Sopra e sotto i Piani Esterni - Zzing e Elenya Ihaha

Sopra e sotto i Piani Esterni - Zzing e Elenya Ihaha

NOTA

Le informazioni che seguono sono una raccolta scrupolosamente miscelata di elementi canonici, deducibili, ipotetici e completamente inventati. Il lettore faccia attenzione [N.d.A.].

.

Punti Sopra e Sotto

Una raccolta di risposte alle curiosità dei viaggiatori planari che chiedono cosa giaccia sopra e sotto le porzioni dei Piani Esterni tipicamente colonizzate.

Compilata su richiesta della Fratellanza dell'Ordine da:

Introduzione

Gli umanoidi, come sono chiamate numerose razze per le quali l'umanità è largamente considerata la tabula rasa, tendono ad essere bipedi legati alla terra che respirano aria, privi della capacità di passare attraverso altri solidi. Ci sono eccezioni, le più comuni delle quali sono coloro che respirano acqua o quelli che sanno volare, entrambe le quali spesso vanno a riposarsi sopra la terra. Questo significa che gli insediamenti umanoidi si trovano principalmente su interfacce aria-terra.

L'esplorazione e la colonizzazione, quindi, sono stati intrapresi principalmente in una sezione relativamente bidimensionale dei vasti Piani Esterni. Anche il contrario di tale affermazione è vero: dato che la maggior parte delle vite degli umanoidi prende posto in questa sezione durante le loro esistenze mortali, le credenze che essi sviluppano sono più forti relativamente a questi luoghi; così, i Piani Esterni sono maggiormente diversi e ricchi di qualità utili nell'immediata vicinanza delle superfici delle masse continentali. I posti molto bassi tendono ad essere associati con il male — lo testimoniano l'Abisso e i discendenti Nove Inferni — mentre i luoghi alti sono spesso nobili e buoni — di nuovo, osservate il Monte Celestia e il Monte Olimpo. La Spira è una rilevante eccezione.

La curiosità non conosce limiti, tuttavia, e alla fine molti viaggiatori planari si sono chiesti cosa giaccia molto al di sotto o al di sopra delle superfici popolate dei Piani Esterni. Questa è una raccolta delle migliori risposte che si possano trovare, basate su ricerche accademiche così come su alcune esperienze personali degli autori. Per la maggior parte, l'esplorazione individuale al di sotto del suolo è stata fatta grazie all'abilità di passare attraverso la terra del nostro esploratore xorn Zzing; la maggior parte dell'esplorazione nelle regioni superiori è stata compiuta da Elenya dell'al karak elam.

Monte Celestia

Sopra Monte Celestia

Andare verso l'alto nei cieli di Monte Celestia da ogni strato conosciuto significa entrare in una regione atmosferica di venti trasversali in cui manovrare è difficile. La forza dei venti aumenta man mano che si sale, fino al punto in cui anche il più forte volatore o la più potente magia di volo diventano incapaci di penetrare oltre e si rischiano danni fisici. Probabilmente, questo gradiente continua per sempre. È semplicemente una legge del piano che, per trovare strati più alti, si debba avanzare lungo i sentieri giusti. Ci sono strade aeree, ma non sono comunemente note.

C'è poco da vedere qui, a meno che non si cerchi uno specifico dominio nei cieli, come ad esempio il reame di Jazirian. Vicino al Monte stesso, anche le nubi e la nebbia si addensano finché la visibilità non diventa nulla. Altrimenti, sono visibili corpi astronomici, come il sole e le stelle, ma sembra che nessun incantesimo di percorso noto consenta di visitarli, e il fatto che si vedano potrebbe semplicemente essere una caratteristica religio-ottica del piano. Questo è generalmente il caso di tutti i piani con corpi astronomici, ad eccezione del Primario. Se la tecnologia spelljammer possa realizzare un simile viaggio, è una questione aperta.

A differenza di molti altri piani, è anche possibile andare verso il basso nelle nubi di Monte Celestia, da strati sopra al primo. Questo viaggio di solito conduce allo strato immediatamente più basso — a volte a sfracellarsi sulle rocce se uno salta in un banco di nubi. Percorrere verso il basso gli strati di Monte Celestia è molto più facile che andare verso l'alto.

Sotto Monte Celestia

Scavando nella sostanza di Monte Celestia, si tende innanzitutto a trovare colonie di abitatori delle zone sotto la superficie, come per esempio i nani. Percorrere gli strati superiori in questo senso conduce ad alti picchi sullo strato inferiore, così che il "fondo" dei livelli superiori della Montagna riposa al di sopra delle cime di quelli inferiori. All'interno del monte, la pietra diventa rapidamente roccia estremamente dura, dunque pochi scavano molto a fondo; i materiali preziosi tendono a trovarsi a portata di mano. La roccia sembra estendersi indefinitamente, anche sotto il Mare d'Argento del primo strato. Alla fine, il basamento del primo strato diventa un'ampia piattaforma di puro adamantio, attraverso la quale Mastro Zzing non può procedere. Egli ipotizza che questa profondità potrebbe essere potenzialmente infinita, funzionando essenzialmente come un fondamento teoreticamente necessario per il piano. Ci sono, tuttavia due interessanti voci che si possono trovare riguardo le regioni molto profonde di Monte Celestia.

Il Cuore della Montagna

La prima è il Cuore della Montagna (Mountainheart): secondo questa cantata, tanto al di sotto di Lunia quanto Chronias si innalza sopra di esso, sarebbe possibile trovare una pietra più dura di ogni altra sostanza nei piani, più salda di ogni bacchetta inamovibile, la spilla sulla quale riposa tutto il peso di Monte Celestia. Anche se Mastro Zzing non ha trovato questa pietra, ha notato che alcune profonde regioni di Celestia possono vantare una grande abbondanza di diamanti e di materiali duri come l'adamantio ma a lui ignoti.

