Energon centellinatore o sorseggiatore di anime (Soulsipper energon)

Energon centellinatore o sorseggiatore di anime (Soulsipper energon)

Descrizione fisica

I sorseggiatori (o centellinatori) di anime appaiono come creature di energia lunghe 10 piedi, stranamente simili a pesci in molti dettagli, pur essendo incorporei: possiedono, infatti, proiezioni che somigliano in qualche modo a pinne dorsali e ventrali, sebbene ciascuna di queste strutture sia in realtà costituita da un flusso immateriale di luce. Queste creature sono prive di occhi ma possiedono un orifizio simile a una bocca dove ce lo si può aspettare, orlato da viticci che si muovono delicatamente; due di essi sono più lunghi, più spessi e più palesemente adatti a raccogliere le anime preincarnate. Questi viticci più lunghi vengono usati per mandare a segno attacchi incorporei a tocco.

Consuetudini e combattimento

Sebbene relativamente inoffensivo nel proprio ambiente, un sorseggiatore vede le anime incarnate nelle creature viventi come una meravigliosa prelibatezza e il corpo circostante come un fastidioso guscio di cui sbarazzarsi facilmente.

  • Sorseggiare Anima (Su): Quando il sorseggiatore di anime colpisce con un attacco incorporeo a contatto, esso riduce in modo permanente il punteggio di Costituzione di un avversario vivente di 2d4 o del doppio di questa quantità in caso di colpo critico. Il sorseggiatore di anime guarisce di 5 punti di danno (o 10 in caso di colpo critico) ogni qual volta esso dreni la Costituzione, usando la salute in eccesso come punti ferita temporanei. L'attacco permette un tiro salvezza sulla Tempra (DC 22).
  • Canzone di Accettazione (Su): Quando minacciato (di solito dai saccheggiatori di anime), un sorseggiatore emette un forte attacco sonico (che suona in un certo senso simile allo scampanio di campane di cristallo) con lo scopo di calmare i suoi nemici. Ogni round in cui il sorseggiatore rimane in combattimento, esso emette automaticamente la sua canzone di accettazione, che influenza tutte le creature in un raggio di 9,1444 metri (30 piedi) di ampiezza (gli altri energon spiritovori sono immuni a questo effetto). Le creature nell'area devono effettuare un tiro salvezza sulla Volontà ad ogni round (DC 21) o agire con una penalità morale di -4 a tiri per colpire, tiri salvezza e prove di abilità.

Bibliografia
1. Bruce R. Cordell, Bastion of Broken Souls, Wizards of the Coast, 2002, p. 44.

(IMPORTANTE! POLICY: Gran parte del testo è liberamente tratto e in parte adattato dalle fonti citate e comunque dalle pubblicazioni Dungeons & Dragons della TSR e della Wizards of the Coast, nonchè dalle traduzioni ufficiali della 25 Edition, oltre ad altre fonti come le pubblicazioni della PAIZO Publishing per Pathfinder, che mantengono i diritti, intellettuali e non, sull'ambientazione e i suoi elementi. Allo stesso modo tutte le immagini sono coperte da copyright e vengono presentate senza alcuno scopo di lucro, corredate di autore e proprietario, e pertanto non sono riproducibili o utilizzabili in nessun ambito commerciale.)

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License