Il Mutevole Etereo

Il Mutevole Etereo

Un esame della vera natura del Piano Etereo, focalizzato principalmente sulle regioni note come Etereo Superficiale

Squarciare il velo nebbioso

Per molti di coloro che sanno qualcosa dei piani, l'Etereo è relativamente noioso. Certamente, ha i suoi pericoli, ma sembra ben meno variegato del Piano Materiale, dei Piani Esterni o dei Piani Interni. Anche l'Astrale sembra più interessante, con la sua moltitudine di viaggiatori, condotti, pozze di colore, noccioli di coscienza e poteri morti. Ma l'Etereo è più di quello che sembra, come il mio buon amico, il Saggio di Ogni Cosa, si appresta a spiegare…

.

Il Mutevole Etereo

Parte Prima: Le Nebbie Psicotrope

L'opinione comune circa il Piano Etereo è che sia un reame nebbioso pieno di protomateria, relativamente immutabile e non pericoloso in sé e per sé. Ciononostante, l'opinione comune è errata. Le nebbie dell'Etere sono molto più di ciò che sembrano ad una prima occhiata. Ben lungi dall'essere immutabili, le nebbie in realtà sono psicotrope; vale a dire, esse mutano in accordo a ciò che coloro che sono lì vicino stanno pensando. Due fattori influenzano quanto le nebbie mutino: quanto forte sia la mente che le sta cambiando e la prossimità della mente o delle menti che stanno operando il cambiamento. La mente o le menti che influenzano le nebbie non hanno bisogno di essere conscie del fatto di poterlo fare, anche se la consapevolezza fa sì che sia più facile cambiarle.

Perché poi la maggior parte del Piano Etereo prende la forma di un grandissimo banco di nebbia? La ragione per cui l'Etereo Superficiale ha questa forma è che quando la gente viaggiò per la prima volta attraverso l'Etereo, quasi non esisteva un Etereo Superficiale. Nessuno ne sapeva qualcosa, dunque esso non esisteva in una forma visibile. I viaggiatori planari arrivarono nell'Etereo Profondo, che era anche allora nella forma nota oggi, e dissero a tutti che l'Etereo era fatto così quando tornarono. Pertanto, tutti credettero che l'Etereo fosse una nebbia di protomateria, e l'Etereo Superficiale prese quella forma. Ma questo porta a chiedersi perché il Profondo Etereo sia nella sua forma corrente. Esperimenti hanno provato che menti potenti possono piegare il Profondo Etereo alla loro volontà, ma solo in una piccola area e per una ridotta quantità di tempo, prima che esso ritorni alla sua forma consueta. La spiegazione più logica per questo è che da qualche parte nel Profondo Etereo giaccia una mente enormemente potente che sta forzando l'Etereo Profondo ad assumere una forma di sua propria concezione. Quali siano gli scopi di questa mente, o quando essa sia venuta in essere, sono segreti dei quali nessuno conosce la risposta.

Ma gli Eterei Supeficiali, forse per la loro relativa vicinanza al Primo Piano Materiale, sono meno influenzati da qualsiasi cosa sia che dà forma al Profondo. Per questo, essi sono molto più variabili. In effetti, a volte gli esseri con forti volontà fanno accidentalmente in modo che le nebbie formino cose. Ciò è particolarmente diffuso tra psionici e maghi, che sono avvezzi a modellare il mondo attraverso il potere delle loro menti. Tali formazioni inconsce possono prendere molte forme. A volte il creatore dà forma alla cosa che egli o ella desidera di più. Altre volte, può formarsi il peggior nemico del creatore o la sua più grande paura1. Il Piano Etereo può anche essere modellato deliberatamente da coloro che sono informati sulle sue proprietà.

Parte Seconda: Piani Eterei Non-standard

Il Piano Etereo Superficiale non è sempre lo stesso come il Profondo Etereo. Su alcuni mondi, ci sono culture che credono in cose e creature che non esistono precisamente dovunque. Se abbastanza persone credono abbastanza forte in queste cose, l'Etereo può cominciare a prendere la forma di quella convinzione.

Il Mondo degli Spiriti

Un buon esempio di ciò è la credenza che molte culture primitive2 hanno riguardo gli spiriti e il mondo degli spiriti. Molti sciamani in queste culture dichiarano di essere in grado di entrare nel mondo degli spiriti, viaggiando essi stessi in forma di spirito. Lì, essi hanno a che fare con uno specchio soprannaturale del mondo, parlando agli spiriti di animali, piante e formazioni naturali. E chiaramente queste cose hanno potere, poiché gli sciamani possono lanciare incantesimi. Ma dove sono questi mondi degli spiriti? L'ovvia risposta sarebbe nei Piani Esterni. Ma la descrizione del mondo degli spiriti non si accorda con nessun Piano Esterno noto. Le Terre Bestiali, e il Piano Concordante Pangea, sembrerebbero essere buoni candidati, ma il mondo degli spiriti è solitamente descritto come mutevole e alquanto inconsistente. Oltretutto, anche lo sciamano più inesperto può recarsi spesso nel mondo degli spiriti. L'abilità di viaggio planare dal Primario Materiale ai Piani Esterni non sembra possibile per gente tanto debole, anche in spirito.

La successiva risposta ovvia sarebbe che il mondo degli spiriti è una qualche forma di semipiano. A dire la verità, alcuni mondi degli spiriti sembrano essere proprio così. Eppure ci sono migliaia di culture che credono in mondi degli spiriti. Sicuramente, se tutti fossero semipiani, più portali condurrebbero ad essi dagli altri piani, e gli spiriti degli animali girovagherebbero per le strade di Sigil. E, di nuovo, emergerebbe la difficoltà relativa all'abilità di uno sciamano anche debole ed inesperto di giungere al mondo degli spiriti.