La Valle Chiusa

La seconda voce riguarda la Valle Chiusa (Closed Valley): all'inizio del tempo, o molto vicino a questa data, a Celestia si verificò una grande battaglia. Alcuni dicono che fu quando Asmodeus venne scagliato fuori dal piano come angelo caduto. Altri sostengono che certa gente dica un sacco di cose, spesso su qualcosa che avrebbe dovuto fare meglio per stare tranquilla al riguardo. In ogni caso, la storia dice che qualcosa di massiccio cadde qui da molti strati più in alto, così duro da passare dritto attraverso ogni materiale, lasciando un enorme buco nel piano. Dopodiché, Le acque del Mare d'Argento precipitarono all'interno del foro e caddero in un luogo così freddo che congelarono istantaneamente, chiudendo la profonda fenditura ma lasciando una cavernosa, oscura valle sotto di sé, tagliata fuori dalla luce di Lunia; in fondo alla valle si troverebbe un portale per i Piani Inferiori. Se una simile fossa esiste da qualche parte nel Mare d'Argento, gli zoveri non ne parlano con gli estranei. Se davvero Asmodeus cadde attraverso questo luogo, è ragionevole pensare che si sia lasciato dietro un bel po' di carne e sangue, verosimilmente contaminando la regione in modo significativo; e gli zoveri certamente non vorrebbero veder arrivare pellegrini malvagi che potrebbero essere abbastanza potenti per resistere al Mare d'Argento e fare uso di un tale luogo.

Bytopia

Questa parte sarà breve. Ogni sciocco sa che, se andate verso l'alto su Bytopia, raggiungerete l'altro strato. Meno gente sa che è possibile arrivare lì anche scavando verso il basso: c'è un piano di inversione della gravità anche sotto la superficie. Lungo la strada, supererete villaggi pieni di gnomi e nani e le tane di Urdlen, quindi state attenti agli abitanti.

Elysium

Sopra Elysium

I cieli sopra ciascuno strato di Elysium per la maggior parte sono esattamente come sembrano, altezze ariose come quelle dei mondi del Primario Materiale. C'è un'eccezione a questa somiglianza generale, ma non è qualcosa di cui gli esploratori debbano preoccuparsi, fatta eccezione per quelli incredibilmente potenti e con grandi propositi.

A volte è stato notato che una terribile quantità di poteri del sole, dell'aurora e di altre caratteristiche del giorno si è stabilita qui su Elysium. Il sole di questo piano attraversa il suo cielo su un sentiero concordato in modo amichevole dai poteri locali che si interessano in questioni solari. Essi tendono a mettere in ordine le stelle e le stelle erranti; queste ultime, piuttosto che essere fissate ad una sfera di cristallo, sono deliberatamente collocate nelle fredde arie superiori e a volte spostate allo scopo di fornire segni e divinazioni. Esse sono abbastanza vicine da poter essere raggiunte in volo — nel caso abbiate bisogno di un po' di materia stellare (non cercate metallo stellare qui; si batte che quel materiale sia originario esclusivamente del Primario) o di una scintilla dal cuore di una stella cadente, questo è un posto per procurarvele. Meglio se vi teletrasportate lì, tuttavia, perché arrivarci volando significherebbe dover oltrepassare il livello del sole.

Numerosi volatori di Elysium parlano di leggende come quella del povero giovanotto greco Icaro: essi dicono che, se si va abbastanza in alto nel cielo di Elysium, si invadano i distretti di questi dei. Non è come entrare nel loro tempio o infuriare attraverso il loro reame — i cieli superiori di Elysium sono un sorta di bottega, un posto dove questi poteri della luce solare fanno qualunque cosa farebbero degli dei del genere al fine di perfezionare la propria arte, mantenere il proprio equipaggiamento e cose di questo genere. Prima di tutto, il viaggio non è un'esperienza che permetta a chiunque di sopravvivere e solo i più tenaci viaggiatori sono in grado di fronteggiare il Sole stesso a distanza ravvicinata. In secondo luogo, come la maggior parte degli artigiani, gli dei del sole non si preoccupano particolarmente della gente che sbircia nei loro segreti commerciali. Quindi, i cieli di Elysium potrebbero essere il posto giusto in cui andare per qualcuno che cerchi di curiosare nei segreti di potenti divinità — e se voi siete abbastanza stupidi da farlo, noi apprezzeremmo se ci pagaste i contanti in anticipo per questa pubblicazione.

Sotto Elysium

Al di sotto del suolo, la natura di Elysium è definita dal Fiume Oceanus tanto quanto lo è in superficie.

Sotto il suolo fertile e affilate catene montuose ci sono miglia e miglia di complessi carsici, caverne e falde acquifere. Mastro Zzing sostiene che le sue esplorazioni sotto Amoria ed Eronia (agli altri due strati era difficile accedere) siano state alcuni dei più bei viaggi che abbia mai fatto. Il poderoso Fiume ha scavato caverne di stupefacente bellezza, con cascate e laghi sotterranei sulle cui rive rotolano pietre di ogni colore; le stesse sponde sono costellate di macchie di cristalli di ogni dimensione e colore. Zzing, infatti, le ha descritte come un banchetto da intenditori.

