Y'chak, la Fiamma Viola

Y'chak, la Fiamma Viola


Y'chak è unico tra gli Orrori Ancestrali in un modo spaventoso: è attivamente interessato nello sviluppo della vita o, per essere più precisi, nello sviluppo della distruzione della vita.

Descrizione e consuetudini

La presenza di Y'chak può essere avvertita nelle civiltà nel corso dei tempi, dato che agisce da musa e da ispirazione per tutto ciò che è distruttivo e rovinoso. Gli aboleth credono che gli dei della crudeltà, della guerra e della morte siano stati creati come risultato dei sussurri di Y'chak. Y'chak incoraggia la venerazione di divinità malvagie. A coloro che lo contattano appare come un seducente o rispettabile membro della stessa razza, ma la sua vera forma si dice sia uno sfavillante pilastro di fiamme viola che nasconde una forma interna così spaventosa che vederla chiaramente indurrebbe la totale distruzione del corpo e dell'anima.

Segni di rispetto

Gli aboleth onorano Y'chak nelle loro città con la costruzione di massicci pilastri di fiamma viola che ardono anche sott'acqua. Le pulsazioni e le vibrazioni di queste colonne di fuoco vengono utilizzate per contraddistinguere il passare del tempo o anche per inviare semplici messaggi a tutta la città.

Nota

Y'chak è ispirato ad almeno due creature dei Miti di Cthulhu: rispettivamente, il Dio Esterno Nyarlathotep e il Grande Antico Hastur.


Bibliografia
1. Baker, Rich, J. Jacobs, S. Winter, Signori della Follia: Il Libro delle Aberrazioni, Wizards of the Coast & Hasbro, 2005-04

(IMPORTANTE! POLICY: Gran parte del testo è liberamente tratto e in parte adattato dalle fonti citate e comunque dalle pubblicazioni Dungeons & Dragons della TSR e della Wizards of the Coast, nonchè dalle traduzioni ufficiali della 25 Edition, oltre ad altre fonti come le pubblicazioni della PAIZO Publishing per Pathfinder, che mantengono i diritti, intellettuali e non, sull'ambientazione e i suoi elementi. Allo stesso modo tutte le immagini sono coperte da copyright e vengono presentate senza alcuno scopo di lucro, corredate di autore e proprietario, e pertanto non sono riproducibili o utilizzabili in nessun ambito commerciale.)

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License