2006-08
4. Skip Williams, Dungeons & Dragons 3.5 – Manuale dei Mostri, Wizards of the Coast, 25 Edition e Hasbro, 2003
5. Tim Beach, Dungeons & Dragons 2ed – Monstrous Manual I, TSR, 1993-06 (cod. 2140)
6. Aaron Allston, Original Dungeons & Dragons Rules Cyclopedia, TSRì, 1991-10 (cod. 1071)
7. Troy Denning, Dungeons & Dragons Game (black box), TSR, 1991-04 (cod. 1070)
8. Ed Greenwood, The Ecology of the Rust Monster in Dragon Magazine #88 (pag. 22), TSR, 1984-08
8. Gygax, Arneson, Mentzer, Original Dungeons & Dragons Basic Set - Dungeon Masters Rulebook, TSR, 1981-01 (cod. 1011)
9. Gary Gygax, Advanced Dungeons & Dragons Monster Manual, TSR, 1977-09 (cod. 2009)
10. Kuntz, Gygax, Old Dungeons & Dragons Supplement I: Greyhawk, TSR, 1975-02 (cod. 2003)

(IMPORTANTE! POLICY: Gran parte del testo è liberamente tratto e in parte adattato dalle fonti citate e comunque dalle pubblicazioni Dungeons & Dragons della TSR e della Wizards of the Coast, nonchè dalle traduzioni ufficiali della 25 Edition, oltre ad altre fonti come le pubblicazioni della PAIZO Publishing per Pathfinder, che mantengono i diritti, intellettuali e non, sull'ambientazione e i suoi elementi. Allo stesso modo tutte le immagini sono coperte da copyright e vengono presentate senza alcuno scopo di lucro, corredate di autore e proprietario, e pertanto non sono riproducibili o utilizzabili in nessun ambito commerciale.)

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License