Sorprendentemente, ci sono abitanti in queste caverne, e operano affinché esse siano adatte al passaggio dei viaggiatori. Zzing non ha parlato molto di loro. Ha detto: "Bellezza immacolata risplende così luminosamente da accecare quelli che hanno camminato per lungo tempo nell'oscurità, anche se vogliono vedere. Ci sono molti portali laggiù, verso alcuni luoghi molto lontani". Ha concluso dicendo che, in ogni caso, se non avete trovato quelle caverne o avete investigato al di là di esse, avrete raggiunto una profondità dove il percorso del viaggiatore non sembra poter procedere oltre. Semplicemente non sarete stati in grado di procedere più in profondità dello strato superficiale di un semplice basamento di granito e qui probabilmente non c'è neppure più un "basso" di cui parlare.

Terre Bestiali

Sopra le Terre Bestiali

I cieli delle Terre Bestiali, casa del secondo autore, sono un luogo di bellezza e meraviglia, sia sotto il sole Selera a Krigala, sia sotto la luna Noctos a Karasuthra, sia nella terra crepuscolare di Brux. Essi sono la casa dei mortai, grandi esseri simili a nuvole, e i reami del dio dei giganti delle tempeste Stronmaus e altri.

Dato che gli incantesimi di volo qui non funzionano, non è probabile che chiunque si spinga troppo in alto. Chiedete ai mortai, tuttavia, e se otterrete una qualche risposta diretta, essi vi racconteranno quanto chiedete e non dovrebbero avere motivi per mentire: Selera e Noctos non si trovano a una qualche distanza nel vero senso della parola; semplicemente, la loro presenza visibile ovunque su ogni strato è parte della natura di questi strati delle Terre Bestiali. Proseguite in alto nel cielo e arriverete soltanto più in alto nell'aria.

Alcune cose dette da un mortai potrebbero essere uno scherzo o una pelata per avventurieri un po' troppo ardimentosi per il loro stesso bene: ma la cantata afferma che sopra ogni strato delle Terre Bestiali ci sia una scalinata di nuvole fatta da Stronmaus (il cui castello fluttua su una nuvola volante, cosa chiaramente nel suo stile), una scala a pioli di nuvole che può essere raggiunta da chiunque sappia volare (il che qui richiede il possesso di ali) percorrendo una lunga strada dallo strato sottostante. Giunti sulla cima della scala di Karasuthra, diventa effettivamente possibile raggiungere Noctos, anche se i mortai non sanno perché qualcuno dovrebbe volerci andare. La scala di Krigala conduce a Selera, diventando gradualmente sempre più calda. Non si sa dove conduca quella di Brux, anche se è certo che ce ne sia una e si batte che la veduta dalla cima sia "l'illuminazione". Considerate le predilezioni dei mortai, anche se essa fosse reale, potrebbe trattarsi di nulla più che un bellissimo panorama mezzo illuminato e mezzo in ombra. O potrebbe trattarsi di rune di saggezza della dimensione di un piano scritte nella luce del tramonto del sole e della luna. Chi può dirlo, a meno che la scala non venga trovata?

Sotto le Terre Bestiali

La prima cosa sotto ogni strato delle Terre Bestiali è costituita, certamente, dai cunicoli. Specialmente il suolo sotto Krigala è pieno di formiche di ogni tipo. Sui piani ci sono poche cose più organizzate di una società di formiche, come l'esistenza dei formian può attestare. Ora immaginate una una società di formiche con una regina quasi immortale che comanda lavoratori in grado di parlare. Ci sono intere città di formiche — su cui nessun umano ha mai messo gli occhi, scommette Zzing — che si estendono per miglia sotto la superficie di Krigala, colonie di talpe sotto Brux ed altre società che non hanno mai visto la necessità di chiacchierare con qualcuno che cammini su due piedi. Certo, ora che ha detto questo, qualche zolla si starà mettendo in testa di andare a vedere. Buona fortuna! Dovrebbe essere evidente che Zzing pensa che la presenza di queste società rigidamente ordinate potrebbe essere ciò che trattiene le Terre Bestiali verso il lato legale di Arborea, casa dei Greci con i loro costumi di democrazia, geometria e leggi di ospitalità.

Più sotto, le rocce sono carbone e scisto bituminoso, calcare e gesso, e il basamento metamorfico è di marmo bianco. Zzing segnala che queste rocce non sono molto comuni sul Piano della Terra, poiché sono tutte formate da materiale organico. Se davvero esse si sono accumulate dai corpi di piante e animali supplicanti sulle Terre Bestiali, qui la profondità mostra l'età del luogo in un modo che non è proprio della maggior parte degli altri piani: ere ed ere, schiacciate una sull'altra. Potreste assaggiare il tempo nelle rocce, egli dice, e se ciò è vero, un'immersione nella terra qui potrebbe essere uno strano modo per un mago per andare a prendere qualche materiale utile.

Andando oltre gli strati di marmo, la gravità comincia a ruotare verso di voi; fa un giro completo attraverso strani andamenti, finché un "sommozzatore" che abbia viaggiato abbastanza da Krigala o Karasuthra emerge in Brux, e da Brux un viaggiatore può andare verso ciascuno degli altri strati.

Arborea

Sopra Arborea

I cieli di Arborea portano a voli eccezionali e pericolosi, pieni di bufere e tempeste. Essi si comportano nella maggior parte dei casi come quelli del Primario sebbene, come nel caso di Elysium, le stelle qui siano nell'aria invece che su una sfera di cristallo, organizzate (e a volte risistemate) deliberatamente dai voleri dei poteri locali. Gli Olimpici sono particolarmente propensi a favorire grandi eroi mortali offrendo loro un posto nel cielo. Le stesse stelle e lo stesso sole sono visibili sia su Olimpo che su Ossa. Madama Elanya non era in grado di andarci da sola, ma un resoconto alquanto affidabile sostiene che con i giusti sacrifici ad Apollo, Diana e Zeus, un tagliaccio possa davvero volare fino a queste altezze stellate, e parlare agli eroi e alle creature commemorate là. Le voci non sono chiare su come si possa parlare ad una raccolta di stelle, ma molti cronisti indipendenti concordano sugli stessi dati fondamentali, compreso che lo strato che vedete sotto di voi da lassù è sempre quello da cui siete partiti. Un importante avvertimento è di stare ben lontani dal Sole, che brucerà chiunque sia meno di una potenza, anche coloro che sono immuni al fuoco; e dalla Luna, che non brucia ma che è probabile vi condurrà a una dea infuriata che i darà la caccia per lo sconfinamento.

