Simbionti

Simbionti


I simbionti sono le creazioni dei daelkyr, i signori del piano di Xoriat (il Reame Remoto). Si tratta di esseri senzienti che sono stati progettati per connettersi a degli ospiti e funzionare come armi e armature per i loro ospiti. Dalla fine della Guerra dei Daelkyr, migliaia di anni fa, i simbionti rimangono ancora disseminati nel mondo primevo di Eberron. Non si sa per certo se i simbionti si siano diffusi in altre parti del multiverso - essi raramente si mostrano apertamente - ma di certo sono presenti ovunque si trovi un daelkyr mezzosangue.

Storia

I simbionti furono creati dai daelkyr migliaia di anni fa, anche se è ignoto se i simbionti siano stati creati sul loro piano natale o su Eberron dopo l'invasione daelkyr. A prescindere da questo, tuttavia, per migliaia di anni, i simbionti sono stati simboli per i daelkyr, e vengono spesso donati agli adoratori dei daelkyr e ai Culti del Drago Sotterraneo.

Un simbionte può esistere da solo per una certa durata; ad ogni modo, esso cercherà un ospite non appena quest'ultimo diventi disponibile. Quando un simbionte si lega ad un ospite, il simbionte prova immediatamente a prendere possesso dell'ospite, rinforzando la propria volontà su quest'ultimo. Solo coloro che possiedono forti volontà possono vincere l'invasione mentale del simbionte. Dopo che il simbionte sia stato controllato per la prima volta, esso normalmente si comporterà in modo dimesso, sottomettendosi ai desideri de suoi utilizzatori. In ogni caso, il simbionte potrebbe provare nuovamente a sostituire la mente del suo ospite se l'ospite è particolarmente indebolito o se l'ospite prova a fare qualcosa che non è nel miglior interesse del simbionte, come rimuoverlo o attaccare un altro simbionte. Quando il simbionte guadagna influenza, esso acquista il pieno controllo delle azioni dell'ospite, anche se di solito diventa evidente che l'ospite non ha più il controllo del suo corpo. Anche quando è stato sottomesso, il simbionte può influenzare sottilmente il suo ospite, ventilando i fuochi della rabbia o incrementando la fame dell'ospite per il proprio nutrimento. Alcuni ospiti possono essere condotti alla pazzia dal costante bisbiglìo di un simbionte nella loro mente.

Specie

Ci sono molti differenti simbionti in circolazione, oggi. Essi includono:

Simbionti: stelo della tempesta, ciste invernale, guanto strisciante, fratello d'ombra, scarabeo da lancio, verme magico e stirpe della sanguisuga - autore ignoto

Stirpe della Sanguisuga (Breed Leech)

Questi simbionti sono lumaconi neri sprovvisti di occhi con tre bocche dentate. Essi sono progettati per aiutare a convertire una popolazione al culto dei daelkyr. Quando attaccate a un'umanoide incinta, queste creature iniettano materiale genetico nell'ospite, trasformando il bambino non ancora nato in un daelkyr mezzosangue. La stirpe della sanguisuga può legarsi solo a un ospite consenziente o indifeso, e di solito si attacca per mezzo della propria bocca al torso o ad un braccio, assicurandosi di essere nascosta sotto gli abiti del suo ospite. Come la maggior parte dei simbionti, questa creatura capisce il Sottocomune ma, una volta legata al suo ospite, può parlare telepaticamente con lui.

Guanto Strisciante (Crawling Gauntlet)

A una prima occhiata, un guanto strisciante sembra una mano separata e guantata. La mano, in realtà è un guanto chitinoso, progettato per una mano umanoide e che la copre fino all'avambraccio. Il guanto strisciante si legherà ad un ospite consenziente o indifeso, avvolgendo la mano dell'ospite e integrando se stesso con l'ospite per mezzo di sottili viticci che si scavano la strada sotto la pelle. Attaccare o rimuovere il guanto strisciante arreca danno al corpo dell'ospite. Una volta legato, l'ospite può usare gli artigli sul guanto strisciante per attaccare i nemici. Come la maggior parte dei simbionti, il guanto strisciante capisce il Sottocomune ma, una volta legato al suo ospite, può parlare telepaticamente con lui.

Alcuni daelkyr mezzosangue sono noti per aver fatto crescere dei guanti striscianti.

