Storia aboleth

Storia aboleth

Introduzione

Non esistono resoconti della storia della razza aboleth. Queste creature esistono da milioni di anni, e qualsiasi cronaca della loro storia con anche un minimo livello di dettaglio richiederebbe un tomo di migliaia di pagine di lunghezza. Nonostante la sua età, la razza aboleth segue una certa inesorabile logica, proprio come la vita e la morte di montagne e oceani segue un percorso ciclico.

L'incubo oltre il tempo

Gli aboleth sono contraddistinti dalla loro natura antica. Ricordano il sorgere e il cadere di innumerevoli nazioni, la fondazione delle prime religioni, la formazione di catene montuose e la creazione degli stessi mari. Hanno avuto più tempo per costruire i loro imperi di qualsiasi altra razza; questi imperi nascono e cadono su scala geologica nel corso di eoni. Gli aboleth sono forze primordiali, insondabili per tutti tranne i propri simili.

L'origine degli aboleth

Le creature che avevano costruito e popolato lo spaventoso labirinto che risaliva all'età dei dinosauri non erano dinosauri, ma molto peggio. A loro confronto i grandi rettili erano creature recenti e praticamente senza cervello, mentre i costruttori appartenevano a una razza antica e sapiente, e avevano lasciato impronte nella roccia che già allora risalivano a quasi un miliardo d'anni prima… E la roccia si era formata prima che la vita sulla terra progredisse oltre lo stadio di malleabili gruppi di cellule, ragion per cui precedeva assolutamente l'origine della nostra evoluzione biologica. Perché erano essi ad aver creato le forme di vita terrestri e ad averle fatte schiave; e senza dubbio essi avevano fornito il modello delle creature mostruose descritte nei miti primigeni, quelli cui accennano con terrore i Manoscritti pnakotici e il Necronomicon. Erano i Grandi Antichi filtrati dalle stelle quando la terra era giovane… gli esseri plasmati da un'evoluzione aliena e dotati di tali poteri che il nostro pianeta non ne ha mai conosciuto l'uguale.1

Gli Orrori Ancestrali

Per capire l'origine della razza aboleth, bisogna comprendere che altre entità esistevano — da prima degli stessi aboleth — negli spazi tra la realtà e la possibilità. I loro obiettivi e desideri, così come la loro natura, rimangono impenetrabili per gli umanoidi. Nonostante ciò, molti saggi moderni teorizzano che queste creature potrebbero essere la fonte primordiale della dimensione nota come Reame Remoto; altri vegliardi sostengono invece che la presenza di queste entità si limitò a permettere l'esistenza di tale dimensione e che il Reame Remoto sia solo una delle miriadi di loro creazioni. I saggi si riferiscono collettivamente a queste entità chiamandole Orrori Ancestrali.

Piscaethces e la creazione degli aboleth

Uno degli Orrori Ancestrali creò la razza degli aboleth. Gli aboleth conoscono questa entità con il nome di Piscaethces, che si traduce rozzamente come "Regina del Sangue", dato che è dal suo sangue che ebbero origine gli aboleth. Piscaethces si è da allora ritirata dal mondo fisico, e sebbene periodicamente alcuni cultisti folli cerchino di richiamarla, non si ferma mai a lungo. I suoi interessi sono al di là di questa dimensione. Gli aboleth lo comprendono e sanno che la Regina del Sangue non li generò per curiosità scientifica o per bisogno di compagnia. Al meglio, la generazione della loro razza fu un incidente cosmico che costituì il risultato dell'interazione tra il corpo della Regina del Sangue e il mondo materiale. Questo concetto non crea problemi agli aboleth; al contrario, evita loro un servaggio opprimente. Se la loro progenitrice non ha cura o sentimento per loro, infatti, sono liberi di progredire come preferiscono senza passare l'esistenza a temere vendette o dove continuamente soddisfare chi li ha creati. Ciò che la razza aboleth ha fatto e continuerà a fare, lo ha fatto solo per se stessa.

L'impero primordiale

Sviluppo

Stando a una delle mappe scolpite sulle pareti, tutto il globo era allora sommerso dalle acque e le città di pietra erano state fondate in punti sempre più lontani dall'antartico, ma questo processo era avvenuto nel corso di millenni. […] In epoche più tarde le loro città sorsero in tutti gli oceani e le terre del mondo: per questo nella monografia che sto per pubblicare raccomando che alcuni archeologi, muniti dei macchinari di Pabodie, svolgano una serie di scavi sistematici anche in regioni molto lontane fra loro.2

Dalla loro creazione, gli aboleth hanno fondato innumerevoli imperi negli abissi marini del Piano Materiale. Il loro primo impero resta il più duraturo e grande. Costruito quando il mondo su cui sorgeva era una roccia arida con mari ribollenti e cieli soffocanti, questo impero si estendeva in tutto quel globo. Si trattava di un luogo di notte eterna e golfi oceanici davvero immensi. Con il mondo già sotto il loro controllo, gli aboleth volsero i loro intelletti ad altre mire, principalmente la creazione di servitori che svolgessero le noiose attività giornaliere che servivano a mantenere l'impero. Sperimentarono con innumerevoli forme di vita, compresi costrutti, melme, elementali, parassiti e anche creature più complesse, come animali, bestie magiche e addirittura umanoidi. Il mondo di questo impero primordiale si riempì di distorte mostruosità modellate a loro immagine dagli aboleth. Per innumerevoli ere, questo impero primordiale prosperò, fino a quando non avvenne il disastro.