Gli elfi sono più all'occhio riguardo le stelle, su entrambi i primi due strati. Invece che costellazioni, molte stelle singole qui sono presumibilmente eroi o anche semidivinità e, anche se può essere possibile visitarle, uno spaccaossa farà probabilmente meglio ad avere una ragione molto buona per fare questo invece che usare un incantesimo comunione. D'altra parte, alcuni tipi di luce stellare e lunare imbottigliata sono disponibili dai reami degli elfi; questo fa sì che certa gente pensi che il traffico verso i remi stellati da qui sia più regolare che fra i Greci.

Al di sopra del terzo strato di Pelion, il cielo è decisamente minuscolo. È davvero necessario solo per coprire le regioni colonizzate, che sono piuttosto piccole e, oltre a ciò, esso è a malapena più di un ripensamento, un'eco sbiadita della cosa reale rimasta in aree più importanti. Sopra un insediamento, uno spaccaossa dallo sguardo acuto che si trovi a terra può distinguere la barca in cui Ra trasporta il Sole attraverso il cielo, anche se in quel momento egli sta presumibilmente facendo lo lo stesso attraverso un migliaio di mondi del Primario Materiale; alla notte, le falde del mantello della potenza egiziana Nut possono essere viste ondeggiare debolmente in lontane brezze ombrose. Probabilmente non c'è un "su" oltre quella potenza, non su Pelion. Al di fuori delle aree colonizzate, potrebbe sembrare che ci sia un sole lassù, e un cielo notturno stellato, ma essi sono soltanto echi della cosa reale; tenete d'occhio la vostra altitudine mentre viaggiate verso di essi, e capirete presto che non state facendo alcun progresso.

Sotto Arborea

Sotto il reame di Olimpo ci sono molte caverne e viste mozzafiato, ma uno spaccaossa farebbe meglio a non metterci le mani: Ade è il potere Greco del sottosuolo e delle sue ricchezze e, per essi, il sottosuolo comincia appena vi trovate sotto il livello della vostra testa. Non siete nelle Distese nell'istante in cui arrivate qui sotto, ma la regione dell'Olimpo è chiaramente un luogo di transito, parte del percorso planare del Monte Olimpo, anche se cominciate da sotto l'oceano, che siate sullo strato di Olimpo o su quello di Ossa (uscire dall'Ade, però, vi porta sempre su Olimpo.

Sotto Arvandor c'è una serie interessante e del tutto diversa di panorami. Innanzitutto, gli elfi non passano tanto tempo nel sottosuolo, quindi non c'è stata molta esplorazione qui, da parte loro; lo stesso vale per i giganti, quindi tutte le rovine di questa razza che la gente va a saccheggiare sono al di sopra del suolo. I nani sarebbero la popolazione naturale, ma è improbabile che vedremo presto una città di nani costruita sotto una città di elfi. Questo significa che qui sotto c'è un intero reame di bellezza e passione arboreane ancora intoccato dagli utensili: enormi caverne con colonne intricate e formazioni rocciose intagliate da vivaci fiumi sotterranei; profonde miniere piene di gemme e metalli preziosi; baratri pericolosi; e creature — dice Zzing — che sono parte del sottosuolo di Arborea, modellatrici degli strati geologici che vivono allo stesso livello dei titani. Se potesse essere fatta una pace sufficiente per permettere a una comunità di nani di insediarsi qui, egli è certo che questo diventerebbe un luogo di pellegrinaggio planare per quella razza.

Al di sotto di questo basamento di roccia c'è uno strato di magma, proprio come quelli sui mondi del Primario, sebbene più grande. Tuttavia, se finora questo non fosse stato sufficiente per sbalordirvi, le creature dello strato profondo di Arvandor sostengono che ci siano esseri ancora più potenti che nuotano nel Mare Fuso, causando spinte verso l'alto e vulcani che sono responsabili di molte delle catene montuose, delle isole e dei terremoti di Arborea. È impossibile dire quanto in profondità tutto ciò si spinga. Sotto Pelion, tuttavia, la roccia sembra essere esattamente l'opposto: nuda, piatta e morta, essa semplicemente si comprime e diventa sempre più dura man mano che si va verso il basso. Parte del sottosuolo è sotto la protezione di Nephythys sebbene, apparentemente, come parte delle regioni di sepoltura, che gli spaccaossa saggi eviteranno.

Ysgard

Sopra Ysgard

Ci sono stelle e una luna su Ysgard, ma si tratta più di caratteristiche ottiche che di cose reali. (Selune, o un altra potenza della luna potrebbero essere in grado di raccontarvi diversamente circa le loro aree di influenza, ma esse non parlano molto con i nostri autori). Ai Norvegesi non interessa così tanto onorare i loro eroi nel cielo; essi staranno bevendo con loro giù di sotto. I venti astrali soffiano nelle arie più alte, sferzando i rami del Frassino del Mondo e le altezze di Ysgard si restringono, cosicché il cielo è limitato in estensione. Andate in alto, lontano dal Frassino del Mondo, e vi ritroverete nell'Astrale o, più di rado, su un altro dei mondi che l'Albero tocca. Il più alto punto ancora in Ysgard è subito sopra la cima dell'Albero del Mondo, a molti di giorni di volo o di scalata verso l'alto, dove c'è un'enorme aquila e un portale per il Piano dell'Aria.

