Società e cultura drow

Società e cultura drow

Una tipica fortezza drow (Close-up of Menzoberranzan, the City of Spiders) - by Iribel

Introduzione: ll male sotto ai vostri piedi

Molta brava gente del mondo di superficie teme i drow, anche se pochi ne hanno visto uno. Hanno sentito leggende sugli elfi dalla pelle simile al manto notturno e della loro dea crudele ed affamata: Lolth, la regina Ragno. Alcuni affermano che queste storie, in cui si attribuisce agli elfi scuri ogni tipo di depravazione immaginabile, non possano essere vere. Gli idealisti sono soliti dire: anche se il male è presente nel mondo, le descrizioni degli avventurieri che tornano dal Sottosuolo devono per forza essere esagerate. Nessuna società, neppure una completamente malvagia, può continuare ad esistere se la sua gente è così perversa ed imprevedibilmente brutale così come i suoi nemici possono affermare.

Chiacchiere da saggio! Andate in una qualsiasi taverna frequentata da esploratori e da cercatori di tesori e loro vi insegneranno; tra l'altro, le storie che si raccontano non riescono a cogliere il vero orrore del mondo degli elfi scuri.

Caratteristiche generali

Vita drow - by Kevin Chin for Imaginary Friends Studios

Perseguitati da intere epoche, i drow hanno sviluppato la loro società sull'odio e sulla sopravvivenza. Conoscono una rigida distinzione tra i sessi: le femmine occupano i vertici della politica e della religione, i maschi sono considerati loro sottoposti, e addetti alla guerra e a tutti quegli incarichi non ritenuti degni per le loro compagne. Le loro comunità sono divise in casati dalla lunghissima tradizione, i cui membri lottano tra loro per ottenere il dominio con metodi che vanno dalle dispute verbali al discredito sociale, fino a trasformarsi in veri omicidi mirati. I casati, a loro volta, sono in perenne lotta tra loro per il dominio sulle comunità e divisi da faide che crescono di giorno in giorno, irrorate dal sangue dei morti ammazzati. I delitti di omicidio sono non solo contemplati, ma addirittura apprezzati e ben visti dalla Dea Ragno, a patto che si svolgano nella più totale segretezza, e che non rimanga vivo nessun testimone che possa ribaltare le sorti dell'intera vicenda. Tutta questa violenza - spesso ancora più orribile per le altre razze perché si manifesta con discrezione sotto una pellicola di freddo rispetto per le formalità e il buon costume - non è dovuta solo alla natura caotica e malvagia della razza, ma è uno strumento per produrre individui in grado di sopportare l'odio e l'ostilità che circonda l'intera stirpe degli elfi scuri. Odiati dal resto del multiverso, i drow hanno sviluppato questo spietato darwinismo sociale per poter sopravvivere nell'ostilità totale.

Per approfondire - Natura e cultura dei Drow

Relazioni sociali e ruoli fra i drow

La maggior parte del mondo della superficie non conosce molto della società degli elfi scuri tranne che per due stereotipi: Dominati dalle chieriche femmine della Regina Ragno Lolth, i maschi sono servi, e gli schiavi e la magia sono ovunque. Per la maggior parte del mondo della superficie, queste informazioni sono più che sufficienti, ma se è vero che questi stereotipi sono fondati, è anche vero che essi sono solo la superficie di quella che è in realtà la vita tra gli elfi scuri. I drow, come gli umani e gli altri esseri civilizzati, mangiano, si innamorano, si sposano, crescono bambini, e hanno famiglie. Infatti, in considerazione del fatto che gli elfi scuri hanno una vita lunga e che la loro società è spesso teatro di sconvolgimenti, le relazioni tra i drow sono solitamente più complesse di quella di una tipica famiglia umana.

Tipi di ruoli

Città ove si venera Lolth

Lolth è la dea patrona dei drow, ed essi devono la loro propria esistenza (o, sarebbe meglio dire esilio) nel sottosuolo a Lei. Con tale implicazione nell'origine degli elfi scuri, non sorprende che la maggior parte delle città drow omaggino la Regina Ragno. Dal suo culto è derivato il Suo rigido dogma di superiorità delle femmine e di inferiorità dei maschi. In queste società - ome già ricordato - le femmine controllano in genere tutto il potere, lasciando ai maschi gli scarti. Tradizionalmente, le femmine entrano nel clero e servono Lolth come sue sacerdotesse, mentre i maschi entrano nella milizia o (raramente) nello studio della magia.
Le sacerdotesse sono addestrate nell'arte della guerra, e spesso squadre e eserciti sono comandati direttamente dalle terribili chieriche della Regina Ragno, ma normalmente esse si tengono fuori dal pericolo e danno ordini ad esperti ufficiali maschi, alcuni dei quali sono tenuti sotto controllo da minacce fisiche o magiche o a volte sono anche dominati completamente con la magia.
La stregoneria è il solo vero modo di un maschio nella società di Lolth di raggiungere un vero potere. Anche il più esperto generale e veterano di molti conflitti se maschio può infatti essere ucciso per un accidentale insulto alle sacerdotesse della Regina Ragno; un mago di alto rango è più difficile da eliminare perché più raro e più utile. Ed ancora, anche i più talentuosi maschi maghi sono, dal punto di vista sociale, tecnicamente inferiori alle chieriche femmine di livello più basso. Questa è una cosa di cui i maghi maschi risentono fortemente. In un mondo dove essi sono destinati alla servitù a causa del loro sesso, un maschio mago che può trascendere lo spazio e il tempo e che deve sottomettersi e sottostare alle sacerdotesse femmine, che può a mala pena racimolare il potere per curarsi un ginocchio graffiato, conduce una frustrante esistenza.