Che cosa ci rimane? L'Astrale è troppo sterile. La natura dei Piani Interni è ben accertata, e non corrisponde al mondo degli spiriti. Potrebbe trattarsi del teorico Piano Ordiale, ma esso presenta una distanza anche maggiore da coprire in prospettiva planare. Rimane l'Etereo. E, anzi, esperimenti hanno provato che l'Etereo Superficiale può prendere la forma di un mondo degli spiriti. Una maga è andata in un mondo dove la credenza nel mondo degli spiriti era molto comune, e ha lanciato un incantesimo per portarsi nell'Etereo Superficiale. Al posto del solito piano nebbioso, ha trovato un paesaggio rigoglioso, popolato da spiriti animali. La fede delle gente aveva modellato l'Etereo.

Per approfondire si veda: Il Mondo degli Spiriti

Il Semipiano del Terrore

Un aspetto più sinistro di questo dare forma attraverso la fede potrebbe essrsi risolto nella creazione del chiacchierato Semipiano del Terrore, Ravenloft. L'idea è che su un mondo primevo numerose persone abbiano avuto cattive esperienze viaggiando attraverso l'Etereo, portando le loro paure più oscure alla vita. Costoro fuggirono, e raccontarono ad altri quello che era loro accaduto. Questo alimentà la convinzione che l'Etereo fosse un luogo peicoloso dove esseri terribili erano in agguato. Ciò, a sua volta, fece sì che fosse più probabile che le paure della gente si formassero dal piano, rinforzando i racconti di pericolo, e così via in un ciclo fatale. Ala fine, l'Etereo Superficiale attorno questo mondo materiale divenne così orribile, così pieno con le creature di incubi e leggende oscure, che esso invase il mondo primevo che circondava, e prese vita per proprio conto, la sua natura supportata da coloro che vivevano in esso, che certamente credevano incondizionatamente nel suo male mostruoso. Sebbene questa sia una speculazione, ricerche nell'Etereo sembrano avvalorare questa teoria. Ulteriori esami verranno riferiti3.

Per approfondire si veda: Ravenloft, il Semipiano del Terrore

Parte Terza: Un'Esame di Culture Eteree

A volte, il Primario Materiale non è il principale modellatore dell'Etereo. Se le persone scoprono la vera natura dell'Etereo, esse spesso si spostano qui, formando spazi in cui vivere attraverso la forza delle loro menti. Se abbastanza individui si spostano nell'Etereo, possono formarsi intere società. Solitamente, queste società formano spazi vivibili, modellati secondo i loro gusti, fuori dalle nebbie dell'Etereo Superficiale. Anche se separate dalle nebbie dell'Etereo — di solito da solidi confini — queste dimore sono ancora parte del Piano Etereo, e non semipiani separati.

Man mano che il tempo passa, e le società si separano in nuovi gruppi, nuovi luoghi di residenza vengono modellati. Alla fine, quando molte società sono nate e cresciute, si forma una sfera di abitazioni poichè ognuna è accatastata sopra, vicino o sotto le altre. Man mano che le società si muovono verso l'esterno, le aree del nucleo interno possono diventare abbandonate, disprezzate come le residenze di culture arretrate e decadenti.

Questo può far crescere le aree selvagge, infestate da creature oscure create da esseri malvagi fuori dalle nebbie. Nel corso di migliaia di anni, l'Etereo Superficiale può diventare un mondo più complesso del Piano Materiale che lo ha generato.

Un'altra forma di cultura eterea che si può formare è una che non sa delle proprietà dell'Etereo, e tratta semplicemente la propria casa come un mondo parallelo, rispetto al Primario, e si muove avanti e indietro quando ciò la aggrada. Una cultura di questo tipo è spesso attribuita ai Sidhe, creature simili ad elfi che venerano il Pantheon Celtico e competono con i suoi adoratori mortali. Nella maggior parte delle storie, quando i Celti si sono spostati in terre che ora mantengono, essi hanno costretto i Sidhe ad andarsene. Alcuni Sidhe si sono spostati verso altre terre, ma altri hanno preso residenza in un mondo parallelo, chiamato, variamente, Faerie, Terra degli Elfi (Elfland) e Sottocolle (Underhill). Questo luogo potrebbe facilmente essere un dominio Etereo, composto dalle credenze dei mortali e dal desiderio dei Sidhe di avere una casa.

Per approfondire si veda: Il Piano di Faerie

Il Saggio di Ogni Cosa

.


Copyright 1999 by Kelly Pedersen
Traduzione 2016 by Cromatico


Bibliografia
1. Tradotto dalla pagina "The Mutable Ethereal" su "mimir.net" - vedi la pagina

(IMPORTANTE! POLICY: Gran parte del testo è liberamente tratto e in parte adattato dalle fonti citate e comunque dalle pubblicazioni Dungeons & Dragons della TSR e della Wizards of the Coast, nonchè dalle traduzioni ufficiali della 25 Edition, oltre ad altre fonti come le pubblicazioni della PAIZO Publishing per Pathfinder, che mantengono i diritti, intellettuali e non, sull'ambientazione e i suoi elementi. Allo stesso modo tutte le immagini sono coperte da copyright e vengono presentate senza alcuno scopo di lucro, corredate di autore e proprietario, e pertanto non sono riproducibili o utilizzabili in nessun ambito commerciale.)


Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License