Sotto Ysgard

Non c'è molto "giù" nei primi due strati di Ysgard, dove la terra è fatta principalmente di masse fluttuanti. Yggdrasil è circondato da aria respirabile e andando verso il basso parallelamente al suo asse — sia procedendo lungo il tronco che saltando fra le masse di terra — comincerete a scendere dentro una fredda nebbia e alla fine uscirete vicino a Niflheim a meno che non passiate attraverso un portale per il Primario. Questo pone un fondo al "giù" se si parte da quegli strati e, su Nidavellir, su e giù non sono nulla più che diversi modi di toccare le masse di terra che compongono l'intero strato.

Limbo

Siete seri? Non c'è neppure su o giù qui, babbi.

Pandemonium

Stessa cosa. In ogni direzione voi andiate, ci sono solo altri labirinti e caverne.

Abisso

Su quegli strati che hanno un alto e un basso definiti, resoconti abbastanza affidabili sostengono che scavare in profondità da qualsiasi strato dell'Abisso sia un buon modo per calarsi attraverso un foro in un altro strato, spesso uno a caso. Il Grandioso Abisso è il migliore esempio di ciò. Andare verso l'alto ha il medesimo effetto, almeno fra gli strati di Graz'zt secondo eruditi nativi del posto, quindi, se state cercando di fuggire da uno strato abissale, potete provare questo metodo. se non vi rallegra l'idea che ogni strato abissale in pratica giaccia sopra ad una lastra fatta di portali chiusi, be', questa è semplicemente la natura dell'Abisso. Tuttavia, dato che l'Abisso è l'Abisso, è altrettanto probabile che qualunque strato raggiunto non abbia alto e basso, o che sia un infinito vuoto pieno d'aria con un alto e un basso definiti, dotato di gravità e in cui le cose finiscono per schiantarsi; o ancora, ci si potrebbe imbattere in un gran numero di altre cose sgradevoli. In sostanza, ogni strato ha le sue proprie regole.

C'è però una rilevante eccezione, che noi ricaviamo da resoconti piuttosto che da esplorazioni: si tratta dei cieli sulla Piana dei Portali Infiniti. Questo è tassativamente il reame di Pazuzu, il Principe Demoniaco di tutte le cose malvagie che sventolano e volano. C'è anche un bruciante sole rosso qui, ma esso non si attiene a nessun corso prestabilito e vaga invece per il cielo. Le voci sostengono che il sole sia esso stesso un potere minore, venerato su alcuni Piani Materiali come il sole nel suo aspetto malvagio di siccità e cecità, ma nessuno lo sa per certo e sicuramente esso non può essere raggiunto da molti. Cosa fareste con una cucchiaiata del sole dell'Abisso? Esso non tramonta nemmeno, quindi nessuno sa se la Piana abbia stelle oppure no. Forse non c'è luogo dove poter andare.

I demoni della corte di Pazuzu dicono che molto lontano al di sopra dell'Abisso la realtà stessa diventi un po' più rarefatta, la gravità diventi più debole e la nozione di "alto" cessi comunque di avere troppo senso. Una cosa su cui tacciono, però, è se essi abbiano mai visto qualche stella oppure no. Qualcosa circa la nozione di stelle sopra l'Abisso sembra infastidirli; è vero che i percorsi delle stelle sono una metafora di ordine su altri piani, ma questo non sembrava essere il punto. Se le stelle appaiono mai sulla Piana dei Portali Infiniti, uno spaccone saggio dovrebbe seriamente sospettare un presagio di qualcosa di importante — qualcosa che ai demoni non piace prevedere.

Carceri

Sopra Carceri

Se andate verso l'alto o verso il basso nel posto giusto su Carceri, raggiungerete lo strato successivo. Potete anche volare fino alle sfere adiacenti tramite diversi mezzi. Volare via dalle sfere è una cattiva idea, specialmente sullo strato superiore; si batte che ci siano cose che vivono in quello che sembra essere un grande vuoto e che esse richiamino le menti di coloro che osano fuggire dalla Prigione Rossa per quella via. Sugli strati più bassi, il cielo è solo un semplice vuoto; c'è qualche sporadica tempesta e l'aria diventa gradualmente sempre più fredda e rarefatta man mano che ci si allontana dalle sfere. Non ci sono corpi astronomici.

Sotto Carceri

Se vi dirigete verso il basso da una sfera in un luogo che non sia un portale, sostanzialmente vi schianterete contro il basamento roccioso, di solito abbastanza rapidamente. Tuttavia, è raro che esso sia molto grosso prima che la sua conformazione cambi e non tutte le sfere hanno lo stesso materiale sotto la superficie. La maggior parte presenta uno strato di magma o di adamantio attraverso cui Zzing non può passare, per cui egli pensa che fisicamente molte delle sfere siano completamente solide (nel caso non lo siano, allora il nucleo di una sfera di Carceri sarebbe enorme e circondato da un muro sorprendentemente impenetrabile; qualcosa di dimensioni simili potrebbe essere contenuto lì dentro?) Tuttavia, egli ha affermato che una sfera da lui visitata fosse completamente diversa da ogni altra che avesse visto: che l'interno di una sfera di Othrys fosse uno strato del tutto differente, popolato da creature acquatiche che erano state imprigionate qui. Lo Stige, tuttavia, penetra in questo strato, lasciando tracce del suo potere in alcune correnti oceaniche. I ricordi di Zzing, perciò, sono, ahimè, confusi. Ciononostante, i suoi appunti sono disponibili negli archivi della Fratellanza. (Egli dice anche che molti degli abitanti di questo strato acquatico, per via della lunga esposizione, sono quasi completamente affetti da amnesia, anche rispetto ad eventi recenti.)