Simbionti: vermelingua, pettorale vivente e frusta tentacolo - autore ignoto

Pettorale Vivente (Living Breastplate)

I pettorali viventi sono formati da piastre di dura chitina nera con vene rosse e tendini che pulsano al di sotto. Essi possono capire il Sottocomune, e cercano ospiti consenzienti con cui legarsi. L'utilizzatore in verità deve indossare l'armatura e a questo punto dei viticci provenienti dall'armatura cominciano a farsi strada nella pelle del soggetto. Una volta legato, il pettorale vivente, come la maggior parte dei simbionti, può comunicare telepaticamente con il suo ospite. I pettorali viventi funzionano come armature viventi, proteggendo l'ospite dai danni. Essi agiscono anche come riduzione del danno, minimizzando gli effetti dei colpi critici, e possono stabilizzare un ospite se è ferito. Essi incrementano anche la costituzione dei loro ospiti.

I pettorali viventi sono le armature tradizionali dei daelkyr. Essi sono anche considerati reliquie sacre dai Culti del Drago Sotterraneo.

Fratello d'Ombra (Shadow Sibling)

Un fratello d'ombra è la simbiontica ombra senziente di una creatura. Sebbene solitamente essi maturino a partire dalle ombre dei daelkyr e dei daelkyr mezzosangue, i fratelli d'ombra possono legarsi a qualunque umanoide, purché questo sia consenziente o indifeso. Il fratello d'obra sembra un umanoide ombroso e vago, con caratteristiche indistinte. Quando attirato vicino all'ospite, il fratello ombra confonde anche le fattezze del suo ospite. L'ospite, quando avvolto da questo simbionte, è nascosto e bloccato dalla luce ambientale. Il fratello d'ombra può anche attaccare altri, e il suo tocco può danneggiare la carne di un avversario mentre è legato ad un ospite. Come la maggior parte dei simbionti, il fratello d'ombra capisce il Sottocomune ma, una volta legato al suo ospite, può parlare telepaticamente con lui.

Verme Magico (Spellwurm)

Questo simbionte ha l'aspetto di un grossa creatura purpurea simile ad un serpente e grande all'incirca quanto il braccio di un essere umano. Il verme magico ha un paio di fauci munito di cinque dita, che esso usa per attaccarsi a ospiti consenzienti o indifesi. Il verme magico può attaccarsi al braccio mancante di un umanoide, oppure attaccarsi all'ascella di un umanoide per fungere da terza appendice. Anche se questo simbionte può essere delle dimensioni di un braccio umano, esso può fare solo una cosa: lanciare incantesimi. Durante il combattimento, il verme magico gesticola, lanciando incantesimi agli avversari dell'ospite. Come la maggior parte dei simbionti, il verme magico capisce il Sottocomune ma, una volta legato al suo ospite, può parlare telepaticamente con lui. Questo tipo di simbionte può essere facilmente trovato sui daelkyr e sulle loro creazioni, come dolgaunt e beholder.

Stelo della Tempesta (Stormstalk)

Lo stelo della tempesta è uno dei tentacoli oculari di un beholder. Questo stelo oculare è un simbionte, e può legarsi ad un ospite consenziente o indifeso. Quando esso trova un ospite, scava un cunicolo nella testa dell'ospite e vi si radica, connettendosi direttamente al tronco encefalico e al flusso sanguigno dell'ospite. Una volta legato, lo stelo della tempesta comunica direttamente con l'ospite per via telepatica. Al comando dell'ospite, questo simbionte può sparare fulmini verso le altre creature. differenza degli altri simbionti, che risultano depotenziati quando non sono legati, lo stelo della tempesta può emettere queste saette con altrettanta efficienza quando separato. Attaccare o rimuovere uno stelo della tempesta danneggia l'ospite.

Frusta Tentacolo (Tentacle Whip)

Questa creatura è un'arma letale nelle mani di un utilizzatore esperto. Si tratta di una lunga frusta simbiontica che può innestarsi in un ospite consenziente o privo di sensi. La fusta sembra un lungo trefolo di muscolo che termina in un pungiglione; un aculeo che è un rasoio affilato e che può iniettare veleno nei suoi nemici. Come gli altri simbionti, la frusta capisce il Sottocomune, ma può anche parlare telepaticamente con i proprio ospite. Questo simbionte richiede nutrimento, e drenerà le energie del suo ospite; questo drenaggio, comunque, è relativamente minuscolo. Mentre la frusta è legata ad un braccio, esso non può essere disarmato come nel caso di un'arma tradizionale; ad ogni modo, chi brandisce questo simbionte non può usare un'altra arma o scudo in quella mano libera. Solitamente, la frusta è lunga 15 piedi, ed è anche possibile incanalare attraverso di essa incantesimi da tocco in mischia (melee touch spells).