Fine dell'impero e origine degli dei

Ciò che distrusse l'impero primordiale è noto solo agli aboleth ed essi non ne parlano neppure fra loro. I saggi di altre razze hanno diverse teorie: forse le razze schiave riuscirono a ribellarsi; forse avvenne un grande disastro naturale; forse gli aboleth si rivoltarono gli uni contro gli altri in un instinto di auto-distruzione; forse la Regina del Sangue o un altro degli Orrori Ancestrali fece ritorno e scatenò un'inimmaginabile distruzione.

Una teoria popolare sostiene che le razze schiave svilupparono qualcosa di nuovo nel corso di quei milioni di anni, qualcosa che gli aboleth non avevano mai sperimentato ed erano quindi impreparati ad affrontare. Questa teoria sostiene che le razze schiave svilupparono la fede e scoprirono che esistevano creature più forti degli aboleth, esseri i cui poteri erano ancora più spaventosi. Apparentemente, questi schiavi crearono le divinità, ed esse ridussero gli aboleth ad un'ombra della loro antica gloria. Ciò, se vero, spiegherebbe il disprezzo degli aboleth come razza per la magia divina.

Rovine dell'impero e fuga degli aboleth

Qualunque ne sia stata la causa, la distruzione dell'impero primordiale non fu del tutto completa. Qua e là sopravvissero alcune rovine dell'impero: terrificanti strutture costruite su principi geometrici infami e impuri. Sebbene gli aboleth stessi fossero stati quasi completamente annientati, alcuni sopravvissero. Potrebbe anche essere che solo un aboleth scampò alla morte, perché un singolo aboleth, con il tempo, potrebbe generarne legioni. Ad ogni modo, il mondo fu libero dal loro regno per un lungo periodo di tempo, forse milioni di anni.

Per approfondire: città aboleth

Il ritorno degli aboleth

Sulla vita degli Antichi nel mare o sulla terraferma (dove parte di essi migrò) si potrebbero scrivere volumi. […]

La tenacia con cui gli Antichi erano sopravvissuti ai numerosi cambiamenti geologici e alle convulsioni della crosta terrestre aveva del miracoloso. Sembra che poche o nessuna delle loro prime città sia sopravvissuta al periodo Archeano, ma la civiltà di quelle creature continuò a fiorire e non ci fu interruzione nella trasmissione dei dati storici.3

Quando gli aboleth emersero di nuovo da dove si erano nascosti, giunsero in uno strano nuovo mondo, pieno di vita oltre quella che erano riusciti a creare. Non potevano sapere se questa vita fosse stata introdotta nel mondo da una forza esterna di natura divina, o se gli schiavi e gli esperimenti viventi sopravvissuti si fossero semplicemente evoluti in loro assenza. Per gli aboleth non aveva importanza; sapevano solo che il mondo apparteneva a loro: tutte le altre creature erano parassiti da sterminare. Così, gli antichi signori degli abissi iniziarono una grande crociata per riconquistare il mondo.

Crescita e declino degli aboleth

Nel corso dei milenni, gli aboleth hanno ripetuto i loro sforzi più e più volte: conquistano e controllano il mondo per un periodo prima che gli eventi cospirino per sottrarlo al loro controllo, obbligandoli ancora una volta a nascondersi. Di certo gli aboleth sanno quante volte questo ciclo di trionfi e sconfitte si sia ripetuto, ma è un altro argomento di cui non parlano mai. I saggi discutono sull'attuale condizione dell'impero aboleth: è in crescita o in calo?

La crescita e il declino di di questa razza si dipanano per un così vasto periodo di tempo da somigliare a eventi di scala geologica. Un pessimista crede che gli aboleth stiano ancora costruendo le loro forze preparandosi per un assalto contro il mondo, mentre un ottimista percepisce che siano ancora in declino. Quale che sia la verità, è difficile che la razza aboleth cambierà attività nel corso del prossimo migliaio di anni. C'è però sempre la possibilità di eventi imprevisti: proprio come una massiccia eruzione vulcanica può cambiare il volto di un mondo in una notte, così un singolo evento può cambiare la forza e la potenza della razza aboleth in meglio o in peggio.


Bibliografia
1. Baker, Rich, J. Jacobs, S. Winter, Signori della Follia: Il Libro delle Aberrazioni, Wizards of the Coast & Hasbro, 2005-04

(IMPORTANTE! POLICY: Gran parte del testo è liberamente tratto e in parte adattato dalle fonti citate e comunque dalle pubblicazioni Dungeons & Dragons della TSR e della Wizards of the Coast, nonchè dalle traduzioni ufficiali della 25 Edition, oltre ad altre fonti come le pubblicazioni della PAIZO Publishing per Pathfinder, che mantengono i diritti, intellettuali e non, sull'ambientazione e i suoi elementi. Allo stesso modo tutte le immagini sono coperte da copyright e vengono presentate senza alcuno scopo di lucro, corredate di autore e proprietario, e pertanto non sono riproducibili o utilizzabili in nessun ambito commerciale.)

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License