Distese Grigie

Sopra le Distese Grigie

I cieli al di sopra delle Distese Grigie si rannuvolano rapidamente con l'altitudine mentre la visione è offuscata dalla foschia. Su Niflheim o Plutone, l'influenza dell'Yggdrasil e dell'Olimpo alla fine raggiunge questi cieli, sostituendo il concetto di "alto" e portando un volatore sulle arie al di sopra di questi percorsi planari. Su Oinos, non c'è alcuna via di cui parlare. Se c'è una fonte di luce che qualche volta rischiari la foschia, nessuno è stato in grado di localizzarla. Elenya crede che la risposta più ovvia sia che la foschia stessa costituisca la fonte.

Ella ha anche compiuto alcuni test arcani su questo materiale, con risultati curiosi. Si arrischia a suggerire che il Vuoto sia circondato da un'indifferenziata raccolta di materiale così apatico da non avere neppure un nome o qualità nel senso elementale della parola: gli elementi sono differenziati dalle loro qualità di freddo contro calore e secchezza contro umidità, in una classificazione che vede la Terra, per esempio, come calda e umida mentre l'Aria come fredda e secca. Ma la sottile e fresca foschia del cielo delle Distese non è né secca né umida, né fredda né calda, e non è originariamente imbevuta di alcuna energiapositiva né [[piano-energia-negativa|[negativa]]]. Essa può anche essere utile a qualcuno che abbia bisogno di una lavagna elementalmente vuota e riuscisse a trattenerne un po'; se quella piccola quantità fosse capace di pensiero, essa probabilmente odierebbe chi la sta utilizzando per il fatto di essere stata resa utile.

Sotto le Distese Grigie

Il terreno sotto Niflheim e Plutone, analogamente, diventa alla fine la regione al di sotto del Frassino del Mondo e del Monte Olimpo. Sotto Yggdrasil, il suolo diventa… radici. Normalmente, le radici sono radicate in qualcosa ma, secondo Mastro Zzing, egli ha trovato radici di legno, dure come pietra, che serpeggiano attraverso il terreno e laghi subacquei, affollandosi alla fine a tal punto da non lasciare altro che legno di radice duro come il ferro. Egli non avrebbe potuto scivolarci attraverso e sospetta che esso formi il sostegno metafisico dello strato. Sotto Plutone, il basamento roccioso è di marmo, probabilmente a causa della volontà e delle preferenze di Ade — esso rispecchia chiaramente il suo stile al di sopra del suolo. Esso sembra estendersi indefinitamente senza differenze. Oinos, tuttavia è una questione totalmente diversa.

Scendendo attraverso Oinos c'è il consueto strato di terreno secco con piccole quantità d'acqua; Zzing nota che ci sono, in realtà, enormi falde acquifere, così chiuse che la loro acqua sarà per sempre completamente inutile agli abitanti della superficie. (È solo a causa della più grave dedizione ai suoi giuramenti come ricercatore per la Fratellanza che Mastro Zzing rivela qualcosa che è sicuro non sarà volto a buon uso: che molto al di sotto ella superficie delle Distese ci sono comunità di disertori della Guerra Sanguinosa e larve fuggite o altre deboli creature che sono riuscite a trovare un posto che ha poche probabilità di essere visto dai cercatori e in cui le loro ricerche sono difficoltose.) La profondità, però, non è una barriera all'effetto drenante delle Distese. Al contrario, esso diventa più forte; i muscoli, e in seguito altre facoltà, iniziano ad affaticarsi e ad indebolirsi. Non è un drenaggio come quello del Piano dell'Energia Negativa, che consuma, né è un blocco come l'effetto della Guglia. Piuttosto, l'apatia dello spirito diventa più forte, anche se le emozioni di un individuo sono ancora intatte. Questo effetto pervade anche i materiali, che diventano pesanti e coriacei. La gravità stessa inizia ad indebolirsi e ad attrarre di meno, sebbene la materia resti lo stesso posata a terra. Apparentemente, qualsiasi cosa su cui le Distese siano posate ha bisogno soltanto di avere una profondità finita; di qualunque cosa si tratti, essa tiene su Oinos semplicemente perché non può essere persuasa a muoversi da lì.

Gehenna

Questo è piuttosto facile. Le montagne di Gehenna sono finite, quindi scavarci attraverso, alla fine, vi porta nello stesso posto in cui arrivereste volando troppo lontano: nel vuoto nero. Con ogni probabilità, non è un esercizio che possa recare profitto a qualcuno.

Baator

Baator è uno di quei piani dove scavare e volare sono entrambi cose piuttosto difficili. In realtà, già il solo fatto di essere lì può essere un considerevole problema, quindi le nostre fonti qui sono rigorosamente tratte dalla letteratura sul tema.

Sopra Baator

Teoricamente, i cieli di Baator sono infiniti vuoti pieni d'aria. L'esempio di Jangling Hiter è il più comunemente citato. Tuttavia, dagli strati più bassi i livelli superiori sono visibili, come su Monte Celestia. Questo, però, è un qualche tipo di illusione, o forse una forma di illusione o comprensione concessa dal fatto di essere sugli strati inferiori. In ogni caso, andare su richiede l'uso della magia, non di arrampicarsi lungo le catene di Jangling Hiter o di volare con le ali. Andando verso l'alto da Avernus, si entra in una brillante foschia rossa — probabilmente essa continua per sempre, ma, anche se il bagliore illumina la terra da una quota bassa, esso impedisce la vista del panorama sottostante se si arriva troppo in alto. I baatezu non vogliono che la gente scopra il loro territorio.