Scarabeo da Lancio (Throwing Scarab)

Uno scarabeo da lancio è un simbionte unico, in quanto, senza ospite, esso è quasi altrettanto letale che essendo legato a qualcuno. Lo scarabeo da lancio sembra un bellissimo pezzo di gioielleria, coperto d'olio, fino a che le sue ali non sbattono. Uno scarabeo da lancio si attaccherà al lato esterno della mano di un un ospite consenziente o indifeso, dove esso può sembrare - per l'osservatore casuale - un pezzo di gioielleria decorativa. Una volta legato, questo simbionte può generare un carapace cristallino e, all'occorrenza, scagliarlo contro i nemici del'ospite. Quando gettato verso il nemico, il carapace può fendere facilmente la pelle. Subito dopo il colpo, il carapace si dissolve in un residuo acido, bruciando l'obiettivo. Come la maggior parte dei simbionti, lo scarabeo da lancio capisce il Sottocomune ma, una volta legato al suo ospite, può parlare telepaticamente con lui.

Vermelingua (Tongueworm)

A una prima occhiata, il vermelingua sembra un piccolo cobra dello stesso colore di una lingua umana. Il vermelingua può entrare nella bocca di ospiti consenzienti o indifesi, poi si lega alla sommità della bocca dell'ospite. Il vermelingua può poi balzare dalla sua locazione nascosta sopra la lingua dell'utilizzatore, lanciandosi fuori dalla bocca dell'ospite e attaccando una creatura per mezzo di un barbiglio velenoso. Come la maggior parte dei simbionti, il vermelingua capisce il Sottocomune ma, una volta legato al suo ospite, può parlare telepaticamente con lui. Una volta legato, il vermelingua non può essere rimosso senza provocare danni a chi lo sta utilizzando. La portata di un vermelingua è di 5 piedi, e il suo veleno è progettato per paralizzare la sua preda. Il vermelingua trasmette al suo ospite l'immunità al proprio stesso veleno.

Ciste Invernale (Winter Cyst)

Le cisti invernali sono i primi simbionti mai apparsi che si siano evoluti naturalmente Questi viscidi polipi simili a lumache si fanno strada nella testa di ospiti consenzienti o indifesi; essi mettono radici nella testa dell'ospite e si connettono direttamente con il tronco cerebrale ed il flusso sanguigno dell'ospite. Similmente agli steli della tempesta, le cisti invernali possono poi usare il loro unico occhio malevolo per proiettare un getto di freddo congelante contro i loro avversari. A differenza degli altri simbionti che sono depotenziati quando non legati, la ciste invernale può emettere con altrettanta efficacia questo getto congelante anche quando separata da un ospite. Attaccare o rimuovere una ciste invernale reca danno al suo ospite. Le cisti invernali possono capire il Sottocomune ma, una volta legate al loro ospite, possono parlare telepaticamente con lui.

Nomi notevoli

In passato ci sono stati molti utilizzatori di simbionti:

  • Ad Aal'drash, un hobgoblin traditore che si rivoltò contro l'Impero Dhakaani per allearsi con i daelkyr, venne data una frusta tentacolo e un vermelingua come parte della sua ricompensa.
  • La maggor parte dei daelkyr, incluso Belashyrra, il Signore degli Occhi, hanno una moltitudine di simbionti, fra cui amuleti occhio, pettorali viventi e fruste tentacolo.
  • L'esercito Karrnathi sperimentò armi simbiontiche dopo la fine dell'ultima guerra, ed entrò in possesso di un guanto strisciante, un fratello d'ombra, un stelo della tempesta, una frusta tentacolo e un vermelingua. Questi simbionti si legarono a molti membri della Guardia Esterna (Outguard), fra cui Elidyr Brochann, Lirra Brochann, Osten e Rhedyn.
  • I membri del Cerchio del Cordoglio (Mourning Circle), un Culto del Drago Sotterraneo, possegono simbionti. Guidato dal daelkyr mezzosangue Erlomel d’Tharashk, tutto il Cerchio del Cordoglio ha un simbionte diverso, creato da Erlomel. Erlomel stesso ha un fratello d'ombra, mentre Bronwen Sor’ilah possiede un verme magico, Antonin d’Tharashk ha un vermelingua, Ghaarsh’t ha un guanto strisciante, e Severin vil Orandor possiede una frusta tentacolo.

Bibliografia
1. Tratto dalla pagina "Symbiont" su "http://eberron.wikia.com" - vedi la pagina

(IMPORTANTE! POLICY: Gran parte del testo è liberamente tratto e in parte adattato dalle fonti citate e comunque dalle pubblicazioni Dungeons & Dragons della TSR e della Wizards of the Coast, nonchè dalle traduzioni ufficiali della 25 Edition, oltre ad altre fonti come le pubblicazioni della PAIZO Publishing per Pathfinder, che mantengono i diritti, intellettuali e non, sull'ambientazione e i suoi elementi. Allo stesso modo tutte le immagini sono coperte da copyright e vengono presentate senza alcuno scopo di lucro, corredate di autore e proprietario, e pertanto non sono riproducibili o utilizzabili in nessun ambito commerciale.)

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License