Per approfondire - Gerarchia drow

Città non teocratiche

Quanto esplicato finora descrive la maggior parte delle città degli elfi scuri, ma un non piccolo numero di loro città hanno una struttura sociale interamente differente. Per esempio, la città di Sshamath, nel mondo primevo di Abeir-Toril, è governata da maghi maschi ai quali si affiancano le sacerdotesse femmine di Lolth, che si spartiscono ruoli minori. La particolare organizzazione di Sshamath deriva dal grande numero di maschi nati negli ultimi secoli, al quale si è aggiunta la crescente ricerca in antichi luoghi magici ed il temporaneo disordine della magia clericale. Nonostante tanti sconvolgimenti, Sshamath è sopravvissuta anche se essa resta un spina nel fianco rispetto all'ufficiale idea di Lolth sulla società drow. Ciò significa che l'esistenza di altre comunità eterodosse, nella vastità del multiverso, è possibile: per esempio, si potrebbero trovare città governate da nobili militari o da nobili ereditieri non influenzati dalla fede.

Città ove si venera Kiaransalee

Ad ogni modo, la maggior parte delle società drow riflette la divinità da essi venerata.
Alcune possono essere costruite attorno alla filosofia di Kiaransalee, una divinità drow minore dei non-morti e della vendetta. In tali posti, il drow al potere dovrebbe essere quello con l'abilità di comandare e creare non-morti, o che abbia raggiunto egli stesso la non-morte.

Città ove si venera Vhaeraun

Vhaeraun, divinità del crescente potere dei maschi drow, dei furti, e della vita che si affaccia sulla superficie del mondo, ha una visione maggiormente equilibrata dei sessi che distribuisce maggiore uguaglianza ma che provoca la caduta dell'esistente matriarcato di Lolth. Le colonie che sono state create dai suoi seguaci sulla superficie del mondo hanno una distribuzione maggiormente equilibrata del potere tra maschi e femmine, anche se la bilancia è leggermente spostata in favore dei maschi per via del rancore contro le femmine e a causa del fatto che ci sono meno femmine tra i fedeli di Vhaeraun.

Città ove si venera Ghaunadaur

Ghaunadaur, una vecchia e bizzarra divinità di melme e fanghiglie offesa dall'usurpazione del territorio del sottosuolo da parte di Lolth, si cura poco del fatto che i suoi seguaci siano maschi o femmine fintanto che essi servono ai suoi interessi. Anche se non si conoscono attualmente città drow che ufficialmente appoggino Ghaunadaur, piccole colonie e culti esistono e hanno gerarchie basate interamente sul potere e sulla lealtà.

Città ove si venera Eilistraee

Le più insolite di tutte le culture drow sono quelle votate a Eilistraee, la figlia benevola di Lolth (e sorella di Vhaeraun), che è patrona di tutti i drow buoni e specialmente di quelli che desiderano vivere pacificamente con gli altri esseri della superficie del mondo. Gli adepti di Eilistraee solitamente devono nascondersi tra le città della Regina Ragno, ma quei fortunati che vivono in un luogo dove la loro fede possa essere espressa, godono di una società egualitaria; si tratta di uno stato sociale simile a quello proprio delle città ove si venera Vhaeraun. Ove è venerata Eilistraee, tuttavia, non c'è quel desiderio di male, di vendetta, e di conquista pomosso da Vhaeraun.

Vedi anche:


Bibliografia
1. Tratto dalla pagina "Gerarchia drow" su nwnlandedifaerun.forumfree.it - vedi la pagina
2. Robin D. Laws (testo), Marc Sasso (illustrazioni) - Carne per Lolth - La vita segreta degli Elfi Scuri, Dragons&Dungeons n° 4, Ottobre 2003

(IMPORTANTE! POLICY: Gran parte del testo è liberamente tratto e in parte adattato dalle fonti citate e comunque dalle pubblicazioni Dungeons & Dragons della TSR e della Wizards of the Coast, nonchè dalle traduzioni ufficiali della 25 Edition, oltre ad altre fonti come le pubblicazioni della PAIZO Publishing per Pathfinder, che mantengono i diritti, intellettuali e non, sull'ambientazione e i suoi elementi. Allo stesso modo tutte le immagini sono coperte da copyright e vengono presentate senza alcuno scopo di lucro, corredate di autore e proprietario, e pertanto non sono riproducibili o utilizzabili in nessun ambito commerciale.)

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License