Più di una fonte, tuttavia, ha affermato che ci sia un buio qui sopra: portali verso le Terre Esterne, Acheronte, Gehenna e l'Astrale, e non necessariamente disposti in modo casuale come quelli del territorio sottostante. Il fatto è che non ci sono punti di riferimento, quindi l'unico modo per trovarne uno è sapere il percorso per arrivarci dalla terra sottostante e andare ad aspettarlo. Arrivando da questi portali, tutto quello che un viaggiatore vede è un vuoto bagliore rosso — come potrebbe mai sapere di essere a Baator, finché non si spiaccicherà al suolo? Se la storia della Valle Chiusa su Monte Celestia è vera, quel portale potrebbe aprirsi qui — e se è così, è possibile che i baatezu sappiano di esso, nel qual caso avrebbero una rapida via per Celestia, e ogni zolla che sapesse qualcosa sulla sua locazione sarebbe un bersaglio sicuro per il |libro dei morti.

Sotto Baator

Scavare sotto ognuno degli strati di Baator è diverso, sebbene tutti si fermino improvvisamente dopo un po'; gli strati sono circondati da un vuoto che si batte divori coloro che vi entrano, e questo include coloro che scavano fino a cadere, proprio come su Gehenna.

Sotto Avernus, vi ritrovereste innanzitutto nel reame di Draukari, semplicemente a causa della volontà di quel potere — egli sembra "possedere" il sottosuolo qui, eccetto che per le caverne che Tiamat controlla.

Sotto Dis, ci sono aree urbanizzate — fognature, cantine e tunnel sotterranei, anche sotto le aree apparentemente esterne alla città. Si batte che l'intera città sia un riflesso della mente di Dispater, ed egli non sembra interessarsi molto a ciò che si trova sotto il livello abitato.

La palude di Minauros è stata in realtà esplorata dai diavoli incaricati di recuperare oggetti che erano caduti dalla città nel corso degli anni. Essi hanno trovato, dopo una lunga discesa verso il basso, uno strato di sudicia torba; hanno anche dichiarato che ci fossero portali per la Melma, il che è strano esattamente quanto occorre perché sia vero.

Sotto Flegesto, Stygia e Cania, per quanto possiamo raccontare, ci sono semplicemente gli oceani di magma e acqua gelida che definiscono gli strati. Un oceano posto su di un vuoto è un pensiero inquietante ma, dopotutto, Baator non dovrebbe essere ritenuto un luogo rassicurante.

Non ci sono informazioni su Maladomini e Nessus; tuttavia, se Baator si attiene rigorosamente al suo andamento (e, in fin dei conti, si tratta di un piano legale), uno scavo relativamente corto vi permetterà di scenderci attraverso. È assolutamente possibile, però, che il concetto di "sotto Nessus" non funzioni neppure matematicamente su Baator.

Malbolge è un caso interessante. Esso è stato recentemente modificato; il suo panorama è ora fatto di carne, e intrepidi investigatori riferiscono che scavare esponga a innumerevoli fluidi corporei di varia acidità, temperatura e velenosità. Tuttavia, dato che tutto questo è cresciuto a partire da un corpo, indipendentemente dalle sue dimensioni attuali, è forte la speculazione che sostiene che la vecchia regione rocciosa giaccia ancora al di sotto della nuova superficie biologica; si batte che in questo luogo ora sepolto vivano ancora esseri ben più antichi dei diavoli.

Acheronte

Non c'è su o giù nella maggior parte degli strati. Scavare in un cubo vi porterà sull'altro lato del cubo. Volare da qualche parte vi condurrà in regioni con cubi diversi. Ecco. L'unica eccezione potrebbe essere il Muro di Wee Jas sul quarto strato, dove il "basso" potrebbe essere contrassegnato dall'ampia estensione di ghiaccio nero. Sui piani ci sono già speculazioni diffuse concernenti quello che potrebbe giacere sul fondo di questo strato ghiacciato; gli autori non hanno la pretesa di essere esperti al punto da aggiungervi qualcosa, ma Elenya si arrischia a dire che il mago Lysander è noto come un tipo piuttosto saggio, ed egli suggerisce che la sorgente dello Stige giaccia al di sotto di esso. Cosa c'è ancora più sotto? Portali verso tutti i mondi dove lo Stige riceve tutto quel peccato e veleno che, presumibilmente, costituiscono un limite al "giù" in quella direzione.

Mechanus

Ogni fesso sa che non c'è un definitivo su o giù qui. Scavare in un ingranaggio vi conduce a un'inversione di gravità e all'altro lato dell'ingranaggio, cosa che più spesso che no fa uscire il lato cattivo di un modron per aver fatto ciò. Andare verso l'alto per grandi distanze vi porterà a regioni che non vedono molto traffico o insediamento provenienti dalle nostre parti planari, e i macchinari possono iniziare a diventare grossi, potenti e complessi in alcune direzioni. Elenya non è una scansafatiche nel costruire, ed ha detto di non aver mai visto alcuni di questi ingegnosi adattamenti prima. Ella scommette che una di queste regioni abbia ispirato l'incantesimo muro di ingranaggi. Forse, immagina, ha qualcosa a che fare con tutte quelle esplorazioni che i Matematici stanno intraprendendo su Mechanus.

Arcadia

Sopra Arcadia

la luce del giorno su Arcadia è fornita dal Globo del Giorno e della Notte, che si trova ad una distanza fisica dal picco più alto del piano. La notte presenta delle stelle, che si vocifera siano la vera ubicazione dei reami dei poteri di Arcadia. Tuttavia, questo non è certo e nessuno ne è sicuro; senza dubbio, il teletrasporto ed il viaggio fisico sono insufficienti per viaggiare fin là. Il tragitto attraverso i cieli trova servitori e strumenti usati dai Re delle Tempeste, il cui permesso è necessario per poter esplorare. Vari castelli sostenuti da nuvole pattugliano regolarmente i cieli.

Sotto Arcadia

Poco al di sotto della superficie di Abellio e Buxenus c'è il reame di città formian e scavi nanici. Al di sotto di questi c'è un basamento roccioso e ancora più giù si trova uno strato di adamantio rigorosamente levigato come a Monte Celestia — parrebbe trattarsi di un fondamento popolare per i Piani della Legge. Non è chiaro cosa possa esserci stato in precedenza sotto la superficie di Nemausus.

Terre Esterne

Gli Entroterra1, che circondano l'anello esterno delle Terre Esterne, esistono anche sopra e sotto.

Sotto le Terre Esterne

Coloro che si dirigono sotto la superficie delle Terre Esterne dovrebbero innanzitutto fare attenzione ai reami di Ilsensine e Gzemnid, che si estendono attraverso molti degli anelli del piano e a volte sotto i domini di altri poteri, se a queste divinità non importa troppo del sottosuolo. Le regioni non reclamate sotto il suolo delle Terre Esterne sono regolarmente naturali rispetto a qualunque superficie sembri caratterizzare la terra di quel luogo; il basamento roccioso, però, si omologa sempre all'impostura degli Entroterra una volta che ci si spinge troppo lontano: sembra che la pietra indifferenziata continui per sempre, ma in realtà qualcuno che si immerga verso il basso non sta andando più lontano di un corto viaggio sotto la superficie. Ciò che non importa non è lì, a giudizio del Territorio.

Sopra le Terre Esterne

Lo stesso vale per i cieli soprastanti, ma mentre gli Entroterra si protendono verso l'interno, i cerchi dell'influenza della Guglia si estendono verso l'esterno. Potete arrivare al di sopra del maltempo, e sembrerà che ci siano cieli blu e che sia persino possibile vedere chiaramente attraverso l'infinita distanza che vi separerà da Sigil. Ma andate abbastanza in alto su ogni anello delle Terre Esterne e vi ritroverete nel successivo anello verso la Guglia e poi in quello ancora successivo, finché sarete nell'anello centrale. Continuate ulteriormente, e scoprirete che ben più della sola magia smette di funzionare. Anche concetti come "volare" ed "alto" smettono di essere operativi qui e dunque nessuno può spingersi più in alto di così; non ha neppure senso parlare di un'altezza maggiore di questa.

Conclusione

Questo, dunque, è ciò che c'è lì sopra e lì sotto sui piani, almeno tanto lontano quanto i nostri intrepidi autori hanno potuto esplorare. Forse abbiamo ammazzato un po' del mistero, o forse ora pensate che ce ne sia più di quanto credete. In ogni caso, buona esplorazione, tagliacci.

Appendice: i soli sono abitati?

NOTA

Questa sezione è tratta dai commenti all'articolo precedentemente tradotto. Per questo, nel testo originale sono presenti riferimenti — ad avventure, manuali, termini tecnici, ecc. — che si è scelto di riportare soltanto in nota per non perdere l'immersione nel testo. Di conseguenza, la forma del testo stesso è stata lievemente modificata. [N.d.T.]

Un dritto di nome Birdy ha avuto modo di chiedere agli intrepidi esploratori a cui si deve questo studio se, a loro parere, i soli dei Piani Esterni siano abitati. Ecco le sue parole:

Pensate che qualcuno dei soli possa essere abitato? Mi è sempre piaciuta l'idea2 di fenici che nidifichino nei soli dei Piani Superiori, per esempio; e sono sicuro che i soli infernali non possano mancare di potenti immondi affini alle fiamme. Forse antichi e temibili balor?

La sollecita risposta di Zzing ed Elenya è stata la seguente:

Molto verosimile! I soli sono menzionati esplicitamente soltanto in poche opere, e su alcuni piani essi mancano sicuramente. Principalmente Arcadia non ne possiede, sebbene ad Heliopolis tu ne possa vedere uno. Monte Celestia ne ha parecchi! C'è un tagliaccio3 il cui lavoro è fare sì che i soli di Mercuria continuino a girare nelle loro orbite". Il più alto strato dell'Abisso ne ha sicuramente uno, mentre nessuno degli altri Piani Inferiori sembra vantarne.

Il sole Selera è una caratteristica cruciale di Krigala, lo strato più alto delle Terre Bestiali. Ci sono, infatti, descrizioni di questo piano4 che sembrano quasi suggerire che Selera sia esso stesso consapevole.

Copyright 2010 by Jem
Traduzione 2018-2019 by Cromatico

.



Bibliografia
1. Tradotto dalla pagina Going Up and Going Down su mimir.planewalker.com - vedi la pagina

(IMPORTANTE! POLICY: Gran parte del testo è liberamente tratto e in parte adattato dalle fonti citate e comunque dalle pubblicazioni Dungeons & Dragons della TSR e della Wizards of the Coast, nonchè dalle traduzioni ufficiali della 25 Edition, oltre ad altre fonti come le pubblicazioni della PAIZO Publishing per Pathfinder, che mantengono i diritti, intellettuali e non, sull'ambientazione e i suoi elementi. Allo stesso modo tutte le immagini sono coperte da copyright e vengono presentate senza alcuno scopo di lucro, corredate di autore e proprietario, e pertanto non sono riproducibili o utilizzabili in nessun ambito commerciale.)

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License